Mondo, 03 novembre 2021

Francia e Regno Unito litigano sulla pesca

Nonostante i sorrisi cordiali al G20 e al COP26, continua il braccio di ferro tra Boris Johnson ed Emmanuel Macron sulla questione della pesca, con quest'ultimo che ha annunciato lunedì sera di aver rinunciato al suo ultimatum per "dare una possibilità" alle discussioni che continueranno almeno fino a giovedì, si legge in un articolo della BBC che riassume i contorni della vicenda.

Con la convocazione dell'ambasciatrice francese a Londra, Catherine Colonna, era ulteriormente aumentata la tensione fra il Regno Unito e la Francia sulle licenze per la pesca post-Brexit nelle isole della Manica. Parigi aveva annunciato ieri misure di ritorsione considerate "sproporzionate" e "ingiustificate" dal governo britannico.

L'Eliseo ha poi chiarito in un comunicato che la Francia non applicherà sanzioni almeno fino a giovedì, quando è previsto un incontro a Parigi tra il ministro di stato britannico per la Brexit, David Frost, e il segretario di stato francese per gli affari europei, Clément Beaune, che lo ha invitato. "Abbiamo ricevuto i primi segnali dalle autorità britanniche per accelerare il commercio. Una risposta alle ultime proposte delle autorità francesi è attesa entro mercoledì", ha detto la presidenza francese.

Il governo britannico da parte sua ha "accolto con favore" il rinvio delle sanzioni, dicendo di essere "lieto che la Francia riconosca che sono necessarie discussioni dettagliate per risolvere l'intera gamma di difficoltà nella relazione tra il Regno Unito e l'UE". E David Frost "non vede l'ora di discutere a Parigi giovedì", ha aggiunto Downing Street, segnalando una de-escalation della situazione.

Il presidente francese ha detto di avere "fiducia nel primo ministro britannico, Boris Johnson, per prendere sul serio" le proposte francesi e che le discussioni porteranno a un "risultato". "Per dieci mesi i risultati sono stati troppo lenti, se questo nuovo metodo ci permette di avere un risultato, spero che gli diamo una possibilità", ha aggiunto.

Lunedì mattina, Parigi aveva avvertito che le sanzioni sarebbero state applicate da mezzanotte se Londra non avesse concesso più licenze ai pescatori francesi. I francesi minacciano di vietare ai pescherecci britannici di sbarcare i loro carichi nei porti francesi e di intensificare i controlli doganali su tutti i camion se Londra non concede più licenze ai pescatori francesi.

Il ministro degli Esteri britannico, Liz Truss, ha detto che se non fosse stata trovata una soluzione "entro 48 ore", il governo britannico avrebbe usato il meccanismo di risoluzione delle controversie previsto dall'accordo commerciale post-Brexit per chiedere "misure compensative". Londra aveva avvertito che si preparava anche a rafforzare i controlli sui pescherecci europei.

Questo è ciò che preoccupa i pescatori, ha detto lunedì il presidente del comitato regionale della pesca marittima e dell'allevamento marino di Hauts-de-France, Olivier Leprêtre, denunciando "l'atteggiamento inammissibile degli inglesi e il loro mancato rispetto degli accordi firmati. "Le misure di ritorsione vanno benissimo, sono l'unica soluzione", ma "Boris Johnson non si fermerà lì" e "al minimo problema avremo pescherecci rimandati indietro", ha deplorato.

In base all'accordo sulla Brexit, i pescatori europei possono continuare a lavorare in alcune acque britanniche, a patto che possano dimostrare di averci pescato. Ma da quando è in vigore la Brexit francesi e inglesi sono in disaccordo sulla natura e la portata delle prove richieste.


Guarda anche 

Zemmour: "Se vinco le elezioni, è l'inizio della riconquista"

Il candidato alle elezioni presidenziali francesi Eric Zemmour ha invitato migliaia di sostenitori domenica a partire per "riconquistare" la Francia, durante un...
06.12.2021
Mondo

"La Svizzera ci ha comprato i biglietti per venire in Francia"

Le autorità svizzere pagano i biglietti ai migranti affinchè se ne vadano più rapidamente ? È ciò che sostiene un gruppo di migran...
06.12.2021
Svizzera

Migranti, domenica vertice a Calais dopo il naufragio nella Manica

La Francia ha invitato i paesi europei vicini alla manica a una riunione domenica, il giorno dopo la morte di 30 migranti nella Manica. Parigi e Londra hanno anche segnal...
26.11.2021
Mondo

Aveva ucciso un controllore di volo a Basilea, 10 anni dopo lo trovano su un sito di incontri cinese

Un cittadino francese di 45 anni sospettato di aver accoltellato a morte un suo collega il 27 aprile 2011 all'aeroporto di Basilea-Mulhouse è stato trovato su ...
28.10.2021
Svizzera