Opinioni, 17 settembre 2021

SI alla legittima difesa per non scoraggiare gli atti di eroismo a difesa del prossimo!

In merito all’imminente votazione sulla legittima difesa mi capita di sentire ragionamenti di questo tipo: “io son contrario alla violenza e quindi voto contro”. Ma, benedetta gente, chi mai è favorevole alla violenza? Certamente non lo sono i membri del comitato che nel 2016 avevano lanciato la raccolta di firme a favore di questa iniziativa (e nell’interesse delle vittime della violenza) . Però bisogna pur prendere atto del fatto che ogni giorno migliaia di persone in Europa sono aggredite da criminali che entrano nelle abitazioni per rubare, o che nelle strade rapinano, sparano, accoltellano, pestano, stuprano; senza dimenticare il fenomeno del terrorismo di matrice islamica.

Un giorno o l’altro chiunque potrebbe dunque trovarsi suo malgrado coinvolto, qui in Ticino, in una simile pericolosa situazione, indipendentemente dall’appartenenza politica, dal sesso, dall’età o dal ceto sociale. E allora, come reagirebbero queste persone? “Beh, se anche mi dovesse capitare” rispondono serafici i pacifisti “non mi difenderei usando violenza contro l’aggressore” . Mi permetto di dubitarne, perché nessuno è in grado di dire quale sarebbe la propria reazione in caso di aggressione, specie se ad essere in pericolo sono anche altri membri della famiglia. In simili frangenti anche la persona più mansueta potrebbe trasformarsi in una tigre, ferendo e magari uccidendo l’aggressore con qualsiasi oggetto gli capiti sotto mano. E d’un colpo, da vittima che era fino a poco prima, questa persona si troverebbe a sedere sul banco degli imputati, con il rischio di finire in galera in caso di condanna per eccesso di legittima difesa.

L’iniziativa – giova ripeterlo - non incita in alcun
modo alla violenza ma si limita a chiedere che, in caso di assoluzione, i costi dell’avvocato di fiducia siano a carico dello Stato, così come oggi già avviene per chi si fa difendere da un avvocato nominato d’ufficio. Dopotutto, in base a una legge federale, toccherebbe ai Cantoni garantire la sicurezza dei cittadini nel loro territorio!
Ma a quelle persone che non vogliono difendersi e che sono contro l’iniziativa perché pensano di essere al riparo da ogni violenza, vorrei cercare di far capire che se un giorno loro, o i loro figli, o i loro coniugi, o i loro genitori fossero aggrediti nello spazio pubblico (ad esempio – pensando a certi episodi di cronaca nera realmente accaduti in Ticino - durante i festeggiamenti carnevaleschi, o all’uscita di una discoteca o… alla Manor di Lugano), esse sarebbero ben contente se qualche passante intervenisse in loro difesa.

E allora vi chiedo: perché mai questi passanti dovrebbero rischiare la pelle per intervenire a difesa di sconosciuti se poi, come ringraziamento per il loro atto eroico, arrischiano di trovarsi per mesi o anni coinvolti in un lungo, estenuante e costoso procedimento giudiziario dall’esito incerto, sapendo per di più che anche in caso di assoluzione per legittima difesa dovrebbero pagare gran parte dei costi del proprio avvocato di fiducia ? Non volete difendervi? Bene, sono affari vostri! Ma al momento di votare pensate ai vostri famigliari e amici che prima o poi potrebbero aver bisogno dell’intervento di qualche coraggioso e altruista eroe. Perché punire quest’ultimi anziché premiarli, spingendoli così a girarsi dall’altra parte e a infoltire i ranghi dei vili indifferenti?

Giorgio Ghiringhelli (promotore dell'iniziativa)

Guarda anche 

Più islamizzazione significa più antisemitismo

Prima o poi tutti i nodi vengono al pettine. Da almeno 20 anni denuncio ad alta voce i pericoli dovuti alla crescente islamizzazione della Svizzera e dell’Europa, d...
14.01.2024
Svizzera

Una bancarella per il libro del Ghiro

Sabato 9 e venerdì 22 dicembre, dalle 10 alle 16, Giorgio Ghiringhelli  sarà presente con una bancarella all’entrata dell’Ipermercato Coop ...
04.12.2023
Ticino

Un libro autobiografico del Ghiro alla Biblioteca cantonale di Locarno

Nell’estate del 1971, all’età di 19 anni, Giorgio Ghiringhelli (alias il “Guastafeste”) fece un viaggio in autostop fino alla Norvegia, in ...
21.10.2023
Opinioni

Ecco un libro autobiografico del Guastafeste

Dalla casa editrice Salvioni è uscito in questi giorni – con una prefazione di Renato Martinoni - il mio primo e probabilmente ultimo libro, intitolato &ldqu...
25.09.2023
Opinioni

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto