Svizzera, 28 gennaio 2024

La Confederazione vuole vietare la pubblicità prodotti zuccherati ai minorenni

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la pubblicità dei prodotti ricchi di zucchero non è adatta ai bambini. I suoi rappresentanti chiedono quindi restrizioni sulla commercializzazione degli alimenti ad alto contenuto di zuccheri o grassi per proteggere i più giovani. Anche le autorità svizzere e il Consiglio federale sostengono questa richiesta. Abbastanza da destare preoccupazione nell’industria alimentare.

In un progetto elaborato nell’ambito della modifica della legge sulle derrate alimentari, di cui la rivista “Bilanz” riferisce, il Consiglio federale intende vietare la commercializzazione di alimenti ritenuti nocivi dagli schermi televisivi o degli smartphone. Il Consiglio federale può limitare la pubblicità di derrate alimentari destinate ai bambini di età inferiore a 13 anni nella misura in cui queste non soddisfano determinati criteri, in particolare per quanto riguarda il contenuto di grassi, sale o zuccheri, sulla base di norme dietetiche riconosciute a livello internazionale o nazionale raccomandazioni.

Il disegno di legge emerge da un'indagine condotta da Infras. Alcuni mesi fa l'istituto di ricerca ha intervistato, su richiesta della Confederazione, rappresentanti dell'industria, dei commercianti, delle associazioni e delle organizzazioni come la tutela dei consumatori sulle loro stime sulle possibili conseguenze di una simile legge.



Secondo la proposta di regolamento, tali divieti si applicherebbero alla pubblicità su tutti i media e ad un'ampia gamma di prodotti. “Ne sarebbero interessate soprattutto le bevande zuccherate, i dolci come caramelle o biscotti, gli yogurt, i gelati, i cereali da colazione e gli snack salati”, si legge nell'articolo.

Sotto la guida del consigliere federale socialista Alain Berset, l’Ufficio federale della sicurezza alimentare e degli affari veterinari (USAV) aveva già dichiarato guerra allo zucchero. Berset aveva concordato con aziende come Coca-Cola, Rivella, Goba e Ramseier una riduzione volontaria del 10% dello zucchero nelle loro bevande.

Prima ancora, i produttori di yogurt e cereali per la colazione si erano già impegnati a eliminare gradualmente lo zucchero dai loro prodotti. Nel frattempo la Berset ha passato il dossier alla sua collega di partito Elisabeth Baume-Schneider. Tanto da suscitare sentimenti contrastanti all'interno delle aziende: “Con Alain Berset era ancora chiaro che cercava soluzioni concordate con l'industria. Con Elisabeth Baume-Schneider la situazione è incerta. La situazione è imprevedibile", ha affermato un rappresentante dell'industria, a condizione di anonimato.

Guarda anche 

La Confederazione spende 60'000 franchi per una gita scolastica in India

Che un ente pubblico contribuisca al finanziamento di attività scolastica, come una gita, non è nulla di nuovo. Ma forse hanno esagerato all'istituto Al...
14.04.2024
Svizzera

Il Consiglio annuncia un deficit di 1,4 miliardi di franchi e tagli nel trasporto pubblico e nei politecnici

La Consigliera federale Karin Keller-Sutter ha presentato i conti 2023 della Confederazione, che sono risultati essere migliori di quanto preventivato. Ma fanno comunque ...
15.02.2024
Svizzera

La Confederazione vuole tagliare centinaia di milioni di franchi nell'agricoltura

Il Consiglio federale vuole ridurre le spese nel settore agricolo del 2,5%, pari a 347 milioni di franchi, per gli anni dal 2026 al 2029. Ciò è dovuto alle ...
26.01.2024
Svizzera

Sigarette più care e tagli nell'asilo e nel trasporto pubblico: le misure della Confederazione per ridurre il deficit

Il futuro è cupo per le finanze della Confederazione. Si prevede infatti un deficit di 2,5 miliardi di franchi e oltre a partire dal 2025, ha annunciato mercoled&i...
25.01.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto