Sport, 07 dicembre 2023

Saipi, dalle stelle alla serata no. Il Basilea gongola, il Lugano meno

Dopo l’ottima prestazione offerta contro il Lucerna, ieri sera contro i renani l’estremo difensore non è stato irreprensibile condannando i bianconeri alla sconfitta interna

LUGANO – Ci eravamo lasciati domenica col Lugano tornato alla vittoria interna e con Saipi sugli scudi, autore di una prestazione mostruosa che aveva permesso alla banda di Mattia Croci-Torti di imporsi per 1-0 contro il Lucerna. Ci siamo ritrovati, e salutati, ieri sera col Lugano sconfitto a Cornaredo dal Basilea e costretto al KO, dopo due vittorie consecutive, anche a causa della serata storta del suo estremo difensore. A onor del vero, i renani hanno meritato la vittoria, mettendo in difficoltà i ticinesi in diverse circostanze, ma chiaramente i due svarioni del 23enne portiere hanno inciso in maniera definitiva sull’1-3 conclusivo. 

 
 
Nella serata di festa dedicata al recordman di presenze in maglia bianconera, ovvero capitan Sabbatini, a scartare i regali, dunque, sono stati i renani, lontani parenti ormai di quelli che avevano iniziato la stagione in maniera disastrosa, restando per diverse settimane addirittura in ultima posizione in campionato. Per carità, la truppa ora allenata da Celestini è sempre 11a, a -7 dal Lugano sesto, ma è innegabile che i rossoblù abbiamo cambiato marcia, incamerando 10 punti nelle ultime 5 partite giocate (nelle precedenti 5 ne avevano conquistato solo 1!).
 
 
Certo, i 3 punti ottenuti ieri sera a Cornaredo sono marchiati dall’uscita a vuota di Saipi in occasione dell’1-2 di Jovanovic e dal passaggio scellerato sull’1-3 di Beney in pieno recupero – l’estremo difensore luganese non è stato neanche velocissimo nello spostamento al momento del momentaneo 0-1 di Dubasin su azione d’angolo – ma è innegabile che il Basilea ieri abbia creato molto di più di un Lugano evidentemente sulle gambe e in difficoltà fisica visti i tanti impegni avuti in questa prima parte di stagione e i tanti infortuni con cui ha dovuto fare i conti.
 
 
Ora ai bianconeri non resta che tirare un attimo il fiato, ricompattare idee e energie, per prepararsi alla terza sfida consecutiva casalinga: domenica arriverà il Winterthur, terzultima forza del nostro campionato, e l’imperativo che Celar e compagni è e deve essere quello di chiudere questa intensa settimana con altri 3 punti, per consolidare il proprio posto in classifica.

Guarda anche 

Lugano, 5 passi verso l'obiettivo

LUGANO - Alla fine a decidere è stato il rigore di Ruotsalainen e il Lugano colleziona la sua quarta vittoria consecutiva. La classifica sorride, perché...
25.02.2024
Sport

Condannato a un anno di carcere il richiedente l'asilo che abusò di una ragazza su un treno

Il richiedente l’asilo che lo scorso ottobre era stato arrestato con l’accusa di aver abusato sessualmente di una giovane su un treno regionale tra Lugan...
24.02.2024
Ticino

GALLERY – “Ti invidiamo….”

TORINO (Italia) – Lei incanta sui social con la sua bellezza e sensualità, lui sui campi di Serie A – dopo un esordio da urlo da 17enne, fatica a trova...
25.02.2024
Sport

Calcio in lutto: è morto Andreas Brehme

MONACO DI BAVIERA (Germania) – Una triste notizia è giunta questa mattina dalla Germania: il calcio piange la morte di Andreas Brehme, che si è spento...
20.02.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto