Mondo, 11 luglio 2022

Gazprom chiude due gasdotti "per manutenzione", inquietudine in Europa

La Germania e diversi paesi europei sono nell'incertezza riguardo alla fornitura di gas dalla Russia dopo che Gazprom ha chiuso due gasdotti che riforniscono il nord Europa. L'azienda russa ha motivato la chiusura spiegando che sarebbero necessari lavori di manutenzione del Nord Stream 1.

"Siamo di fronte a una situazione senza precedenti, tutto è possibile". Il vicecancelliere tedesco Robert Habeck non ha nascosto la sua preoccupazione questo fine settimana in un'intervista radio.

"Nord Stream è fermo (...) il che significa che il gas non scorre più", ha confermato lunedì il ministero dell'Economia tedesco. Questo arresto di dieci giorni dei due gasdotti, annunciato da tempo, in teoria non dovrebbe essere altro che una formalità tecnica. Ma nel contesto attuale, nessuno può scommettere su ciò che accadrà in seguito. "Ci sono molti scenari in cui potremmo trovarci in una situazione di emergenza", ha avvertito il presidente dell'Agenzia federale per le reti, Klaus Müller, alla televisione ZDF lunedì.




"Putin sta per chiudere il rubinetto del gas... ma lo riaprirà mai?", si è preoccupato domenica il quotidiano tedesco "Bild".

"È possibile che il gas torni a fluire, anche in quantità maggiori di prima. È possibile che non arrivi più nulla e dobbiamo prepararci al peggio come sempre", ha dichiarato il vicecancelliere tedesco Robert Habeck. Nelle ultime settimane Mosca ha già tagliato del 60% le forniture di gas attraverso Nord Stream, adducendo un problema tecnico, una decisione denunciata come "politica" da Berlino.

In altre parti d'Europa, Gazprom ha fatto lo stesso, riducendo le forniture ad alcuni Paesi e tagliandole completamente ad altri. Berlino si è quindi impegnata a fondo per convincere sabato il Canada a restituire una turbina del Nord Stream 1, che era in manutenzione nel paese nordamericano, nonostante le proteste dell'Ucraina. La Germania non voleva dare a Mosca un altro argomento per interrompere le forniture di gas. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, attraverso il suo portavoce, domenica ha "accolto con favore la decisione dei nostri amici canadesi".

In Francia, il ministro dell'Economia Bruno Le Maire ha chiesto domenica una "rapida preparazione" per affrontare la possibilità di un'interruzione totale delle forniture, "l'opzione più probabile". Un blocco prolungato delle forniture aggraverebbe quindi la crisi energetica in cui l'Europa deve già far fronte, con un'impennata dei prezzi e il timore di un inverno molto difficile.

Guarda anche 

Ecoattivisti non si presentano in tribunale perché sono in vacanza a Bali

Nel settembre 2022, attivisti del movimento per il clima "Last Generation" avevano bloccato il traffico nella città tedesca di Stoccarda. Sull'autost...
01.02.2023
Mondo

Uccide la sosia per inscenare la propria morte: voleva sfuggire a problemi familiari

INGOLSTADT (Germania) – Una giovane donna tedesco-irachena, in Germania, avrebbe ucciso una sua sosia, dopo averla cercata sui social e averla contattata tramite In...
02.02.2023
Magazine

Germania, un uomo armato di coltello uccide 2 persone e ne ferisce 7

Un uomo armato di coltello ha ucciso due persone e causato sette feriti in Germania mercoledì 25 gennaio a bordo di un treno regionale da Kiel (Schleswig-Holstein)...
26.01.2023
Mondo

VIDEO - Imbarazzo Djokovic: il padre in posa con i sostenitori di Putin agli Australian Open

MELBOURNE (Australia) – Srdjan Djokovic, padre di Novak, non è nuovo a uscite strampalate e ad affermazioni dubbie, a difesa del figlio. Questa volta a non p...
26.01.2023
Sport