Svizzera, 03 novembre 2023

Non pagavano la Serafe, a casa loro si presentano quattro poliziotti

Sfuggire al pagamento del canone radiotelevisivo riscosso dalla Serafe non è facile. Qualsiasi persona o impresa che sia dotata di un apparecchio che può accedere a contenuti audiovisivi è tenuta a pagarla. I pochi che possono sfuggire a questa tassa devono presentare una dichiarazione all'Ufficio federale delle comunicazioni secondo cui non posseggono nessun apparecchio che può connettersi a Internet, come un computer o uno smartphone.

In totale sono 1'400 economie domestiche che hanno presentato questa dichiarazione e quindi non sono tenute a pagare il canone. Per assicurarsi che queste persone effettivamente non abbiano un apparecchio che può connettersi a Internet, le autorità fanno controlli e talvolta anche perquisizioni ai domicili degli esentati. Lo hanno sperimentato due persone che vivevano insieme in un appartamento a Zurigo, le quali affermavano di non possedere gli apparecchi in questione e di essere quindi esentate dalla tassa in questione.



Per verificare le loro dichiarazioni, alla fine di settembre si sono presentati a casa loro due impiegati dell'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) accompagnati da quattro agenti della polizia comunale. Gli investigatori dell'UFCOM avevano chiesto informazioni alle società di telecomunicazioni sull'abitazione sospetta. Ne è risultato che le due persone possedevano ciascuna un numero telefonico prepagato registrato nonché un altro abbonamento non meglio specificato.

Abbastanza per avviare una ricerca che ha dato i suoi frutti. Secondo il Tages Anzeiger nell'appartamento sono stati rinvenuti diversi apparecchi elettronici con accesso a Internet. Se c'è stata una multa, non sappiamo l'importo. Ma in una situazione del genere i costi possono arrivare fino a 5000 franchi.

L'UFCOM riferisce al quotidiano tedesco di aver controllato complessivamente oltre 1400 economie domestiche tra il 2019 e il 2022. In 174 casi la condanna è stata pronunciata in seguito al ritrovamento di apparecchi di ricezione nelle economie domestiche controllate.

Guarda anche 

Serafe manda ai figli le fatture impagate dei genitori

Se i genitori non pagano il canone radiotelevisivo è possibile che la società di riscossione, Serafe, finisca per rivolgersi ai figli. Lo ha scoperto a sue ...
28.04.2024
Svizzera

200 fr per il canone tv bastano e avanzano!

“Il quotidiano” RSI del 2.2.24 ha dato voce alla sig.ra Di Dio per le “famiglie” monoparentali, senza tuttavia darla ai padri che non pagherebb...
11.02.2024
Opinioni

Dal 2027 il canone radiotelevisivo sarà ridotto a 312 franchi

“La SSR deve essere trasformata”, ha annunciato mercoledì il consigliere federale Albert Rösti in una conferenza stampa al termine della seduta de...
09.11.2023
Svizzera

Il Consiglio federale vuole abbassare il canone radiotelevisivo di 35 franchi

Il Consiglio federale intende ridurre il canone radiotelevisvo a 300 franchi annui, una riduzione di 35 franchi rispetto al costo attuale. È quanto riportano le ed...
06.11.2023
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto