Svizzera, 16 maggio 2021

Una Consigliere nazionale vuole vietare la vendita di caramelle alle casse

Molti genitori lo sanno bene quando vanno a fare la spesa con i loro figli nei supermercati. Fare la fila alla cassa è spesso un vero calvario con tutte le caramelle, cioccolatini e altri dolci a portata di mano. Questi spazi in tedesco vengono anche chiamati "Quengelzone" o zona dei piagnistei, perché i bambini spesso pregano i loro genitori di comprare loro una caramella. Un problema, secondo il Consigliere nazionale Laurence Fehlmann Rielle (PS/GE) che in un'interpellanza al Consiglio federale ha chiesto che la vendita di caramelle e dolci venga vietata.

Rielle nell'interpellanza cita l'esempio della città californiana di Berkeley, che ha recentemente bandito i prodotti dolci dalle casse dei grandi magazzini con una superficie di almeno 230 m². Al loro posto, i negozi sono incoraggiati a mettere prodotti più sani con l'obiettivo di promuovere un'alimentazione sana.

Anche in Svizzera le organizzazioni dei consumatori hanno fatto questa richiesta con un certo successo, dato che diversi negozianti hanno allestito delle "casse familiari" dove non ci sono dolci, "ma molti supermercati non hanno dato seguito a questa idea", scrive la parlamentare ginevrina nella sua interpellanza. Eppure il 42% della popolazione è attualmente in sovrappeso o obesa in Svizzera, osserva ed "è quindi necessario proteggere i bambini fin dalla più tenera età, cercando di abituarli a consumare prodotti equilibrati il
più presto possibile", ritiene.

Nella sua risposta pubblicata questa settimana, il governo si è detto favorevole all'idea. "Il design della zona casse è una misura per proteggere i bambini da una forma specifica di pubblicità. Il Consiglio federale sostiene quindi l'idea di emettere una raccomandazione alla grande distribuzione in particolare per progettare le loro casse con prodotti sani come misura supplementare", scrive.

Tuttavia, l'attenzione principale è sulla Strategia nutrizionale svizzera 2017-2024, che mira a promuovere un'alimentazione equilibrata e varia per mantenere la salute e prevenire le malattie. La sua prima priorità è quella di informare i consumatori (per esempio, attraverso l'introduzione facoltativa del sistema di etichettatura Nutri-Score, sottolinea) e di migliorare la composizione dei prodotti in collaborazione con l'industria alimentare.

Un altro obiettivo importante è quello di fermare volontariamente la pubblicità ai bambini per gli alimenti troppo dolci, troppo grassi o troppo salati. "Tuttavia, la cooperazione con l'industria si sta rivelando difficile", riconosce il Consiglio federale. "L'industria alimentare non è ancora pronta a prendere in considerazione criteri più severi di quelli attuali. In questo senso, la proposta della Fehlmann Rielle potrebbe completare la sua strategia, scrive il Consiglio federale.

Guarda anche 

Richiedenti l'asilo in paesi extraeuropei, "la Svizzera segua l'esempio della Danimarca"

Perchè la Svizzera non segue l'esempio della Danimarca? Il paese nordico ha approvato settimana scorsa una legge per aprire centri di accoglienza per i migrant...
07.06.2021
Svizzera

Il mea culpa di Nestlé: “Oltre il 60% dei nostri alimenti non è salutare”

Nestlé ha riconosciuto che oltre il 60% dei suoi prodotti alimentari e bevande non soddisfano una “definizione riconosciuta di salute” e che “alc...
02.06.2021
Mondo

Il Consiglio federale esclude una moratoria sui permessi per frontalieri: “Non sono aumentati”

Non ci sarà nessuna moratoria sul rilascio dei permessi G in Svizzera. Il Consiglio federale ha bocciato la misura a favore dei lavoratori indigeni perchè &...
21.05.2021
Ticino

Sommaruga voleva rimpatriare una jihadista, ma il Consiglio federale gli dice no

Il Consiglio federale boccia la richiesta del consigliere agli Stati Carlo Sommaruga (PS) di consentire il rimpatrio dalla Siria di una combattente jihadista cui è...
21.05.2021
Svizzera