Svizzera, 25 ottobre 2021

Berset ha usato fondi pubblici per coprire la sua relazione extraconiugale? Il Consiglio nazionale vuole fare chiarezza

Alan Berset aveva effettivamente fatto ricorso a risorse statali per evitare che la sua relazione extraconiugale diventasse di dominio pubblico? È ciò che una commissione e una sottocommissione del Consiglio nazionale cercheranno di chiarire, dopo che, ormai più di un mese fa, il settimanale "Weltwoche" aveva pubblicato un articolo riguardanti dettagli della vicenda intorno a Berset e alla sua amante.

In particolare, "Weltwoche" aveva accusato Alain Berset di aver impiegato il suo segretario generale per gestire il caso del ricatto. Inoltre, avrebbe usato la limousine del Consiglio federale per tornare a Berna dopo un fine settimana privato con la sua amante nel sud della Germania, come poi riportato dalla 'NZZ am Sonntag'.

Come riporta il "SonntagsBlick" domenica, la settimana scorsa la Commissione di Controllo (CdG) ha deciso di indagare ulteriormente sulla questione.
A quanto pare, i deputati della commissione sarebbero d'accordo sul fatto che sarebbe utile chiarire i punti che sono stati sollevati. La CdG vuole quindi esaminare più da vicino due aspetti del caso in particolare.

Una prima sottocommissione deve indagare se dei fondi pubblici
sono stati utilizzati per rimuovere le difficoltà private di Alain Berset. A tal fine, la sottocommissione del Consiglio nazionale unirà le forze con una sottocommissione del Consiglio degli Stati. Una seconda sottocommissione deve indagare sull'utilizzo dell'unità speciale di polizia Tigris e sul comportamento del Ministero pubblico.

L'unità Tigris era stata dispiegata nel 2019 per una perquisizione a casa dell'amante di Berset e portarla al Ministero pubblico per interrogarla. Per quanto riguarda l'ufficio del procuratore generale, la questione è sapere se tutte le regole sono state seguite durante la procedura. Questo dopo che la "Weltwoche" ha sollevato la questione se Berset fosse stato favorito "rispetto ai comuni cittadini".

Un rapporto dell'autorità di vigilanza sul Ministero pubblico federale ha già esaminato questo problema. Ha concluso che gli inquirenti hanno agito correttamente dopo il tentativo di ricatto, come riportato dalla "SonntagsZeitung" una settimana fa. Secondo il rapporto, Alain Berset non ha ceduto al ricatto dell'amante che, come ricordiamo, aveva chiesto soldi in cambio del suo silenzio.

Guarda anche 

Il dilemma di Berset: cambiare dipartimento o lasciare il governo

Le elezioni dei successori di Ueli Maurer e Simonetta Sommaruga in Consiglio federale sono entrate nella fase più calda. I candidati del PS Eva Herzog e Elisabe...
02.12.2022
Svizzera

Confusione (e silenzio) su un affare di spionaggio del Consiglio federale

Nel maggio 2022 un gruppo di hacker indiani sarebbe stata incaricata di spiare il presidente della Confederazione Ignazio Cassis e il vicepresidente Alain Berset, stando ...
14.11.2022
Svizzera

Ristoratore condannato per aver minacciato Alain Berset

Quando nel settembre 2021 il Consiglio federale aveva imposto l'uso di un certificato che escludeva i non vaccinati da determinati spazi, ciò aveva causato ...
07.11.2022
Svizzera

Il Parlamento approva la creazione di una task force "anti-crisi"

Con tutta probabilità sorgerà una nuova task force "anti-crisi". Dopo il nazionale, martedì il Consiglio degli Stati ha approvato di str...
21.09.2022
Svizzera