Svizzera, 21 giugno 2022

Imam di Bienne a processo per commenti odiosi contro altre religioni e frode, rischia carcere e l'espulsione

Lunedì si è aperto a Bienne (BE) il processo contro un predicatore libico accusato di aver fatto commenti odiosi contro cristiani, ebrei e sciiti durante un sermone in una moschea nel 2017.

L'imputato avrebbe lanciato questa diatriba contro i non musulmani durante un sermone in arabo nella moschea Ar'Rahman di Bienne il 7 luglio 2017. Ci è voluto molto tempo per stabilire l'accusa di discriminazione razziale. Un esperto ha dovuto tradurre la predicazione dall'arabo al tedesco e sono state necessarie ulteriori competenze per interpretare le parole tradotte.

Alla luce di questi elementi, il Ministero pubblico del Giura-Seeland bernese ritiene provato che il 60enne abbia ripetutamente espresso il desiderio di sradicare i membri di determinati gruppi etnici e religiosi. In questo modo aveva lanciato un appello all'odio, rendendosi colpevole di discriminazione razziale.

Alcuni mesi dopo il controverso sermone, l'imam della moschea Ar'Rahman aveva negato alla stampa di aver proferito i commenti i questione. Ha detto di non aver mai pregato Allah "di distruggere i nemici dell'Islam". Le sue citazioni sarebbero state tradotte male, sostiene l'imam.

L'uomo
è inoltre accusato di sospetta frode commessa in diverse occasioni tra il 2003 e il 2017. L'accusa si basa su un'indagine complessa a seguito della denuncia delle autorità di Nidau (BE). Il predicatore si sarebbe arricchito grazie a prestazioni sociali ricevute impropriamente.

L'imputato aveva dichiarato al comune di non avere né redditi né beni. Tuttavia, l'esame dei documenti e interviste a terzi hanno rivelato che egli organizzava viaggi, attività che gli procurava un reddito. Il libico è quindi accusato di arricchimento illecito attraverso l'assistenza sociale.

Le autorità penali hanno dovuto impiegare notevoli risorse per portare a termine le indagini. Il predicatore non ha collaborato e si è rifiutato di rispondere alle domande sul suo reddito, secondo il pubblico ministero. Oggi l'imputato è libero di muoversi.

Il cittadino libico, arrivato in Svizzera nel 1998 come richiedente asilo, ha perso questo status alla fine del 2017 perché si è recato più volte apertamente nel suo Paese senza mai essere disturbato. Il predicatore ha un permesso C. Se condannato, rischia l'espulsione dalla Svizzera.

Guarda anche 

Una ricchissima famiglia indiana pesantemente condannata dalla giustizia ginevrina

Il Tribunale penale di Ginevra ha condannato venerdì a 4 anni e mezzo e 4 anni di reclusione i membri della ricca famiglia indiana degli Hinduja per usura professi...
22.06.2024
Svizzera

Un pallone da calcio finito in un giardino finisce in tribunale

Un tribunale turgoviese si è dovuto chinare su una vicenda iniziata con... una palla caduta in un giardino. Lo scorso settembre, un bambino di 7 anni stava giocand...
21.06.2024
Svizzera

L'accoltellamento di un automobilista gli costa 9 anni di carcere e l'espulsione

Il 28 marzo 2023 un cittadino turco allora 34enne guidava la sua Mercedes in compagnia della moglie nel centro di Zurigo. All'improvviso c'è stato uno scon...
19.06.2024
Svizzera

Un predicatore islamico condannato per frode e razzismo non dovrà lasciare la Svizzera

Il predicatore islamico Abu Ramadan non dovrà lasciare la Svizzera, nonostante una condanna di espulsione in primo grado. Lo ha deciso venerdì l'Alta Co...
15.06.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto