Svizzera, 15 dicembre 2021

Il Consiglio degli Stati dice no allo "ius soli", gli stranieri nati in Svizzera non riceveranno automaticamente il passaporto

Il Consiglio degli Stati ha rifiutato, con 29 voti contro 13, di introdurre il cosiddetto "ius soli" in Svizzera. Chi nascerà in Svizzera, di conseguenza, non riceverà automaticamente il passaporto elvetico. Il progetto recava la firma del Consigliere agli Stati Paul Reichsteiner, che si rammarica del risultato. "La Svizzera è il paese dove vivono ed è la loro patria. Tuttavia, l'acquisizione della nazionalità svizzera è spesso molto difficile, anche per le persone di seconda generazione, o addirittura impossibile per alcuni di loro a causa di un cambiamento di residenza o perché i loro genitori sono dipendenti dall'assistenza sociale", ha detto. Inoltre, ci sono ragioni democratiche e di diritti umani per cui il diritto di residenza dovrebbe essere applicato anche in Svizzera, come il Consiglio federale ha proposto un secolo fa, sostiene Reichsteiner.

La Consigliere federale Karin Keller-Sutter si era opposta al progetto. "Con questa mozione, è il luogo di nascita che sarebbe decisivo, come negli Stati Uniti", ha detto. "Sappiamo che ci sono molte persone e turisti che vanno negli Stati Uniti per far ottenere ai loro figli la nazionalità statunitense quando nascono", ha aggiunto. E il ministro della giustizia ha avvertito. "Con il principio dello ius soli, la Svizzera non sarebbe più in grado di gestire l'immigrazione e soprattutto la naturalizzazione stessa.

Keller-Sutter ha quindi respinto qualsiasi automatismo: "Solo le persone che si sono integrate con successo dovrebbero poter ottenere la nazionalità svizzera", ha sottolineato. Non bisogna dimenticare che le procedure di naturalizzazione sono attualmente gestite dai cantoni e dai comuni. Con il "ius soli", la loro partecipazione sarebbe nulla. Non avrebbero più voce in capitolo, ha sottolineato Karin Keller-Sutter.

Ha anche sottolineato che la cittadinanza basata solo sul luogo di nascita non esiste in nessun paese dell'UE. "Di regola, la condizione è che i genitori devono aver vissuto nel paese per un certo periodo di tempo prima della nascita del bambino", ha spiegato, citando Belgio, Germania, Irlanda e Portogallo.

Guarda anche 

Gli sposi si separano pochi anni dopo la naturalizzazione del marito, con il divorzio perde anche il passaporto

Un cittadino algerino con il divorzio perderà, oltre alla moglie, anche la cittadinanza svizzera acquisita appena due anni prima. Sposatosi nel 2010 con una don...
13.05.2022
Svizzera

Il Municipio gli rifiuta il passaporto svizzero perchè indebitato, il tribunale glielo concede

La procedura di naturalizzazione di un uomo residente a Paudex (VD), titolare di un permesso C, si è rivelata più laboriosa del previsto. Come riferisce ...
12.04.2022
Svizzera

Confermato il ritiro del passaporto svizzero a un estremista islamico residente in Ticino

Il Tribunale federale ha confermato il ritiro del passaporto svizzero a uomo con la doppia cittadinanza svizzera e turca per aver fatto propaganda al gruppo islamico al-N...
09.04.2022
Ticino

Test covid gratuiti, "sì ma..." del Consiglio degli Stati

Giovedì scorso, il Consiglio Nazionale ha approvato il principio che i test per il Covid-19 siano resi gratuiti, decisione seguita lunedì dal Consiglio degl...
07.12.2021
Svizzera