Svizzera, 02 gennaio 2024

Un medico di Lucerna guadagna mezzo milione di franchi con 150 perizie AI

Quando una persona richiede una rendita d'invalidità, gli uffici cantonali dell'AI devono verificare se il diritto di ricevere una rendita è giustificato. Per fare ciò, vengono ordinate valutazioni mediche presso specialisti, che spesso hanno un'attività in proprio. Le competenze che riguardano più discipline sono assegnate in modo casuale. Le perizie monodisciplinari, cioè quelle che riguardano un solo ambito, possono essere distribuite direttamente ai medici specialisti interessati. Nel 2022 gli uffici cantonali AI hanno ordinato in questo modo più di 4300 accertamenti monodisciplinari. Sono stati contattati 386 medici: 294 di loro hanno effettuato meno di 10 accertamenti. 70 medici hanno effettuato dalle 10 alle 50 valutazioni. 22 medici hanno effettuato 50 o più valutazioni.

L'esperto individuale più popolare è stato un medico che lavora nel cantone di Lucerna. Lo specialista in psichiatria e psicoterapia ha ricevuto nel 2022 150 mandati di competenza monodisciplinare dagli uffici cantonali AI e per questo ha ricevuto 568'650 franchi. Nel 2020 (342'425 franchi) e nel 2021 (439'827 franchi) aveva già ricevuto somme considerevoli dall'AI per le sue valutazioni. Per fare un confronto, secondo uno studio dell’Ufficio federale di statistica, nel 2019 gli psichiatri indipendenti hanno guadagnato un reddito medio annuo di 126’633 franchi.

150 valutazioni all’anno rappresentano quindi un carico di lavoro notevole per un singolo medico. Questo dato è ancora più sorprendente se si considera che il medico in questione svolge queste perizie come un lavoro a tempo parziale. Come mostra una ricerca del Blick, questo medico tedesco lavora al 70% per la Suva. Nell'ambito dell'assicurazione contro gli infortuni fornisce consulenza alla gestione dei sinistri su questioni psichiatriche.

Rimangono quindi dai 70 agli 80 giorni di lavoro all'anno per la sua attività di esperto di AI. Durante questo periodo, Christian Fricke ha effettuato in media circa due valutazioni mediche al giorno nel 2022, che hanno permesso di portare nelle casse del suo studio privato 7'600 franchi al giorno. Il diretto interessato, interpellato, sostiene che il carico di lavoro non sia un problema: "La capacità di effettuare valutazioni rilevanti in un periodo di tempo limitato si basa sulla mia esperienza pluriennale e su un approccio strutturato al lavoro", risponde al Blick. Secondo lui il numero di accertamenti annuali rispetta gli standard etici e medici di tutte le parti coinvolte.



Inoltre, il medico indica di avvalersi di “ausiliari” per effettuare le valutazioni: “Si tratta nella pratica di una misura abituale per delegare determinati compiti amministrativi o di supporto”. Ciò include, ad esempio, la raccolta di ulteriori dati sui pazienti o l'organizzazione di documenti. Lo psichiatra sottolinea: “La responsabilità del contenuto e dell’aspetto medico delle perizie resta sempre nelle mie mani”.

L’Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS), responsabile delle competenze in materia di AI, non vede nessun problema. "Un back office professionalmente competente può contribuire molto bene a una rapida conclusione delle valutazioni", afferma un portavoce. Tuttavia, l'autorità sottolinea che il medico può certamente lavorare più dei 70-80 giorni menzionati nella sua “attività indipendente”, il che lascia più tempo per la preparazione delle varie perizie.

L'UFAS precisa inoltre che gli assicurati possono constatare personalmente, durante i colloqui d'esame, se vengono effettivamente interrogati dall'esperto in questione. "Le registrazioni audio delle interviste permettono anche di verificare questo", precisa il portavoce. Senza dimenticare che il perito garantisce con la sua firma la corretta costituzione della perizia. Nel 2022, tuttavia, in una perizia di questo medico, il Tribunale cantonale di Lucerna ha criticato la “mancanza di firma autografa”. Invece, la firma del medico sarebbe stata “ovviamente copiata”.

Il consigliere nazionale Rémy Wyssmann (UDC/SO) è, in generale, critico nei confronti delle “perizie AI a catena di montaggio” che permettono di guadagnare “più di un consigliere federale”. Durante il question time al Parlamento, Wyssmann ha richiamato l'attenzione del governo federale sul fatto che le perizie del medico erano state giudicate "incomplete" dai tribunali e ha chiesto se "Il Consiglio federale ordinerà un'indagine?

Blick ha diverse sentenze in cui il lavoro di questo psichiatra è stato criticato. Il tribunale cantonale di Basilea Campagna, ad esempio, ha giudicato la sua valutazione psichiatrica “incompleta, addirittura contraddittoria”. In un altro caso, i giudici hanno espresso "seri dubbi sulla competenza di Fricke, motivo per cui non si può fare affidamento su di essa".

Ciononostante il Consiglio federale non vede la necessità di agire. Nella sua risposta del 18 dicembre al consigliere nazionale Rémy Wyssmann, ha certamente confermato che due delle undici perizie del medico valutate dai tribunali nel 2022 “non erano state riconosciute come conclusive”. Tuttavia, non vi è “alcun motivo” per aprire un’indagine.

Guarda anche 

Il Consiglio federale vuole versare 5 miliardi per la ricostruzione dell'Ucraina

Il Consiglio federale ha deciso mercoledì di stanziare complessivamente 5 miliardi di franchi entro il 2036 per la ricostruzione dell'Ucraina. "La Svizzer...
11.04.2024
Svizzera

10'000 euri dal Ticino per salvare il sito francese Riposte Laïque

Un paio di settimane fa il sito di informazione francese Riposte Laïque, fondato nel 2007 da Pierre Cassen soprattutto per difendere la laicità della Francia ...
09.04.2024
Opinioni

“Che trionfo alla Roubaix! Cruciale la caduta di Moscon”

LUGANO - Sonny Colbrelli è uno dei direttori sportivi della Bahrain-Victorius. Un ruolo importante che gli permette di restare nel mondo del ciclismo, ne...
07.04.2024
Sport

“Borg preferiva la cocaina a me”

MILANO (Italia) – Loredana Berté non è mai stata banale, né nelle sue canzoni né nella sua vita privata. E la cantante lo ha confermato ...
04.04.2024
Magazine

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto