Svizzera, 24 luglio 2021

L'UE scrive ai ricercatori svizzeri: "Se volete i fondi, trasferitevi da noi"

La Commissione europea lo scorso 12 luglio aveva annunciato ufficialmente che la Svizzera viene considerata fino a nuovo avviso come un paese terzo non associato al programma di ricerca "Horizon Europe". Negli anni precedenti la Svizzera partecipava a pieno titolo. In realtà, sembra che Bruxelles non sia interessata del tutto alla partecipazione di ricercatori di università svizzere a "Horizon Europe". Come riporta oggi il Tages-Anzeiger, l'Unione europea ha recentemente scritto ai ricercatori svizzeri che avevano fatto domanda per partecipare al programma di ricerca per, in sostanza, informarli che se volevano che la loro domanda fosse presa in considerazione dovevano trasferirsi in un'università situata nell'UE.

Nell'e-mail del Consiglio europeo della ricerca (CER), datata 19 luglio, si legge il seguente testo: "Come forse sapete, tutte le discussioni esplorative riguardanti l'associazione della Svizzera alla prossima generazione di programmi UE sono attualmente congelate. Questo significa che le università svizzere non sono ammissibili per il CER".

Nel testo viene precisato che "eccezionalmente", c'è la possibilità per i ricercatori esclusi di ottenere comunque un finanziamento. Tutto quello che devono fare è "sostituire il loro istituto ospitante svizzero con un istituto
simile basato in un paese ammissibile". Detto altrimenti, trasferirsi in un'università situata nell'Unione europea.

Secondo il Tages-Anzeiger, Berna ha reagito immediatamente. Il giorno seguente l'invio dell'e-mail del CER, il 20 luglio, la Segreteria di Stato per l'istruzione, la ricerca e l'innovazione (SEFRI) ha pubblicato un informazione sul suo sito web che contraddice l'e-mail dell'UE. Secondo quanto si legge, non è necessario trasferirsi in un'università dell'UE per ricevere i finanziamenti.

Anche se la Svizzera è ora considerata un paese terzo, i ricercatori svizzeri possono partecipare a Horizon Europe e ai programmi e alle iniziative correlate, e presentare proposte per i filoni di programma e gli strumenti di finanziamento aperti a loro, ha scritto anche SEFRI sul suo sito web. Tuttavia, i loro costi di progetto non saranno generalmente finanziati dalla Commissione europea, ha sottolineato. "In questo caso, quando la partecipazione è possibile, il finanziamento sarà fornito dalla SEFRI", spiega.

La SEFRI ricorda poi che il Parlamento ha stanziato un budget di 6,15 miliardi di franchi per permettere alla Svizzera di partecipare al programma Horizon e ha già deciso sulla possibilità di un finanziamento diretto per i ricercatori svizzeri.

Guarda anche 

Ah, la Champions! Quando due giorni ti riconciliano col calcio

LUGANO – Qualcuno, guardando le partite Real Madrid-Manchester City, Arsenal-Bayern Monaco, PSG-Barcellona e/o Atletico Madrid-Borussia Dortmund probabilmente in qu...
11.04.2024
Sport

10'000 euri dal Ticino per salvare il sito francese Riposte Laïque

Un paio di settimane fa il sito di informazione francese Riposte Laïque, fondato nel 2007 da Pierre Cassen soprattutto per difendere la laicità della Francia ...
09.04.2024
Opinioni

Passione e aggregazione: il Winti modello da seguire

LUGANO - Il Winterthur è certamente la grande rivelazione di questa stagione calcistica. Non solo è in semifinale di Coppa Svizzera (affronterà ...
12.04.2024
Sport

Al Servette tremano le gambe, il Lugano gongola

GINEVRA – Sarà che la benzina nelle gambe inizia a scarseggiare. Sarà che l’aria della vetta e la pressione iniziano a farsi sentire. Sarà...
04.04.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto