Sport, 13 ottobre 2020

“Marc Hirschi? Un fenomeno Ne vedremo delle belle!”

Nostra intervista esclusiva con Daniel Gisiger, uno dei suoi “maestri”

LUGANO - Daniel Gisiger non è stato soltanto un campione della pista e un ottimo cronoman su strada. No, ha formato anche tanti giovani talenti, i quali è Marc Hirschi, che, dopo aver vinto una tappa al recente Tour de France, ha conquistato la medaglia di bronzo ai Mondiali di Imola, ha trionfato nella Freccia Vallone (68 anni dopo il mitico Ferdy Kubler) e domenica scorsa è giunto secondo nella Liegi-Bastogne- Liegi, gara che avrebbe potuto vincere se il neo campione del mondo Julien Alaphilippe non l’avesse distur-bato (eufemismo) in volata. Insomma: il ragazzo di Ittigen è l’uomo del momento e con Remco Evenepoel è certamente uno dei corridori più in vista e ricercati mediaticamente. E una parte del merito è senza dubbio di Gisiger, che gli insegnato il mestiere e gli ha permesso di fare il salto di categoria negli Elites senza riscontrare particolari problemi. 

“Hirschi è un fenomeno, ne vedremo delle belle!”, afferma con entusiasmo Daniel, che il Mattino della Domenica ha sentito al telefono domenica scorsa subito dopo la Liegi-Bastogne-Liegi.

Daniel Gisiger: si aspettava Hirschi subito protagonista fra gli Elites?
Non ho mai avuto dubbi che Marc potesse recitare un ruolo di primo piano sin dall’esordio nella categoria. Basta ricordare, a questo proposito, il suo piazzamento a San Sebastian nel 2019. Poi è stato un crescendo di prestazioni e risultati. Lui ha tanta qualità. In particolare è un ragazzo coraggioso, che quando c’è da andare va, senza speculare troppo… 

Lei è stato uno dei suoi maestri.
Lui ha fatto tanta esperienza in pista e questo secondo me è stato fondamentale per la sua formazione. Quando è entrato nel mio team della pista ha potuto perfezionare certi aspetti quali la gestione della velocità e dello stress. Marc comunque è uno che già da ragazzo si distingueva dagli altri… 

In che senso?
Non si accontentava soltanto dei consigli o degli insegnamenti dell’allenatore di turno. Ma chiedeva, si informava, non si accontentava mai. Voleva sapere tutto. Era curioso e a volte anche…pedante. Gli altri ascoltavano, lui ascoltava e domandava… 

Da ragazzo vinceva tutto…
Lo vidi correre giovanissimo una corsa regionale. Partì al comando dopo pochi chilometri e arrivò al traguardo con distacchi abissali sui rivali. Il tutto con estrema facilità. Un corridore nato… E sa una cosa? Lui ha vinto in età juniores e Under 23 titoli europei e mondiali eppure non si è mai montato la testa. È rimasto umile e concentrato sempre sull’obiettivo del giorno dopo… 

A proposito di umiltà: l’approccio di Hirschi alla sua squadra, la Sunweb, è stato decisamente positivo. 
Certo, perché lui è un ragazzo intelligente. Che ha capito che avrebbe dovuto mettersi a disposizione del gruppo e non il contrario, visto il suo curriculum. Marc ha imparato presto le regole del ciclismo d’elite. In gruppo è rispettato e temuto. Un altro segno della sua maturità. 

Tanti l’hanno definito un fenomeno. Come Remco Evenepoel. 
Non so se si tratti o meno di un fenomeno. Il tempo lo dirà. Di certo come Remco ha cominciato a vincere presto, e in passato sono pochi quelli come loro. Eddy Merckx, che ha 20 anni vinse la Milano-Sanremo. Detto questo non vorrei si pensasse che sto facendo dei paragoni. Assolutamente no. Sono altre epoche, altro ciclismo. Oggi si corre in modo diverso. Ma Hirschi ed Evenepoel sono certamente dei corridori che hanno qualità la media. Ma ci sono anche Pogacar, Van Art e Bernal che meritano di essere citati.

Corridore da classica e anche da grandi giri?
In questo momento Hirschi può vincere su tutti i terreni possibili. Ha vinto una classica, si è piazzato ad un Mondiale e al Giro di Francia ha provato ad andare in fuga ed in salita si è difeso bene. Non ha corso per la classifica ma non è detto che in futuro non decida di concentrarsi anche su quello. Sono convinto che abbiamo di fronte un corridore universale. Per il ciclismo svizzero sarebbe fantastico. 

Hirschi è uno dei prodotti della scuola svizzera di ciclismo… 
Negli ultimi anni si è lavorato molto sulla formazione e credo che i risultati siano lì sotto gli occhi di tutti. Non c’è solo Marc ma altri corridori di talento. Cito Mäder o Bissegger. Direi comunque che il bernese ci abbia messo anche e parecchio del suo. Ma prepariamoci: sono convinto che il bello debba ancora venire!

M.A.

Guarda anche 

VIDEO – Che paura al Tour! Jungels travolto da un’ambulanza!

GRAN COLOMBIER (Francia) – La tappa del Tour de France che è andata in scena ieri potrebbe aver messo la pietra sulle speranza di vittoria del colombiano Ber...
14.09.2020
Sport

Fucili ad aria compressa usati in casa e bottiglie di whisky finite in due sorsi: la depressione di Ullrich

FRIBURGO – Frank Wörndl, vice campione olimpico in Slalom nel 1988, non ha mai nascosto che nella sua vita non si è mai negato qualche piacere e qualche...
04.09.2020
Sport

A 80 anni fa segnare il record del mondo in bici: squalificata per doping!

A 57 anni ha deciso di saltare in sella alla bici più che altro per tenersi in forma, ma poco dopo si è prefissata degli obiettivi ambizioni. Il 29 agosto 2...
21.08.2020
Sport

VIDEO – Sbaglia la curva, centra il muretto e vola nel burrone: paura e terrore al Giro di Lombardia

COMO (Italia) – La storia del ciclismo è caratterizzata da sempre non solo da grandi e memorabili imprese, ma anche da cadute epiche e incredibili. E oggi, d...
15.08.2020
Sport