Svizzera, 04 giugno 2021

Espulso nel 1997, è ancora in Svizzera (e probabilmente ci resterà)

La sua domanda d’asilo è stata respinta il 26 agosto 1997. Ma lui è ancora qui. E molto probabilmente potrà restarci, visto che nel frattempo i suoi problemi ne hanno reso inesigibile il rinvio, almeno stando ai giudici del Tribunale amministrativo federale (TAF).

Protagonista della vicenda è un cittadino angolano che avrebbe dovuto lasciare la Svizzera quasi 24 anni fa ma che è riuscito a rimanere grazie a un’impressionante sfilza di ricorsi. Tutti respinti tranne l’ultimo, presentato nel gennaio 2020 dall’avvocato Alfred Ngoyi Wa Mwanza, che è stato ora accolto dal TAF.

I giudici hanno rimproverato alla Segreteria di Stato della migrazione (SEM) di aver confermato la decisione di rinvio dell’angolano senza tenere sufficientemente conto dei suoi problemi di salute, o meglio della sua “cardiopatia valvolare nell'insufficienza aortica di 3° grado con stenosi e ipertrofia ventricolare mista”.

/> La SEM aveva ritenuto che questi problemi non costituissero un ostacolo al suo rinvio in Angola, visto che anche nel paese africano avrebbe potuto avere accesso alle cure e ai medicamenti necessari. Nel 2019, per l’ennesima volta, ne avevano quindi decretato l’espulsione dalla Svizzera.

A torto, secondo i giudici, che nella sentenza pubblicata questa settimana accusano la SEM di non aver valutato il peggioramento dello stato di salute dell’uomo. Inoltre, secondo i giudici, dopo oltre vent’anni trascorsi lontani dall’Angola egli farebbe fatica a ritrovarvi un lavoro che gli consenta di finanziarsi i medicamenti necessari.

Il ricorso è quindi stato accolto e la causa rinviata alla SEM affinché provveda nuovamente a verificare l’eventuale accessibilità alle cure mediche che l’uomo avrebbe in caso di ritorno in Angola. Se questa accessibilità non fosse assicurata, la SEM dovrà consentirgli di restare in Svizzera.

Guarda anche 

L'Assemblea nazionale francese vota la soppressione del canone radiotelevisivo

La Francia si avvicina all'abolizione del canone radiotelevisivo, già promessa in campagna elettorale del presidente Emmanuel Macron. Il testo presentato da...
24.07.2022
Mondo

Per tre anni fa finta di essere infortunato e si fa versare 120'000 franchi

Un muratore spagnolo è stato condannato dal tribunale di Sierre a una pena detentiva e all'espulsione per aver finto per oltre tre anni e mezzo di essere in...
20.07.2022
Svizzera

Sono tornati gli asilanti italiani

A metà mese, come di consuetudine, la SEM pubblica le statistiche sulle domande d’asilo. I più recenti dati, relativi al mese di giugno, indicano u...
17.07.2022
Svizzera

Condannato per torture e rapimento dopo essere stato riconosciuto in un centro asilanti

Il tribunale distrettuale di Bülach ha condannato un eritreo di 27 anni a 7 anni e mezzo di carcere per aver partecipato a un brutale rapimento avvenuto nel 2015 ...
08.07.2022
Svizzera