Sport, 02 maggio 2023

Ginevra, tutto cominciò con un certo McSorley

Le Aquile hanno vinto il titolo, l'ex head coach del Lugano fu l'uomo che le portò in LNA e diede loro una fisionomia e un'impronta precisa di gioco

GINEVRA - Giovedì sera, quando la sirena finale ha decretato la vittoria del Ginevra sul Bienne in gara 7, Chris McSorley, che immaginiamo presente sugli spalti discreto e senza tradire troppo emozioni, dentro di sé avrà senz’altro gioito: quella che per anni è stata la sua squadra, ha finalmente vinto il suo primo titolo svizzero. Lui, da head coach, ci era andato vicino due volte (2008 e 2010) ma in entrambe le occasioni aveva dovuto accettare la legge del più forte. Nel caso specificio dello Zurigo di Harold Kreis e del Berna di Larry Huras.


Due brutte scoppole da digerire per un direttore sportivo-allenatore che sul finire del secolo scorso decise che Ginevra avrebbe dovuto, un giorno, diventare una delle piazze più invidiate della Confederazione. Detto fatto, con grande coraggio e forza di volontà, cominciò a tappezzare di manifesti delle partite i bar e i ritrovi della città romanda e con i soldi che uno sponsor gli diede, allestì la prima rosa tutta sua. Un compito, quello del canadese, molto difficile, soprattutto quando ci si trova a lavorare in una città molto snob come quella ginevrina e ci si deve confrontare con il calcio, che storicamente è sempre stato lo sport per eccellenza della città.


E quando si parla di calcio, si pensa al Servette, una delle società più prestigiose e vincenti in campo svizzero. McSorley, incurante delle difficoltà e di chi gli rideva in faccia, alla fine è riuscito a traghettare il Ginevra nell’hockey che conta. Stagione 2001/2002: dopo un ventennio trascorso nel limbo della lega cadetta e nell’inferno sportivo della Prima Lega, i granata sono promossi in LNA. E subito, grazie alle conoscenze del coach-direttore sportivo, hanno potuto
annoverare giocatori di ottimo livello fra le proprie fila, citiamo Reto Pavoni, Philippe Bozon, Gianmarco Crameri, Igor Fedulov, Oleg Petrov, Thomas Deruns, lo stesso Jan Cadieux e molti altri ancora. Una squadra che nella seconda stagione arriva addirittura in semifinale, dove viene però eliminata dal Berna futuro campione svizzero. 


Nel 2005, ingolosito  da una situazione davvero interessante, McSorley diventa anche padrone del club. Sono gli anni del Mcsorlismo, un hockey duro, cattivo ma anche efficace, sparagnino, in cui l’aspetto fisico diventa un mantra. E su tutte le piste il tecnico canadese ha modo di farsi fischiare e odiare dai tifosi avversari: i suoi atteggiamenti indispettiscono anche i giocatori e i tecnici rivali. Alla lunga però sono paganti. Due finali non si raggiungono per caso (2008 e 2010), anche se poi i risultati non sono esattamente quelli sperati.


Il Ginevra é sempre più McSorley dipendente: con lui arrivano due Coppe Spengler (2013 e 2014) ma anche qualche stagione così così. Con il tempo il rapporto con i giocatori e la piazza si logora. Intanto il club ha nuovi finanziatori e McSorley comincia a dare segni di intolleranza. Inevitabile la sua uscita. E quando meno te lo aspetti, ecco che arriva la proposta del Lugano:“Con lui avremo grinta e disciplina”, dicono i dirigenti bianconeri. Ma il tecnico che ha dato la sua impronta (indelebile) al Ginevra ed ha fatto arrabbiare mezza Svizzera, l’uomo che 20 anni fa, da zero, costruì una società ed una squadra, non era più lui. Quella squadra però giovedì sera ha vinto finalmente il suo primo titolo nazionale.


MDD

Guarda anche 

Ginevra, appuntamento con la storia

GINEVRA – I bagordi, la gioia e i festeggiamenti per il titolo svizzero conquistato la scorsa primavera sembrano lontani, sembrano un po’ offuscati, visto qua...
20.02.2024
Sport

“Fischer per altri 2 anni? Scelta incomprensibile!”

LUGANO - Undici sconfitte consecutive e un Mondiale deludente (del 2023) non sono bastati per cambiare la guida tecnica della Nazionale! Patrick Fischer resta sulla ...
20.02.2024
Sport

Lugano, una ripartenza a tutto gas. L'Ambrì espugna Berna

LUGANO - Show alla Bossard Arena! Il Lugano annichilisce lo Zugo, terza forza del massimo campionato, e ritorna fra le prime sei in attesa del Davos, che oggi ospita...
18.02.2024
Sport

Tornano le svizzere: YB e Servette in missione europea

LUGANO – Dopo la scorpacciata di gol, emozioni e adrenalina regalateci dalla prima due giorni dei match di andata degli ottavi di finale di Champions League, e in a...
15.02.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto