Sport, 20 giugno 2021

Nell’inferno di Istanbul sventola la nostra bandiera

2005: provocazioni, botte e insulti nella battaglia per i Mondiali di Germania

ISTANBUL (Turchia) - Tira aria pesante sulla comitiva rossocrociata che arriva ad Istanbul per lo spareggio valido per i Mondiali del 2006. Dopo l'atterraggio all'aeroporto Ataturk, i nostro giornalisti sono bloccati in dogana come se fossero dei criminali qualsiasi. Dopo discussioni infinite, vengono lasciati passare. Contro il torpedone della Nazionale sedicenti tifosi locali tirano di tutto: uova, pomodori e oggetti contundenti. È in atto una vera e proprio intimidazione nei confronti degli svizzeri: i fischi all’inno turco nella partita d'andata a Berna non sono stati per nulla digeriti. A Istanbul la parola d'ordine è una sola: abbattere la Svizzera, costi quel che costi. “In Germania ci andiamo noi” .


Fra l'altro nel paese tedesco si fanno gli scongiuri: la Turchia ha sei milioni di emigranti, gestirli durante la rassegna iridata non sarà facile. Meglio che passi la squadra elvetica. Sono quattro gatti e non danno fastidio a nessuno. Ma tant è, il 17 novembre del 2005 viene scritta una delle piu brutte pagina della storia del calcio mondiale. La squadra di Köbi Kuhn parte da un favorevole 2-0 strappato con le unghie e con i denti a Berna (Senderos e Behrami gli autori della doppietta). Allo stadio del Fenerbahce, scelto apposta perché gli spalti sono a stretto ridosso del campo, inizia la madre di tutte le partite (soprattutto per i turchi). Dopo pochi minuti la Svizzera è già in vantaggio grazie ad un rigore trasformato da Frei. La Turchia, caricata dalle provocazioni del suo imperatore Fatih Terim, riesce tuttavia a ribaltare il risultato e passa a condurre per 3-1. Se segna ancora una rete va ai Mondiali. Ma a sette minuti dal termine lo stadio viene ammutolito dal contropiede di Streller e dalla conseguente segnatura.


Con i gol in trasferta che valgono doppio i nostri passano. Sul Bosforo tira aria grama. E infatti al fischio finale dell'arbitro belga De Bleeckere si scatena l'inferno. All'entrata del tunnel che porta agli spogliatoi, volano insulti e schiaffi. Gli addetti alla sicurezza non permettono ai cameramen di riprendere le scene, anche se dopo qualche minuto una notizia fa venire i brividi: Stéphane Grichting, difensore elvetico rimasto in panchina durante tutto la partita, viene colpito proditoriamente da un calcio al basso ventre che gli produce una perforazione del canale urinale. Anche Huggel e l’allenatore dei portieri Burgener vengono malmenati ma se la cavano senza troppi problemi.


I turchi, aizzati da Terim, contestano proprio a Huggel l’episodio che ha fatto scaldare gli animi e cioè uno sgambetto all’assistente allenatore prima di entrare negli spogliatoi. Versione mai confermata né tanto meno provata. Alla fine, che conta, è solo la qualificazione della Svizzera ai Mondiali tedeschi. Un grande risultato per la squadra di Kuhn. Nell'inferno di Istanbul è rimasta solo una bandiera a sventolare: quella della Confederazione.

MDD

Guarda anche 

Lugano e… la dura legge del gol

BASILEA – “È la dura legge del gol, fai un gran bel gioco però, se non hai difesa gli altri segnano e poi vincono”. Recitava così u...
25.10.2021
Sport

“Se vinci sei un fenomeno. Se perdi diventi un caso”

LUGANO - Le parole sono di un ex allenatone italiano che per anni c andato per la maggiore. Nevio Scala. "Se vinci sei un fenomeno, se perdi diventi u...
24.10.2021
Sport

Tifoso dell'Italia condannato per aver festeggiato "troppo" la vittoria nella semifinale degli europei

La vittoria dell'Italia contro la Spagna nella semifinale degli Europei di calcio il 6 luglio scorso ha portato ad una condanna penale a Martigny, nel canton Vallese....
16.10.2021
Svizzera

Un ex Lugano positivo al covid

SALERNO (Italia) – Il suo addio al Lugano, in direzione Empoli, non era stato esattamente idilliaco. C’erano stati alcuni battibecchi tra il giocatore, il suo...
17.10.2021
Sport