Svizzera, 21 giugno 2022

Imam di Bienne a processo per commenti odiosi contro altre religioni e frode, rischia carcere e l'espulsione

Lunedì si è aperto a Bienne (BE) il processo contro un predicatore libico accusato di aver fatto commenti odiosi contro cristiani, ebrei e sciiti durante un sermone in una moschea nel 2017.

L'imputato avrebbe lanciato questa diatriba contro i non musulmani durante un sermone in arabo nella moschea Ar'Rahman di Bienne il 7 luglio 2017. Ci è voluto molto tempo per stabilire l'accusa di discriminazione razziale. Un esperto ha dovuto tradurre la predicazione dall'arabo al tedesco e sono state necessarie ulteriori competenze per interpretare le parole tradotte.

Alla luce di questi elementi, il Ministero pubblico del Giura-Seeland bernese ritiene provato che il 60enne abbia ripetutamente espresso il desiderio di sradicare i membri di determinati gruppi etnici e religiosi. In questo modo aveva lanciato un appello all'odio, rendendosi colpevole di discriminazione razziale.

Alcuni mesi dopo il controverso sermone, l'imam della moschea Ar'Rahman aveva negato alla stampa di aver proferito i commenti i questione. Ha detto di non aver mai pregato Allah "di distruggere i nemici dell'Islam". Le sue citazioni sarebbero state tradotte male, sostiene l'imam.

L'uomo
è inoltre accusato di sospetta frode commessa in diverse occasioni tra il 2003 e il 2017. L'accusa si basa su un'indagine complessa a seguito della denuncia delle autorità di Nidau (BE). Il predicatore si sarebbe arricchito grazie a prestazioni sociali ricevute impropriamente.

L'imputato aveva dichiarato al comune di non avere né redditi né beni. Tuttavia, l'esame dei documenti e interviste a terzi hanno rivelato che egli organizzava viaggi, attività che gli procurava un reddito. Il libico è quindi accusato di arricchimento illecito attraverso l'assistenza sociale.

Le autorità penali hanno dovuto impiegare notevoli risorse per portare a termine le indagini. Il predicatore non ha collaborato e si è rifiutato di rispondere alle domande sul suo reddito, secondo il pubblico ministero. Oggi l'imputato è libero di muoversi.

Il cittadino libico, arrivato in Svizzera nel 1998 come richiedente asilo, ha perso questo status alla fine del 2017 perché si è recato più volte apertamente nel suo Paese senza mai essere disturbato. Il predicatore ha un permesso C. Se condannato, rischia l'espulsione dalla Svizzera.

Guarda anche 

Condannata per tentato omicidio contro la figlia, non verrà espulsa perché "bene integrata"

Una cittadina camerunense, in Svizzera dal 2007, è stata condannata 30 mesi di carcere, di cui 260 giorni da scontare, per aver quasi ucciso a coltellate la fig...
04.11.2022
Svizzera

Un clan balcanico a processo per sevizie sulle mogli

L'atto d'accusa di 34 pagine descrive le malefatte di un padre e dei suoi quattro figli nei confronti delle loro mogli. I membri di un clan originario dei balcani...
03.11.2022
Svizzera

Condannato a quasi 20 anni di carcere per aver intrappolato l'amico in una grotta

La stampa svizzerotedesca lo chiama "Höhlenmörder", l'assassino della grotta. Il giovane 23enne accusato di aver ucciso un amico intrappolandol...
21.10.2022
Svizzera

A processo con l'accusa di aver sepolto vivo un amico di cui era geloso

Il 5 aprile 2020, una famiglia aveva fatto una macabra scoperta nel canton Argovia. In una grotta del Bruggerberg, una montagna sopra Brugg, avevano trovato il corpo d...
19.10.2022
Svizzera