Mondo, 11 luglio 2022

Gazprom chiude due gasdotti "per manutenzione", inquietudine in Europa

La Germania e diversi paesi europei sono nell'incertezza riguardo alla fornitura di gas dalla Russia dopo che Gazprom ha chiuso due gasdotti che riforniscono il nord Europa. L'azienda russa ha motivato la chiusura spiegando che sarebbero necessari lavori di manutenzione del Nord Stream 1.

"Siamo di fronte a una situazione senza precedenti, tutto è possibile". Il vicecancelliere tedesco Robert Habeck non ha nascosto la sua preoccupazione questo fine settimana in un'intervista radio.

"Nord Stream è fermo (...) il che significa che il gas non scorre più", ha confermato lunedì il ministero dell'Economia tedesco. Questo arresto di dieci giorni dei due gasdotti, annunciato da tempo, in teoria non dovrebbe essere altro che una formalità tecnica. Ma nel contesto attuale, nessuno può scommettere su ciò che accadrà in seguito. "Ci sono molti scenari in cui potremmo trovarci in una situazione di emergenza", ha avvertito il presidente dell'Agenzia federale per le reti, Klaus Müller, alla televisione ZDF lunedì.




"Putin sta per chiudere il rubinetto del gas... ma lo riaprirà mai?", si è preoccupato domenica il quotidiano tedesco "Bild".

"È possibile che il gas torni a fluire, anche in quantità maggiori di prima. È possibile che non arrivi più nulla e dobbiamo prepararci al peggio come sempre", ha dichiarato il vicecancelliere tedesco Robert Habeck. Nelle ultime settimane Mosca ha già tagliato del 60% le forniture di gas attraverso Nord Stream, adducendo un problema tecnico, una decisione denunciata come "politica" da Berlino.

In altre parti d'Europa, Gazprom ha fatto lo stesso, riducendo le forniture ad alcuni Paesi e tagliandole completamente ad altri. Berlino si è quindi impegnata a fondo per convincere sabato il Canada a restituire una turbina del Nord Stream 1, che era in manutenzione nel paese nordamericano, nonostante le proteste dell'Ucraina. La Germania non voleva dare a Mosca un altro argomento per interrompere le forniture di gas. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, attraverso il suo portavoce, domenica ha "accolto con favore la decisione dei nostri amici canadesi".

In Francia, il ministro dell'Economia Bruno Le Maire ha chiesto domenica una "rapida preparazione" per affrontare la possibilità di un'interruzione totale delle forniture, "l'opzione più probabile". Un blocco prolungato delle forniture aggraverebbe quindi la crisi energetica in cui l'Europa deve già far fronte, con un'impennata dei prezzi e il timore di un inverno molto difficile.

Guarda anche 

Le regioni del Donbass votano l'annessione alla Russia

Le autorità filorusse nelle regioni ucraine di Zaporizhia, Kherson, Lugansk e Donesk hanno rivendicato la vittoria del "sì" all'annessione ...
28.09.2022
Mondo

Russia, sparatoria causa almeno 13 morti e decine di feriti in una scuola

Almeno 13 persone sono rimaste uccise e 21 ferite in una sparatoria in una scuola di Izhevsk, nella Russia centrale, ha dichiarato lunedì il Ministero degli Intern...
26.09.2022
Mondo

"Putin doveva rovesciare Zelensky, rimpiazzarlo con qualcuno per bene e andarsene"

Per l'ex premier italiano Silvio Berlusconi il presidente russo Vladimir Putin è stato "spinto" dal suo popolo e dal suo entourage a invadere l...
24.09.2022
Mondo

Putin annuncia la mobilitazione parziale della popolazione russa, "l'Occidente ci vuole distruggere"

Il Presidente russo Vladimir Putin ha annunciato mercoledì una "mobilitazione parziale" della popolazione russa in età da combattimento. "...
21.09.2022
Mondo