Mondo, 06 gennaio 2023

Appena entrati nell'euro, in Croazia ci si lamenta già dell'aumento dei prezzi

Pochi giorni dopo l'introduzione dell'euro come valuta ufficiale, in Croazia ci si lamenta di un improvviso aumento del costo di diversi prodotti di uso quotidiano.

Il portale di notizie croato Index.hr riferisce che numerosi consumatori hanno espresso il loro disappunto per l'aumento dei prezzi su Internet, fornendo esempi concreti. Secondo il rapporto, il ministro dell'Economia Davor Filipović ha già ventilato la prospettiva di misure governative contro il settore del commercio al dettaglio.

Secondo Index.hr, soprattutto caffè, snack bar, negozi di alimentari e panetterie hanno aumentato i loro prezzi in modo significativo, in base ai messaggi pubblicati nei forum su Internet. Un caffè nella ristorazione è aumentato di prezzo dell'equivalente di 10-20 centesimi di euro, una pagnotta di pane di 7, una confezione da 500 grammi di formaggio cremoso di 26, una pizza di 30 centesimi di euro, ha riportato il portale.



In questo contesto, Filipovic ha attaccato i rivenditori. "Aumentano i prezzi mese dopo mese e ora, in questa situazione con l'euro, aumentano i prezzi e cercano di ingannare i cittadini", ha detto. Ma questo non avrà successo, ha aggiunto. Il governo ha mezzi sufficienti per proteggere i consumatori e Filipovic ha aggiunto che si sta prendendo in considerazione l'opzione di calmierare il prezzo di diversi prodotti. In precedenza, il ministro aveva incontrato i rappresentanti delle catene di vendita al dettaglio per affrontare gli aumenti dei prezzi.

La Croazia è membro dell'Unione Europea dal 2013 e ha sostituito la moneta nazionale, la kuna, con l'euro il giorno di Capodanno. Allo stesso tempo, il Paese sul Mare Adriatico è entrato a far parte della zona Schengen, priva di controlli alle frontiere. L'euro e la kuna possono essere utilizzati in parallelo fino al 14 gennaio. Il tasso di cambio è fissato a 7,5345 kune per un euro.

Guarda anche 

Fa ricorso fino a Strasburgo per chiedere un canone TV ridotto per i single

Il Tribunale federale (TF) ha emesso la sua decisione giovedì scorso: "Il canone radiotelevisivo riscosso da Serafe AG per ogni famiglia non discrimina le per...
23.01.2023
Svizzera

Una Commissione del parlamento chiede che i negoziati con l'UE riprendano “entro il primo semestre”

La commissione degli Affari esteri del Consiglio nazionale ha chiesto al Consiglio federale di porre fine ai colloqui esplorativi con Bruxelles e iniziare delle negoziazi...
17.01.2023
Svizzera

Il settore dei macchinari presto penalizzato dall'UE

Il continuo blocco delle trattative dopo la rottura dei negoziati sull'accordo quadro con l'Unione Europea (UE) potrebbe presto mietere nuove vittime nell'eco...
01.01.2023
Svizzera

"All’UE contributi di coesione 'costanti'"?

Lo scorso 12 ottobre a Bruxelles, in occasione del quinto round di colloqui esplorativi con l’UE, la Segretaria di Stato Livia Leu ha dichiarato che la Svizzera &ld...
14.12.2022
Svizzera