Opinioni, 14 luglio 2021

L’islamizzazione avanza grazie agli “utili idioti” e ai “collaborazionisti”

La votazione del 7 marzo sull’iniziativa antiburqa ha messo in luce un fatto preoccupante in ottica futura. Quasi la metà dei cittadini ha votato contro l’iniziativa ed era dunque disposta ad accettare che nello spazio pubblico del nostro Paese circolassero donne (turiste o non turiste poco importa) con il volto mascherato da un velo integrale, ossia da quell’odioso simbolo maschilista e sessista (che perfino il socialista musulmano biennese Mohamed Hamdaoui ha definito “una porcheria ambulante”) imposto a milioni di donne in certi Paesi islamici nonché nel Califfato dei tagliagole dell’ISIS, e utilizzato strumentalmente in Occidente dai fanatici islamisti per islamizzare l’ambiente a fini propagandistici.

La Svizzera sulla via dell’islamizzazione

Se il 48,8% dei votanti (pari a 1'360'317 cittadini) ha votato contro l’iniziativa significa che l’islamizzazione strisciante della Svizzera e il grado di accettazione delle più retrograde norme della sharia (il velo integrale è una di queste, ma anche il burkini e il semplice velo islamico) sono già a uno stadio molto avanzato, e di questo passo il punto di non ritorno sarà presto superato, anche perché le giovani generazioni, nella loro ingenuità, non sembrano percepire il pericolo. Senza colpo ferire, i movimenti integralisti islamici che in Occidente hanno come obiettivo la sostituzione della democrazia con la sharia, stanno insomma per vincere la loro battaglia in Svizzera come altrove. Eppure già nel 2005 il libro “La Conquête de l’Occident : le projet secret des islamistes”, scritto dall’allora capo redattore del quotidiano Le Temps, Sylvain Besson, aveva suonato l’allarme spiegando nei dettagli il progetto dei Fratelli musulmani mirante a conquistare l’Occidente mediante la propaganda e mediante una capillare infiltrazione nella società.

Politici e giornalisti ignoranti in materia di islam

Se siamo arrivati a questo punto la colpa è soprattutto del nostro Governo, del nostro Parlamento e della maggior parte dei partiti e dei politici che da decenni non solo hanno sottovalutato lo sviluppo dell’islamismo ma addirittura lo hanno “deliberatamente ignorato”, come ha scritto la musulmana Saïda Keller-Messahli in un suo libro dedicato alla radicalizzazione dei musulmani in Svizzera. In una lunga ma istruttiva conferenza intitolata “L’islam è compatibile con le società democratiche?” (vedi video: https://youtu.be/m12D90nNE0A) il palestinese cristiano Sami Aldeeb ( il maggior esperto di diritto arabo e musulmano in Svizzera) ha accusato la classe politica svizzera di essere totalmente ignorante in materia di islam e di non aver mai dedicato neppure un’ora allo studio del diritto islamico.

E ha anche citato l’esempio della presidente della Commissione federale contro il razzismo, Martine Brunschwig Graf, la quale – bontà sua - avrebbe dichiarato di aver letto il Corano senza avervi trovato traccia di violenza! Personalmente estenderei le accuse di Saïda Keller-Messahli e di Sami Aldeeb pure a buona parte dei giornalisti, che per ignoranza e per scelte ideologiche boicottano i critici dell’islam da loro spregiativamente considerati degli islamofobi, negano che il terrorismo islamico affondi le sue radici nel Corano, relativizzano la violenza contenuta nei testi sacri dell’islam facendo paragoni insostenibili con la Bibbia , minimizzano il fatto che sia in atto l’islamizzazione dell’Europa e accusano di razzismo chi denuncia la pericolosità di un’ incontrollata immigrazione islamica.

L’islam alla conquista dell’Occidente

In effetti bisogna essere ignoranti, o stupidi, o ingenui per non accorgersi che da almeno 50 anni l’islam sta puntando alla conquista dell’Europa con un progetto sul lungo periodo elaborato dai 57 Paesi islamici dell’OCI (Organizzazione della cooperazione islamica) e dalle potenti correnti fondamentaliste dell’islam.

Un esempio? Come riferiva Oriana Fallaci nel suo libro “La forza della ragione”, il convegno dell’OCI svoltosi nel 1974 a Lahore (Pakistan) si concluse con una delibera che includeva il progetto di trasformare il flusso degli immigrati nel continente europeo (allora molto modesto), in “preponderanza demografica” !

Un altro esempio? Nel 2009 l’Isesco - ossia l’Organizzazione islamica per l’educazione, le scienze e la cultura – ha diffuso uno scottante documento di 115 pagine denominato “Stratégie de l’Action Islamique Culturelle à l’extérieur du Monde islamique” , nel quale si spiega come “immunizzare” i bambini musulmani in Occidente contro “l’invasione culturale occidentale” (!) , come impedire l’integrazione dei musulmani residenti nella società occidentale, come convertire tutti alla religione islamica (compresi i musulmani non praticanti); nel documento si emanano direttive per creare delle comunità islamiche che funzionino secondo le regole della sharia ! I contenuti di questo documento sono stati illustrati dal giornalista francese Alain Wagner in una mirabile conferenza sul tema “La colonizzazione islamica dell’Occidente” (video: https://www.youtube.com/watch?v=SMd10f5s9jw , in particolare a partire dal minuto 47) tenutasi a Parigi nel 2018.

Allah ha ordinato di combattere chi non si converte all’islam

Per questa “occupazione” strisciante della Svizzera (una colonizzazione alla rovescia) i fondamentalisti islamici non fanno altro che applicare l’ordine impartito ai musulmani da Allah di combattere i miscredenti “fino a quando non si saranno tutti convertiti all’islam” (Corano 8:39). Se gli islamofascisti sono in costante e rapida diffusione in Europa e in Svizzera la colpa è della politica, che poco o nulla ha fatto per stroncare la loro sovversiva attività in contrasto con l’articolo 17 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, il quale vieta di utilizzare i diritti elencati nella convenzione allo scopo di distruggere questi stessi diritti. Sarebbe dunque ora di smascherare quegli irresponsabili “utili idioti” (fra cui spiccano i partiti e le femministe rossoverdi, nonché molti liberali e la Chiesa cattolica) e quei “collaborazionisti” che hanno steso tappeti rossi a questa programmata invasione demografica e culturale, mettendo a rischio la pace sociale e religiosa.

Chi sono gli “utili idioti” ed i “collaborazionisti” dell’islam ?

Secondo Wikipedia l’espressione “utili idioti” veniva usata nel gergo politico per stigmatizzare coloro che, in Occidente, simpatizzavano per il sistema politico sovietico. I comunisti sfruttavano la loro ingenuità e li tenevano in scarsa considerazione: erano idioti e utili allo stesso tempo. Il termine è usato oggi per descrivere qualcuno che sembra essere manipolato senza accorgersene da un movimento politico, un gruppo terroristico o un potere economico.

Secondo Wikipedia il termine “collaborazionista” è utilizzato in modo spregiativo per indicare chi si presta a svolgere lavoro politico, organizzativo e di sostegno ideologico per il nemico. ll collaborazionismo è un fenomeno sociale e politico connesso alle vicende di governo di un paese occupato da una potenza straniera, che vi organizza una classe dirigente asservita agli interessi degli occupanti.

Lascio decidere ai lettori se coloro che si sono opposti all’iniziativa antiburqa, e che si rifiutano di varare una politica di tolleranza zero verso l’islam politico, appartengono alla categoria degli “utili idioti” o a quella dei “collaborazionisti” o a chissà quale altra categoria. Ma in ogni caso, non capisco perché il popolo continui a votare certi partiti e certi politici che per ignoranza, ingenuità o magari per interessi inconfessabili favoriscono la colonizzazione islamica della Svizzera.

Giorgio Ghiringhelli
(fondatore del movimento Il Guastafeste)

Guarda anche 

SI alla legittima difesa per non scoraggiare gli atti di eroismo a difesa del prossimo!

In merito all’imminente votazione sulla legittima difesa mi capita di sentire ragionamenti di questo tipo: “io son contrario alla violenza e quindi voto contr...
17.09.2021
Opinioni

Collegamenti fra l’11 settembre 2001 e il Ticino

La pericolosa e potente confraternita dei Fratelli Musulmani è  ben presente anche in Ticino, dove ha messo le radici già una quarantina di anni fa, fo...
10.09.2021
Opinioni

L’iniziativa sulla legittima difesa e la disinformazione del Governo

Il 26 settembre si dovrà nuovamente votare sull’iniziativa cantonale del Guastafeste intitolata “le vittime di aggressione non devono pagare i costi di...
06.09.2021
Opinioni

Il movimento Il Guastafeste annuncia la fine della sua attività politica

Con un comunicato trasmesso ai media questa mattina il fondatore del movimento Il Guastafeste Giorgio Ghiringhelli ha annunciato che porrà fine alla sua attivit&ag...
31.08.2021
Ticino