Svizzera, 02 ottobre 2022

Nonostante gli appelli, il consumo di energia rimane stabile

Un mese fa, la Confederazione aveva annunciato di voler investire dieci milioni di franchi nella campagna di risparmio "L'energia è poca, non sprechiamola". Al lancio della campagna, il consigliere federale Guy Parmelin aveva aggiunto: "Ogni chilowattora conta". La sua collega, il ministro dell'Energia Simonetta Sommaruga, all'occasione aveva dato consigli pratici su come risparmiare energia alla popolazione durante la conferenza stampa.

Ma l'appello non sembra aver avuto un grande effetto. Un mese dopo, secondo quanto riporta il Tages-Anzeiger, il consumo di energia non si è affatto abbassato. Gli ultimi dati sul consumo svizzero di settembre, pubblicati dall'Associazione europea dei gestori delle reti di trasmissione, non indicano ancora alcuna riduzione. Al contrario, secondo i dati relativi al mese di settembre, il consumo di elettricità è addirittura leggermente aumentato rispetto al settembre 2021.



Un esperto di energia spiega le ragioni di questa situazione. "Il problema è che le persone reagiscono solo con un certo ritardo. Di norma, ci vuole un'esperienza sconvolgente per far agire le persone. Questo può comportare prezzi molto alti o un blackout. Un altro problema è che attualmente i dati di consumo dei fornitori di energia non possono essere separati nei tre settori dell'industria, dei servizi e delle famiglie. Queste imprecisioni possono essere problematiche e ci si chiede su quali basi la Confederazione adotterebbe misure più severe per il risparmio energetico.

Guarda anche 

Macron vuole che la Svizzera finanzi le nuove centrali nucleari francesi

La Francia prevede la costruzione di sei nuove centrali nucleari entro il 2050. Questi i piani del presidente francese Emmanuel Macron. “Per la prima volta dopo dec...
10.04.2024
Svizzera

Dal Consiglio degli Stati un avviso favorevole al ritorno al nucleare

Il Consiglio degli Stati ha accolto un postulato del presidente del PLR Thierry Burkart volto a prolungare la vita delle centrali esistenti e a studiare la possibilit&agr...
07.03.2024
Svizzera

In Parlamento fallisce (per ora) il ritorno del nucleare

La costruzione di impianti solari ed eolici deve essere accelerata e le possibilità di ricorso limitate. Il Consiglio nazionale ha accettato giovedì con 137...
22.12.2023
Svizzera

Il Consiglio federale riapre al nucleare e chiede al Parlamento di togliere il divieto di nuove centrali

Nonostante nel 2017 il 58% degli elettori svizzeri abbia approvato il divieto di costruire nuove centrali nucleari, il Consiglio federale starebbe per fare marcia indietr...
04.12.2023
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto