Ticino, 28 novembre 2020

Il coraggio di cambiare

Una chiacchierata con il Segretario Lega dei Ticinesi, Pierre Vescovi.

Carissimi, 

In questi primi mesi di attività ho avuto il piacere di conoscere molti di voi e ho percepito il grande desiderio di vedere che qualcosa finalmente cambi nella nostra stanca e faticosa quotidianità. 

Ma quali sono le nostre vere preoccupazioni, all’infuori del momentaccio Covid, del quale non voglio certo parlarvi in quanto ci viene già propinato ad ogni respiro in modo ossessivo? 

Quella anzitutto legata alla precaria situazione del mercato del lavoro che, malgrado stipendi di 1/3 inferiori alla Svizzera interna, ci vede fragili e in crescente sostituzione con il frontalierato in tutti i settori d’attività. 

Quella del costo della vita in costante e inspiegabile progressione anche nei momenti più difficili, vedi i premi delle assicurazioni malattia. 

Quella di chi a cinquant’anni si trova in assistenza perché nessuno lo vuole più impiegare e dei nostri giovani che devono ritornare a varcare il Gottardo per trovare un adeguato collocamento. 

Quella di un ceto medio assolutamente bistrattato, vera vacca da mungere, al quale tutti si appellano in prossimità delle elezioni per poi dimenticarsene il giorno dopo. 

Quella per una qualità dell’ambiente che va certo preservata ma non con l’introduzione di sinistre tassazioni che penalizzano ancor più chi vive discosto dai centri urbani e non dispone di mezzi pubblici adeguati. 

Quella degli abusi nell’accoglienza di immigrati di “diversa cultura”, che oltre a costi sociali non indifferenti dati dalla cospicua componente di soggetti non integrabili, ci regala movimenti estremisti con i quali mai avremmo voluto avere a che fare 

Quella di vedere i nostri valori costituenti sempre più disprezzati dagli amanti del “politicamente corretto” e, come scriveva un mio conoscente già 40 anni fa, “dai terzomondisti della brioche”. 

Quella di… e non voglio andare oltre per oggi. 

Ma chi difende questi valori se non la Lega e il centrodestra in generale? Purtroppo nessuno. 

La sinistra fa ormai il suo percorso ben lontana dagli interessi della gente comune, preoccupata solo di spalancare le frontiere e tutelare i propri aderenti che vivono per lo più nella manna del pubblico. 

Il centro, teoricamente rappresentato da Liberali radicali e PPD, che però sul loro veicolo montano al posto delle ruote anteriori delle angurie (nel senso rossoverde del termine) e tirano inevitabilmente a sinistra. I verdi? Vivono in un altro mondo che solo loro hanno scoperto. 

Quindi forza amici! Smettiamola di lamentarci e mettiamoci a disposizione per fare in modo che qualcosa cambi. Aderite e aiutateci ad estendere la nostra presenza in tutti i Comuni, in particolare quelli dove non siamo ancora ufficialmente presenti. Nel piccolo ognuno può fare qualcosa e tanti piccoli sforzi possono portare a un grande cambiamento, quello di cui abbiamo bisogno. Chi lo desidera può naturalmente sempre contattarmi in assoluta discrezione (pierre.vescovi@lega-dei-ticinesi.ch). 

Un caro saluto a tutti. 

 

Piergiuseppe Vescovi Segretario Lega dei Ticinesi 

 

 

 

 

 

 

Guarda anche 

Diritto di voto agli stranieri e reddito di base, il programma "rosso" dei giovani verdi ticinesi

"Siamo persuasi dall’idea che l’economia capitalista abbia creato disuguaglianze insostenibili, accentuando sempre di più il divario tra super ric...
13.01.2021
Ticino

RinnoviAmo Magliaso – Lega – UDC – Ind.: vuoi candidarti con noi?

In vista della consegna delle liste per le elezioni comunali di aprile, prevista entro lunedì 8 febbraio, il gruppo RinnoviAmo Magliaso – Lega – UDC &n...
09.01.2021
Ticino
Ticino

"Un accordo insoddisfacente che sacrifica gli interessi dei ticinesi"

In un comunicato stampa trasmesso poco fa, la Lega dei Ticinesi prende posizione sull'accordo sulla fiscalità dei frontalieri firmato oggi tra Svizzera e Itali...
23.12.2020
Ticino