Sport, 04 ottobre 2020

Lugano da incorniciare. Ambrì da inquadrare

Le prime due giornate di campionato, derby compreso, hanno sottolineato la versatilità e l’efficacia dei bianconeri, così come la difficoltà nell’essere concreti dei leventinesi

LUGANO – Due partite. 6 punti ottenuti. 7 gol fatti, 0 subiti e 3 derby di fila vinti (benché 2 amichevoli). Un portiere, Schlegel, capace di firmare già 2 shutout. C’è di che essere soddisfatti e ottimisti per il futuro in casa Lugano. Dall’altra parte… due match disputati, 0 punti ottenuti, 0 reti siglate e 5 subite. Dalle parti della Valascia il bicchiere appare mezzo vuoto, nonostante le buone cose mostrate sul ghiaccio.

Le vittorie ottenute in casa con i Lions, probabilmente la squadra su cui fare la corsa in ottica titolo, e quella nel derby in trasferta hanno messo in evidenza quanto questo Lugano sia davvero una squadra attrezzata per puntare in alto, sempre più in alto. È vero, 120’ sono troppo pochi per poter fare un’analisi attenta ed esaustiva del complesso di Pelletier, ma alcuni dati saltano subito all’occhio: i bianconeri sono stati in grado di dominare un match, quello contro lo Zurigo, sfoggiando le doti migliori per 60’ in un match sulla carta tosto, mentre non sono riusciti a ripetersi del tutto contro l’Ambrì, ma in ogni caso sono riusciti a cogliere le occasioni, pur soffrendo un forecheking esasperato che è riuscito a mettere la museruola a un powerplay davvero ottimo.

Già durante l’estate praticamente tutti elogiavamo le qualità offensive della truppa luganese – e come non farlo, potendo contare sull’estro dei vari Arcobello, Boedker, Fazzini, a cui si sono aggiunte le qualità di Carr e di Kurashev – ma si mettevano in evidenza le lacune difensive. Nei primi 120’ della stagione, invece, l’assetto arretrato del Lugano è stato ottimo, granitico, sostenuto da uno Schlegel formidabile. I bianconeri sembrano aver ritrovato anche Bürgler: un’arma micidiale per il nostro campionato. Certo, resta
sempre il dubbio di che Lugano vedremo a partire da novembre quando Kurashev farà ritorno in NHL e i contratti di Heed e Carr potrebbero concludersi… ma è palese che il sodalizio bianconero stia provando a fare carte false per trattenere questi ultimi due alla Cornèr Arena, anche perché il loro peso su questa squadra è davvero importante.

In casa Ambrì, invece, è complicato analizzare queste prime due partite, in cui la squadra non ha sfigurato – pur non creando tantissimo nel derby – ma non ha raccolto i frutti. Vuoi perché in fase offensiva manca un cecchino, uno sniper, un centro che faccia girare la squadra e un uomo capace di fare male nei momenti determinanti. Flynn praticamente nelle prime uscite non si è visto, così come D’Agostini: il miglior straniero anche durante l’estate è stato quel Novotny che sarebbe dovuto andare a giocare nei Rockets… davvero troppo poco. La speranza che Nättinen riesca a tornare sul ghiaccio al più presto e possa davvero fare la differenza. Purtroppo in Leventina fin qui sono stati gli episodi a tradire la truppa di Cereda: a Berna due disattenzioni sono costate le due reti degli Orsi, nel derby una marcatura sbagliata sull’incrocio Boedker-Arcobello ha permesso al canadese di trovarsi tutto solo e di trovare l’angolo perfetto.

Insomma… Müller ha definito l’Ambrì come una bottiglia di ketchup, ma la realtà è che il buon Cereda dovrà spremerla e scuoterla molto per trovare la via d’uscita.

Oggi nel frattempo sarà tempo di Coppa Svizzera: il Lugano dovrà rinunciare alla sua sfida per la positività di alcuni giocatori del Pikes Oberturgau, mentre l'Ambrì avrà l'occasione di fornire importanti risposte.

Guarda anche 

Lombardi: “Vogliamo creare un nuovo villaggio leventinese”

AMBRÌ - Filippo Lombardi, da 12 anni presidente dell’HC Ambrì Piotta, non vede l'ora che arrivi il giorno della inaugurazione della nuov...
25.07.2021
Sport

“Il campionato più difficile dal ritorno in Super League”

LUGANO - Angelo Renzetti ha vissuto un’estate fra le più calde della sua storia presidenziale. Dalla vendita alla controversa cordata italobrasilia...
25.07.2021
Sport

Direttore scolastico cambia sede e gli spettano 650'000 franchi di risarcimento

L'elezione di un nuovo preside di una scuola della città di Zurigo sta causando grandi discussioni sulla Limmat. Il motivo: il nuovo direttore eletto, Roberto ...
23.07.2021
Svizzera

Due ladri scoperti perchè sono fuggiti prendendo l'autostrada... in bicicletta

Martedì, poco prima dell'alba, due ciclisti che stavano viaggiando sull'autostrada A4 vicino a Cham (ZG) sono stati segnalati al centro di controllo della ...
21.07.2021
Svizzera