Svizzera, 13 gennaio 2022

La Francia aveva offerto miliardi di franchi in ristorni in cambio del Rafale

La Francia avrebbe offerto importanti contropartite alla Svizzera se questa avesse optato per il caccia francese Rafale. Un articolo pubblicato mercoledì dal sito "Republik" mostra come la scelta di nuovi aerei da combattimento per l'esercito svizzero ha pesato nell'equilibrio diplomatico tra la Francia e la Svizzera.

L'Eliseo sperava di concludere un contratto con Berna per la vendita dei Rafale ma, alla fine, il Consiglio federale aveva finalmente deciso di acquistare l'F-35 americano. L'inchiesta rivela, per esempio, che la Francia, a condizione che l'accordo fosse concluso, si era impegnata a versare alla Svizzera una quota maggiore delle sue entrate fiscali provenienti dai salari dei lavoratori transfrontalieri francesi. Un gesto che avrebbe potuto portare a Berna 3,5 miliardi di franchi in 30 anni.

L'articolo rivela anche il funzionamento interno dei negoziati che hanno avuto luogo prima della decisione. I ministri degli esteri francese e svizzero si sono incontrati per negoziare accordi politici per completare il contratto.

Il ministro dell'economia francese, Bruno Le Maire, ha persino visitato la Svizzera alla fine di marzo 2021, si apprende. Ha incontrato i consiglieri federali
Ueli Maurer e Guy Parmelin vicino a Berna per concludere accordi politici. La Svizzera avrebbe lasciato credere alla Francia fino all'estate di essere ancora in corsa.

Ma l'inchiesta rivela anche che la consigliera federale incaricata del dossier, Viola Amherd, aveva chiesto ai suoi colleghi Guy Parmelin, Ignazio Cassis e Ueli Maurer, diverse settimane prima di annunciare la sua decisione, di fermare tutti i negoziati con la Francia, perché la scelta dell'F-35 era già stata fatta in quel momento.

Secondo "Republik", quando la Svizzera ha formalizzato il contratto con il produttore americano, le autorità francesi hanno interrotto i contatti diplomatici. Questo secondo una nota confidenziale del Consiglio federale, citata nell'articolo. Si afferma che il governo sospettava che ci sia un legame tra la reazione francese e la decisione sugli aerei da combattimento.

Infine, apprendiamo che la Francia, che detiene la presidenza dell'Unione Europea quest'anno, aveva lasciato intendere che avrebbe sostenuto il suo vicino nel dossier Svizzera-UE sulla base di questi negoziati. I due stati avevano persino elaborato una precisa tabella di marcia per raggiungere gli accordi.

Guarda anche 

La Prima ministra francese dà le dimissioni, ma Macron le respinge

Tira aria di crisi nel governo francese. A pochi giorni dalle elezioni legislative che hanno sancito la fine della maggioranza assoluta del partito di Emmanuel Macron nel...
21.06.2022
Mondo

Crollo di Macron alle legislative francesi, crescono Le Pen e Mèlenchon

Il presidente francese Emmanuel Macron ha perso la maggioranza assoluta all'Assemblea Nazionale dopo il secondo turno delle elezioni parlamentari in Francia, un voto ...
20.06.2022
Mondo

Le sudamericane in palla, la svogliata Francia arranca

Mancano ancora cinque mesi all’inizio dei Mondiali del Qatar. Gli ultimi a 32 squadre, visto che dal 2026 (ahinoi) la rassegna iridata contemplerà...
20.06.2022
Sport

Elezioni legislative in Francia, maggioranza di Macron in bilico

La maggioranza assoluta di cui dispone Emmanuel Macron nel parlamento francese è a rischio. Bisognerà attendere il secondo turno di domenica prossima per sa...
13.06.2022
Mondo