Svizzera, 17 gennaio 2019

I ritardi delle FFS approdano in Consiglio federale

Lo stesso anno in cui le Ferrovie federale svizzere celebrano il 75esimo anniversario del loro famoso orologio, simbolo svizzero di precisione e puntualità per eccellenza, paradossalmente la puntualità leggendaria delle nostre ferrovie federali non è più quella di una volta.

Perché da molti mesi, o anche anni a dipendenza della regione, il desiderio dei viaggiatori di raggiungere la propria stazione di destinazione in tempo sembra essere diventata quasi un'eccezione. Gli utenti subiscono quotidianamente ritardi, cancellazioni del treno, lavori e altri guasti. E tutto questo a prezzi esorbitanti e in continuo aumento.

Le FFS, una volta così affidabili, sembrano aver gradualmente abbassato il loro standard di qualità, allo stesso ritmo con cui i loro prezzi sono aumentati. I ritardi, rari e inaccettabili una volta, sembrano essere diventati la norma. Tre, quattro, cinque, dieci o quindici minuti di ritardo non sono più sorprendenti ... Ancora più infuriante, le spiegazioni fornite alla stazione ai viaggiatori sono raramente esaurienti. Il treno non è in orario? La colpa è di un evento all'estero, o l'attesa di un altro treno di ritardo. Non ti basta come spiegazione? Arrangiati. Facilmente comprensibile quindi la sensazione di abbandono che molti clienti provano.

In Ticino il problema dei ritardi e altre mancanze come la mancanza di spazio e di posti a sedere su determinate tratte e determinati orari è un problema che esiste, e peggiora, da almeno un decennio ed è sensibilmente aumentato dall'allungamento della rete fino a Varese.

Ma i ritardi e le altre mancanze delle FFS non sono un problema esclusivo del canton Ticino, anche le altre regioni, chi più chi meno, devono far fronte a crescenti disagi e il tema è oggetto di discussione anche al di là della alpi da diverso tempo.

E la questione è di recente approdato anche in Consiglio federale. Di fronte al malcontento crescente tra i passeggeri, il consigliere nazionale Denis De Reussille (POP / NE) ha presentato un'interpellanza lo scorso dicembre circa il degrado delle prestazioni delle FFS. Il governo dovrà quindi chinarsi sulla tematica. Se l'interpellanza sarà liquidata alla menavia o se si affronterà seriamente il problema, resta però da vedere.

Guarda anche 

I contadini contro l'Accordo quadro, "a rischio una produzione agricola senza OGM"

La Camera dell'agricoltura dell'Unione Svizzera dei contadini (USP) si è pronunciata mercoledì contro l'accordo istituzionale con l'UE "...
24.04.2019
Svizzera

I salari si difendono solo stando alla larga dall’UE

Come detto in più occasioni, la battaglia determinante per il futuro della Svizzera è quella sui rapporti con la fallita UE. I funzionarietti di Bruxelles, ...
24.04.2019
Svizzera

Canone più caro d’Europa: le giravolte dell’economia

Prosegue il circo sul canone radioTV più caro d'Europa. I rappresentanti dell’economia oggi protestano per l'imposizione delle imprese. Ma è u...
22.04.2019
Svizzera

Dittatura Young Boys: quanto durerà?

BERNA - Nell’estate 2017 pubblicammo un servizio in cui, fra il serio e il faceto, si chiedeva allo Young Boys di mettere fine ad una serie di successi ormai l...
23.04.2019
Sport