Ticino, 07 febbraio 2021

Ha l’asma, le emorroidi ed è depresso: può restare in Ticino

Il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha accolto il ricorso presentato dal signor Massimiliano Minì per conto di due cittadini iraniani – padre e figlio minorenne – che la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) aveva deciso di rinviare in Croazia, loro primo paese d’approdo in Europa, come prevede il regolamento Dublino.

Visto i numerosi problemi medici lamentati dai due richiedenti l’asilo, scrivono i giudici nella sentenza pubblicata ieri, “la SEM avrebbe dovuto accertare in modo più rigoroso il loro stato di salute, richiedendo nuovamente dei certificati medic dettagliati, onde stabilire con chiarezza le diagnosi degli insorgenti, i loro trattamenti necessari, come pure l’evoluzione del loro stato valetudinario e la prognosi”.

La SEM aveva valutato lo stato di salute dei due richiedenti l’asilo, giunti a Chiasso nell’agosto 2020, con l’ausilio di vari medici, compresi neurologi e psichiatri. Alla luce dei rapporti presentati dagli esperti, aveva ritenuto che non vi fossero impedimenti al loro rinvio verso la Croazia, dove era pendente la loro prima domanda d’asilo. In dicembre la SEM aveva quindi respinto le domande d’asilo presentate da padre e figlio in Svizzera.

La Croazia
ha acconsentito al rientro dei due cittadini iraniani, ma loro si sono opposti presentando ricorso tramite il signor Massimiliano Minì. Inoltre, pochi giorni dopo la decisione negativa della SEM, il padre si è fatto ricoverare per problemi psichici, rendendo di fatto impossibile il suo allontanamento.

Nel ricorso il signor Minì spiegato che il padre soffre di vari problemi (asma bronchiale, emorroidi, insonnia, disturbo depressivo ricorrente di media gravità) mentre dal canto suo il figlio sta bene fisicamente ma soffre psichicamente a causa della situazione.

E i giudici del TAF, pur concordando con la SEM sul fatto che le cure mediche sono disponibili anche in Croazia, ha ritenuto che prima di prendere qualsiasi decisione sul destino dei due iraniani sia necessario procedere a ulteriori accertamenti medici onde definire una diagnosi precisa, in particolare dal profilo psichiatrico.

I due richiedenti l’asilo possono quindi restare in Ticino. Nel frattempo la SEM dovrà predisporre dei nuovi accertamenti “al fine di determinare se il loro trasferimento in Croazia possa comportare una violazione dei loro diritti fondamentali in ragione del loro stato di salute e della loro particolare vulnerabilità”. 

Guarda anche 

Spaccio di droga: espulsi un 54enne, i suoi due figli e suo genero

Il giudice l’ha definita “una piccola azienda famigliare” dedita allo spaccio di droga. Un 54enne italiano, i suoi due figli e il suo genero sono stati ...
19.06.2021
Svizzera

"La Svizzera è pronta a un'eventuale ondata di domande di asilo?"

Ci dirigiamo verso una nuova ondata di "caos asilo"? È ciò che teme il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri, che oggi ha interpellato il Consiglio...
17.06.2021
Svizzera

Netto aumento delle domande di asilo in Svizzera

Nel maggio 2021 sono state presentate in Svizzera 1029 domande d’asilo, ossia 179 in più che nel mese precedente (+21,1%). Lo comunica oggi la Segreteria di ...
17.06.2021
Svizzera

Condannati in 16 a Berna per aver occupato un edificio

Bettina Bochsler, giudice unica del tribunale regionale di Berna-Mittelland, ha condannato oggi 16 persone che nel 2017 occuparono un edificio sulla Effingerstrasse. I 16...
17.06.2021
Svizzera