Svizzera, 12 febbraio 2021

Poliziotto la chiama per un massaggio erotico in pieno lockdown: prosciolta

Durante il primo lockdown si era pubblicizzata su internet come massaggiatrice erotica, nonostante il divieto di esercitare la professione imposto dal Consiglio federale.

Il 2 aprile aveva ricevuto la chiamata di un uomo presentatosi come potenziale cliente. Aveva fissato con lui un appuntamento. Scoprendo solo in seguito che in realtà quell’uomo non era un cliente qualsiasi bensì un ispettore della polizia cantonale argoviese.

Pochi giorni dopo la donna aveva ricevuto a casa sua un decreto d’accusa. Il Ministero pubblico proponeva una condanna a 30 aliquote giornaliere, più una multa di 300 franchi e spese giudiziarie per 1'140 franchi.

Lei si è opposta e il caso, di cui riferisce oggi la Aargauer Zeitung,
è approdato in tribunale. La donna ha spiegato di non avere avuto alternative durante il lockdown. A causa della chiusura di tutte i locali erotici e il divieto di esercitare la professione, in primavera si era trovata in grosse difficoltà finanziarie. “Ero così disperata – ha affermato – che ho dovuto per forza farlo. Il coronavirus è terribile ma anche perdere la propria esistenza lo è. Non volevo finire per strada”.

Il giudice unico Daniel Peyer le ha dato ragione, prosciogliendola da tutte le accuse. A detta del giudice, il Consiglio federale non aveva il diritto di emanare un’ordinanza che prevedesse pene detective fino a 4 anni senza basarsi direttamente su una legge o sulla costituzione federale.

Guarda anche 

Oltre 170mila franchi di debito con l’assistenza: espulso

Il Tribunale federale ha confermato la revoca del permesso di dimora a un cittadino tunisino, al beneficio dell’assistenza pubblica da parecchi anni, periodo durant...
09.03.2021
Svizzera

Razzie per oltre 230'000 franchi, condannati ed espulsi tre giovani

Nel giro di sei mesi hanno messo a segno 23 colpi, per una refurtiva del valore complessivo di oltre 230’000 franchi. Hanno iniziato rubando computer portatili nell...
06.03.2021
Svizzera

Espulso per debiti, se la prende con la Posta

In assistenza e oberato dai debiti, un cittadino congolese deve lasciare il Ticino, dove vive dal 2009. Anche il Tribunale amministrativo cantonale (TRAM) ha in sostanza ...
05.03.2021
Ticino

Condannato ed espulso per l'accoltellamento all'Aldi di Pregassona

È stato condannato a 6 anni di carcere e a 10 anni di espulsione dalla Svizzera, il 38enne iracheno che lo scorso 20 luglio accoltellò un connazionale in pi...
24.02.2021
Ticino