Sport, 21 giugno 2022

Alfio Molina: “Se sono bravi, ben vengano”

Sul tema dei portieri stranieri nel nostro campionato si è espresso l'ex numero 1 del Lugano

LUGANO - L’ex portiere del Lugano, il leggendario Alfio Molina, è curioso di vedere all’opera Mikko Koskinen il nuovo estremo difensore dei bianconeri, che il club ha presentato nei giorni scorsi al Villa Sassa.


Alfio: con l’arrivo di Koskinen, il Lugano dispone di quattro portieri. Non sarà facile gestire il loro impiego.
In realtà non credo che sarà un problema. Uno come il finlandese è indiscutibilmente il numero 1. Poi sappiamo benissimo che la stagione è lunga, che ci sono gli infortuni e i momenti in cui la forma scade. Quindi l’alternanza è quasi inevitabile. Poi alla fine, però, il migliore prende il sopravvento. E Koskinen non penso avrà problemi a dimostrare che è venuto a Lugano per essere protagonista.


Schlegel non dava sufficienti garanzie?
Niklas è un bravo portiere e a Lugano lo ha dimostrato. Non dimentichiamo che proprio sulle rive del Ceresio ha rilanciato la sua carriera dopo le delusioni di Zurigo e Berna. Ma gli infortuni che lo hanno bersagliato hanno consigliato i dirigenti a puntare su una ottima alternativa.


O forse hanno perso la fiducia in lui?
Non credo. Schlegel non si discute. Certo, Koskinen ha un curriculum migliore. E poi nell’hockey moderno avere due portieri validi aiuta moltissimo.


Fatton e Fadani non avranno molte chances.
Sono giovani ed hanno bisogno di fare esperienza. In questo senso potranno sfruttare la finestra aperta dai Rockets. Un’ ottima palestra per crescere. E sono certo che Mc Sorley offrirà loro la possibilità di disputare alcune partite nella massima serie.


Con l’allargamento del numero di stranieri tesserabili i club puntano decisamente sui portieri.
È normale. E dico di più: se il giocatore è valido, ben venga. Contribuisce ad alzare la qualità della squadra e del campionato. Ed è pure garanzia di spettacolo. 



Non è che i buoni portieri svizzeri cominciano a scarseggiare?
Il livello è sempre buono e bisogna avere pazienza. Ci sono elementi su cui puntare per il futuro. Tre sono da tenere d’occhio: Waeber dello Zurigo, Aeschlimann del Davos e Wütrich del Berna. Portieri giovani e di qualità. Certo per vedere un nuovo Genoni o un nuovo Merzlikins ci vorrà qualche anno.


In passato in Svizzera sono approdati diversi portieri stranieri. Qual è stato il migliore a suo giudizio?
Ne ricordo uno, in particolare: Ari Sulander dello Zurigo. Un’autentica saracinesca, un trascinatore. Ma anche l’ex bianconero Cristobal Huet non era male. Il titolo del 1999 fu soprattutto farina del suo sacco.

A.M.

Guarda anche 

“In casa Bellinzona tutto appare piuttosto nebuloso”

È fuori dal calcio che conta dal 2008, da quando portò il Bellinzona nella massima serie assieme a Marco Degennaro e Vladimir Petkovic e sfiorò la...
26.06.2022
Sport

Portieri stranieri garanzia di affidabilità e successo

LUGANO - Come noto, dalla prossima stagione in Svizzera si potranno schierare sei giocatori stranieri contemporaneamente. Una novità che ha fatto discutere ma...
21.06.2022
Sport

Zelensky a Lugano? "Poco probabile"

Alla conferenza internazionale sulla ricostruzione dell'Ucraina che si terrà tra quindici giorni a Lugano, in Ticino si prevede la partecipazione di oltre mill...
20.06.2022
Svizzera

“Lugano, un gruppo di amici. Una rarità, nel calcio di oggi”

LUGANO - A 38 anni suonati Mijat Maric guarda alla vita senza troppi patemi d’animo. Rimpianti? Qualcuno, ma del resto chi non ne ha? Oggi, dopo una ...
17.06.2022
Sport