Ticino, 17 giugno 2021

Lugano: due italiani condannati ed espulsi per “la più grande truffa ai crediti Covid”

Un imprenditore e un dentista, entrambi cittadini italiani, sono stati condannati ieri dalla Corte delle assise criminali di Lugano per quella che è stata definita la più grande truffa perpetrata nell’ambito della richiesta alla Confederazione di crediti Covid.

Il primo è stato condannato a 4 anni di carcere, il secondo a 3 anni e 4 mesi. Una volta scontata la pena, entrambi saranno espulsi dalla Svizzera.

I due, ricordiamo, erano riusciti a ingannare lo Stato incassando indebitamente oltre 1 milione e mezzo di franchi.

In aula il giudice Amos Pagnamenta ha usato parole severe nei confronti dei due imputati, in particolare del dentista, che non aveva certo bisogno di soldi visto che guadagnava più di 350mila franchi all’anno.


Guarda anche 

Crivellò di colpi un conoscente in un bar, condannato a 16 anni di carcere

Il tribunale penale di Ginevra ha riconosciuto colpevole di omicidio (tra le altre cose) l'uomo che nel 2016 aveva sparato più volte ad un conoscente in una sa...
04.12.2021
Svizzera

Studente truffava le assicurazioni viaggi, dovrà lasciare la Svizzera

Prenotava e annullava viaggi per incassare soldi da molteplici assicurazioni. Il tribunale distrettuale di Zurigo si è recentemente occupato di un tipo particolare...
27.11.2021
Svizzera

Condannato a 13 anni di carcere per aver ucciso un'anziana nel 1998

La polizia zurighese aveva scoperto il corpo di una donna di 86 anni nella sua villa a Küsnacht. La vedova era stata ritrovata sdraiata nella lavanderia con le bracc...
25.11.2021
Svizzera

Vendeva funghi "miracolosi", il TF condanna un medico

Una dottoressa naturopata è stata deferita al tribunale del Giura per aver attribuito virtù terapeutiche al consumo dei suoi funghi. Il servizio giurassiano...
24.11.2021
Svizzera