Mondo, 30 agosto 2021

Armi, droni, aerei: l'arsenale degli Usa in Afghanistan in mano ai talebani

Il tracollo dell'esercito afghano a inizio agosto ha permesso ai combattenti talebani di impadronirsi di un considerevole arsenale militare americano, e le immagini degli insorti che sfilano con armi americane hanno invaso i social network, mettendo in imbarazzo l'amministrazione Biden.

Su Internet abbondano video e immagini di combattenti talebani che in possesso di armi e equippaggiamenti militari di ultima generazione, la maggior parte delle quali fornite all'esercito afghano dagli eserciti occidentali, posando giubilanti davanti a elicotteri d'attacco Black Hawk, brandendo armi automatiche M4 e M16, o anche fucili di precisione M24, o guidando veicoli blindati dotati di lanciarazzi.

Queste immagini sono imbarazzanti per Joe Biden, la cui gestione del ritiro dall'Afghanistan è sotto tiro. "Ovviamente non abbiamo un'idea chiara di dove sia ogni pezzo di equipaggiamento, ma è certo che un buon numero di essi è caduto nelle mani dei talebani", ha ammesso martedì il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan. "E non abbiamo l'impressione che intendano restituirceli", ha aggiunto.

Un'ammissione che alcuni repubblicani hanno sfruttato per criticare le decisioni del presidente democratico. "Grazie al ritiro fallito di Biden, i talebani sono meglio equipaggiati oggi di quanto lo siano mai stati", ha scritto
la presidente del partito repubblicano Ronna McDaniel.

Washington ha speso 83 miliardi di dollari negli ultimi 20 anni per addestrare ed equipaggiare l'esercito afghanoe, secondo cifre fornite dall'ispettore generale per la ricostruzione dell'Afghanistan, un'agenzia del Congresso americano, l'esercito statunitense ha fornito all'esercito afghano più di 7'000 mitragliatrici, 4'700 veicoli blindati Humvee e più di 20'000 granate negli ultimi anni. 

Anche se i talebani non hanno piloti in grado di pilotare gli elicotteri statunitensi, il Pentagono prevede di distruggere le armi sequestrate dagli insorti, ha affermato il portavoce del Dipartimento della Difesa statunitense John Kirby. Durante le operazioni di ritiro, l'esercito americano ha evacuato o distrutto un gran numero di armi e attrezzature dal paese per evitare che cadano nelle mani degli insorti, ha aggiunto durante una conferenza stampa. 

"È chiaro che non vogliamo vedere il nostro equipaggiamento nelle mani di coloro che potrebbero agire contro i nostri interessi o contro gli interessi del popolo afghano e aumentare la violenza e l'insicurezza in Afghanistan", ha continuato.

Il Pentagono "non ha ancora deciso" cosa fare di loro, ha detto. "Abbiamo diverse opzioni a nostra disposizione (...) compresa la distruzione".


Guarda anche 

Guadagna 1,76 milioni di dollari spiando la moglie (ma ora rischia il carcere)

Si tratta probabilmente di uno dei casi più singolari di insider trading: un uomo ha tenuto sotto ascolto la moglie, dirigente di una multinazionale, ed è c...
25.02.2024
Mondo

Il CF vuole risparmiare sull’asilo: realtà o imbroglio?

Il Consiglio federale afferma di voler risparmiare nel settore dell’asilo. E sarebbe anche ora: a questa voce la Svizzera spende 4 miliardi di franchi all’...
28.01.2024
Svizzera

Sigarette più care e tagli nell'asilo e nel trasporto pubblico: le misure della Confederazione per ridurre il deficit

Il futuro è cupo per le finanze della Confederazione. Si prevede infatti un deficit di 2,5 miliardi di franchi e oltre a partire dal 2025, ha annunciato mercoled&i...
25.01.2024
Svizzera

Quando una bandiera fa causa alla sua ex squadra: Rivera-Milan c’è tensione

MILANO (Italia) – Gianni Rivera contro il Milan. Letta e detta così sembrerebbe una cosa fuori da ogni logica, conoscendo la storia del club rossonero e dell...
08.01.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto