Svizzera, 01 ottobre 2020

Accordo quadro con l'UE, ancora molte le questioni aperte

Dopo il netto rifiuto, domenica scorsa, dell'iniziativa dell'UDC per un'immigrazione moderata, il Consiglio federale dovrebbe informare Bruxelles questa settimana sul proseguio delle discussioni relative all'Accordo quadro, anche se per il momento il Consiglio federale non ha ancora avuto molto da dire sulla questione.

La presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga avrà questa settimana una conversazione telefonica con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen per informarla in dettaglio sui risultati della votazione. Lunedì il vicecancelliere della Confederazione, André Simonazzi, valuterà i risultati della discussione.

Per quanto riguarda l'accordo istituzionale e il suo seguito, il portavoce del governo si è limitato alle generalità. "Il Consiglio federale determinerà la posizione della Svizzera nelle prossime settimane e riprenderà le discussioni con l'Unione europea su una soluzione per i punti dell'accordo ancora aperti", ha affermato nella sua risposta scritta.

Le parti sociali avevano già espresso la loro opposizione su tre punti controversi dell'accordo: l'abolizione delle misure di accompagnamento, la direttiva sui diritti dei cittadini europei e gli aiuti di Stato. Secondo La Tribune de Genève e 24 Heures, le trattative si stanno profilando come una corsa a ostacoli per la Svizzera.

Tuttavia, le aspettative sono diverse. Da parte delle associazioni economiche, il presidente di economiesuisse Heinz Karrer chiede che il Consiglio federale comunichi ora chiaramente quali adeguamenti si aspetta sulle questioni ancora aperte.

Swissmem, l'organizzazione mantello dell'industria meccanica, elettrica e metallurgica, vuole che il governo ratifichi l'accordo quadro anche senza l'accordo delle parti sociali, come ha detto lunedì il presidente uscente Hans Hess nella NZZ.

Fra i partiti l'UDC respinge l'accordo in toto con la motivazione che esso impone giudici stranieri e porta a una perdita inaccettabile della sovranità mentre il PS vi si oppone a causa della mancanza di garanzie per la tutela dei salari. I Verdi, dal canto loro, chiedono che la Svizzera intervenga in materia di dumping fiscale.

Fra i favorevoli all'accordo c'è il PLR anche se nelle scorse settimane l'ex consigliere nazionale Johann Schneider-Ammann lo aveva criticato perchè a suo avviso riduce eccessivamente la sovranità del paese. Il PPD si dice sostanzialmente d'accordo con l'accordo, ma osserva che non ha la maggioranza in Parlamento.

L'UE, da parte sua, auspica una firma "rapida" della bozza sul tavolo. "Mi aspetto ora che il Consiglio federale si adoperi rapidamente per firmare e ratificare l'accordo quadro", scriveva domenica sera Ursula von der Leyen. Questo documento è stato negoziato nel 2018.

Guarda anche 

Non ci sarà l'incontro tra Parmelin e Macron in novembre, "Francia scontenta per la scelta dei caccia americani"

Prevista da sei mesi, la visita che il presidente della Confederazione avrebbe dovuto avere con il suo omologo francese Emmanuel Macron in novembre non avrà luogo....
20.09.2021
Svizzera

Il patrimonio complessivo di Unia è di quasi un miliardo di franchi, "i compagni sono dei buoni capitalisti"

Una recente sentenza del Tribunale federale ha rivelato parte del patrimonio a disposizione del sindacato Unia. Il più grande sindacato della Svizzera possedeva be...
17.09.2021
Svizzera

L'Ue approva 14 miliardi per cercare nuove adesioni nei balcani e la Turchia

Pioggia di soldi per i paesi balcanici non ancora membri dell'UE e la Turchia in vista di un'adesione all'Unione europea. Nei giorni scorsi il Consiglio Europ...
13.09.2021
Mondo

Una decisione irrispettosa: gli americani partono male

LUGANO - Chicago hanno schiacciato il bottone sbagliato! Il signor Joe Mansueto e i suoi accoliti hanno pensato bene di aggiungere anche Abel Braga alla lista delle ...
05.09.2021
Ticino