Svizzera, 20 novembre 2022

Politici di destra e di sinistra chiedono un inasprimento dell'asilo

Nel corso degli ultimi mesi, la pressione migratoria è aumentata in Svizzera. A ottobre, la Confederazione ha registrato 3'208 domande di asilo da parte di persone provenienti principalmente da Afghanistan, Turchia e Siria, un numero superiore alle 2'757 richieste di status di protezione S presentate dall'Ucraina.

Di fronte a questo afflusso, si rende necessario una riforma del sistema di asilo, secondo politici sia di destra che di sinistra, riferisce domenica il "SonntagsZeitung". Il domenicale svizzerotedesco cita la consigliera nazionale Martina Bircher (UDC/AG), la quale chiede una riforma radicale del diritto internazionale. "La Convenzione di Ginevra sui rifugiati e la Convenzione europea sui diritti umani sono obsolete. Come ogni altra legge, devono essere riformate di tanto in tanto", ha dichiarato la deputata, annunciando allo stesso tempo che presenterà una mozione al Parlamento.



Anche l'ex consigliere nazionale Rudolf Strahm (PS/BE) ritiene che sia necessario cambiare le regole in materia di asilo. Nell'attuale diritto internazionale umanitario, non esiste una risposta legale alla migrazione economica della maggior parte dei giovani che non sono personalmente e individualmente minacciati di morte", afferma. Da parte sua, propone un'introduzione coordinata della procedura di asilo in ambasciata. In base a questa disposizione, in linea di principio i rifugiati potrebbero presentare domanda di asilo solo presso l'ambasciata svizzera nel loro Paese d'origine. Anche le prime udienze delle autorità svizzere si svolgeranno in quella sede.

"Allo stesso tempo, l'accesso alla Svizzera dovrebbe essere gestito in modo più restrittivo. Questo porrebbe fine all'attività dei passatori", secondo Strahm. Ma questo ha senso solo se altri Paesi seguono l'esempio della Svizzera. L'ex consigliere nazionale socialista ritiene che, essendo la Svizzera depositaria della Convenzione di Ginevra sui rifugiati, dovrebbe quindi avviare queste riforme a livello internazionale.

Guarda anche 

Il Consiglio federale prolunga lo Status S degli ucraini fino a marzo 2024

"Lo status di protezione di cui godono i rifugiati ucraini sarà mantenuto fino a quando il Consiglio federale deciderà di non revocarlo. E non sar&agra...
10.11.2022
Svizzera

Altri milioni per accogliere i finti rifugiati!? No, ora basta: le risorse servono al ceto medio

Durante la scorsa sessione, il gran consiglio ha bocciato il rapporto di maggioranza di Andrea Censi sulla Petizione del 10 dicembre 2019 presentata da 12 associazioni e ...
08.11.2022
Opinioni

Oltre 70'000 ucraini hanno chiesto lo status S in Svizzera, 5'000 le revoche

Sono ormai 70'052 gli ucraini che si sono rifugiati in Svizzera dall'inizio del conflitto in Ucraina. Circa 458 persone in più hanno ottenuto questo sta...
08.11.2022
Svizzera

Votazioni cantonali, approvati i tre oggetti

Tutti i tre oggetti posti oggi in consultazione popolare sono stati approvati dai votanti. Al termine dello scrutinio nei 106 Comuni ticinesi, il riconoscimento...
30.10.2022
Ticino