Sport, 08 giugno 2023

Sion, un caos senza fine, un incubo appena iniziato

La clamorosa retrocessione del club vallesano ha lasciato tutti sbigottiti. Ma alla fine, chi è causa del suo mal, pianga se stesso

SION – “Chiunque farà lo spareggio con la terza di Challenge League si salverà. Non ci saranno retrocessioni”. Così parlavano, soltanto qualche settimana fa, gli esperti e gli addetti del mondo calcistico svizzero. In effetti, pensare che il Sion potesse anche solo rischiare di inciampare contro lo Stade Lausanne sembrava impossibile, nonostante i vodesi potessero contare sull’attacco più prolifico della Challenge League. I vallesani potevano fare affidamento su giocatori come Lavanchy, Zuffi, Sio, Balotelli, Bua, Grgic, Ziegler… tutta gente di esperienza, di qualità. “Poi figuriamoci: il Lausanne mica è l’Aarau, il Wil o il Thun che puntano a tornare nella massima serie”, si era detto negli ultimi giorni. 

 
 
Il calcio, però, è un mondo a parte, dove l’irrealizzabile può diventare reale. Lo abbiamo visto negli ultimi anni ad esempio con la Grecia nel 2004, oppure col Leicester nel 2016, così come con lo Zurigo lo scorso anno, per restare nei nostri confini. L’impossibile può diventare concreto, però, anche in senso negativo, se intorno alla squadra si crea un ambiente malsano, scollegato con la realtà, definito da scelte societarie scellerate e senza il minimo senso. Quindi, come detto in precedenza, chi è causa del suo mal, pianga se stesso.
 
 
E la causa maggiore, per la clamorosa retrocessione in Challenge League del Sion, ha un nome e un cognome: Christian Constantin. Il focoso presidente dei vallesani ha sempre avuto una visione particolare del calcio, ha sempre fatto parlare di sé per le scelte di mercato, per il via vai di allenatori, per la sua presenza in panchina, ma questa volta le sue decisioni sconnesse dalla realtà gli hanno presentato un conto salatissimo.
 
 
Un dato, più di tutti, dovrebbe far riflettere sull’incredibile cammino a ritroso del Sion durante questa stagione: a ottobre, poco prima della pausa per il Mondiale, i vallesani erano secondi in classifica. In quel momento, Constantin ebbe la “brillante” idea di licenziare Tramezzani per far partire un valzer in panchina infinito che ha portato la squadra nel buio più totale, nella confusione più assoluta, relegandola di fatto a un campionato di sofferenza, di rincorsa e di rassegnazione che, neanche il ritorno sulla panchina dello stesso Tramezzani qualche settimana fa, è riuscito a risollevare. Insomma, la retrocessione del Sion ha fatto, fa e farà rumore, ma guardando ciò che ruota intorno alla squadra, non c’è neanche tanto da sorprendersi…

Guarda anche 

“Il mio Lugano? Diverso da quello di Croci Torti”

LUGANO - Dario Rota, dopo aver festeggiato la salvezza del Lugano Under 21, ha già lo sguardo rivolto a Berna, dove domenica si giocherà la finale di C...
28.05.2024
Sport

Lugano, un saluto amaro. Ma ora testa alla Coppa

LUGANO - Il Lugano non “lancia” al meglio la finalissima di Coppa Svizzera in programma domenica prossima a Berna. Non solo perde con...
26.05.2024
Sport

La donna incinta aggredita a Zofingen ha perso il suo bambino

Fra le sei persone ferite durante l'aggressione di Zofingen avvenuto una decina di giorni fa c'era anche una donna incinta. Il suo compagno, Alessandro, ha annunc...
25.05.2024
Svizzera

Il Consiglio federale non vuole che si tocchi alla sua pensione per finanziare la 13esima AVS

Il finanziamento della 13esima AVS è uno dei temi caldi che tengono occupati la Berna federale. Il progetto proposto dal Consiglio federale prevede che la misura s...
24.05.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto