Svizzera, 14 settembre 2021

Il Patto ONU per la migrazione rimane sospeso per almeno un'altro anno

Il Parlamento ha deciso di non entrare in materia sul patto ONU per la migrazione dell'ONU, almeno per il momento. Martedì, il Consiglio nazionale ha seguito il Consiglio degli Stati e ha deciso di sospendere la discussione - contro la volontà del PS, dei Verdi e dei Verdi Liberali.

Come riporta la "Südostschweiz", è necessario aspettare prima i risultati della sottocommissione sulle cosidette "Soft Law", citando il Consigliere nazionale del Centro Marco Romano a nome del comitato consultivo del Consiglio Nazionale. La sottocommissione sta esaminando, tra l'altro, se i compiti del Parlamento nell'ambito delle "soft law" debbano essere estesi. Per "soft law", ricordiamo, si indica regole non vincolanti giuridicamente ma che spesso guidano l'azione di governi o enti non governativi. Il Patto ONU per la migrazione rientra in questa categoria, non essendo giuridicamente vincolante.

Si dovrebbe esaminare se la "soft law" debba essere inclusa nel processo legislativo, ha aggiunto il consigliere nazionale PLR Kurt Fluri (SO). Il patto sulla migrazione, in quanto una "soft law", potrebbe richiedere l'approvazione del parlamento per evitare un deficit democratico, ha detto Fluri.

Il ministro degli esteri Ignazio Cassis ha spiegato che il Consiglio federale ha nuovamente analizzato il trattato nel suo messaggio al Parlamento del 2021. Questa analisi aveva concluso che il patto era in linea con le posizioni della Svizzera e che il patto era uno strumento di "soft law" che non "pregiudicava" l'autonomia della Svizzera in materia di immigrazione.

Alla fine, il Consiglio Nazionale ha approvato la mozione di sospensione con 105 voti contro 77.

Guarda anche 

Bocciato il pedaggio per stranieri al San Gottardo: "Sarebbe discriminatorio"

Il pedaggio del Brennero costa 9,50 euro sola andata. Quello dell’Arlberg 11 euro. Nel San Gottardo, invece, gli automobilisti del mondo intero potranno continuare ...
18.06.2021
Svizzera

I parlamentari a Berna dovranno rivelare le loro nazionalità. Greta Gysin è contrariata

Con 115 voti contro 64, il Consiglio nazionale ha approvato ieri una modifica dell’ordinanza sull’amministrazione del parlamento, che prevede che in futuro i ...
11.06.2021
Svizzera

Una Consigliera nazionale dei Verdi chiede più vasectomie

L’onere della salute sessuale e riproduttiva deve essere meglio ripartito tra donne e uomini. Ne è convinta la consigliere nazionale Stefania Prezioso Batou ...
23.05.2021
Svizzera

"Il Consiglio federale vuole la terza ondata virale in Ticino"

Rinunciando a introdurre misure al confine con l'Italia "il Consiglio federale ripete lo stesso errore dell'anno scorso" lasciando che il Ticino subisca...
15.03.2021
Ticino