Svizzera, 14 settembre 2020

La revisione della legge sulla caccia riguarda tutti noi

Una cosa che non vorrei è che qualcuno pensasse che la nuova legge sulla caccia non lo riguardi. Sono passati quasi quarant’anni da quando è stato definito il testo attuale e le condizioni di lavoro di molti contadini di montagna, in questo lasso di tempo, sono diventate sempre più proibitive. Le popolazioni di specie protette, in particolare lupi, linci, castori, aironi e cigni reali, sono aumentate in modo esponenziale, causando sempre più conflitti con l’allevamento, la selvicoltura, la caccia e la pesca.

Queste specie non sono in pericolo d’estinzione e si stanno espandendo oltremodo. In Svizzera vivono ora 10 branchi per un totale di oltre 100 lupi, tra cui vi sono esemplari problematici che predano dai 300 ai 500 capi di bestiame all’anno. Sono ormai purtroppo molti gli allevatori che decidono di interrompere la propria attività a causa del lupo o i viticoltori che ogni anno tentennano perché vedono le proprie vigne devastate da cervi e cinghiali. È fondamentale intervenire subito, perché si tratta dell’ennesima minaccia alla nostra produzione agricola, che si contraddistingue con prodotti di alta qualità, locali, sani e oltremodo sostenibili anche ecologicamente.

La nuova legge permetterà di limitare i danni causati dai grandi predatori, garantendo al contempo la loro protezione. Se invece dovesse essere respinta, la Svizzera si troverebbe di fronte gli stessi problemi incontrati dai paesi limitrofi dove si constata un incremento ormai ingestibile della popolazione di lupi. In Francia, ad esempio, la situazione è talmente critica che si è arrivati a introdurre un decreto che mira a sopprimere ogni anno circa il 20% dei nuovi nati; la decisione spetta ai prefetti e viene presa per cercare di diminuire gli importanti e ormai insostenibili danni alle greggi. Simili misure sono state appena varate anche in Spagna e il resto dell’Europa non tarderà a seguire.
In Svizzera invece la nuova legge permetterà di trattare il problema in maniera mirata, concedendo maggiori competenze ai governi cantonali. Si potranno così regolare, previa consultazione con l’Ufficio dell’ambiente, in maniera autonoma esemplari appartenenti a specie protette, intervenendo in modo tempestivo e migliorando la protezione della natura e il benessere degli animali d’allevamento.
Non lasciamoci ingannare dalle apparenze e dalle informazioni fuorvianti. La protezione ad oltranza di una specie va sempre a discapito di altre specie o dell’ambiente, bisogna quindi intervenire con incisività per non mettere a repentaglio l’intera filiera produttiva. Sostenere che le specie protette verranno messe in pericolo con la nuova legge è falso.

Con le nuove normative si potrà proteggere lo spazio rurale tradizionale da danni continui e ripetuti. Si salvaguarderanno tradizioni che custodiscono sapere antichi e rispettosi di quanto ci circonda. Inoltre, la nuova legge permetterà di esercitare l’attività venatoria secondo i principi della sostenibilità che si basano su comportamenti responsabili ed etici. Da ultimo, la nuova legge sulla caccia comprende anche la creazione di nuovi ecosistemi: per esempio riserve per uccelli migratori, zone di protezione e corridoi faunistici sovraregionali, che verranno sostenuti dalla Confederazione e rafforzeranno la biodiversità e la protezione del clima in maniera duratura.

Questa revisione è un tipico compromesso svizzero, niente di rivoluzionario. Cosa si vuole di più? Le conseguenze di un No in votazione sarebbero disastrose per il settore primario, per questo invito tutti a votare un FONDAMENTALE SÌ alla nuova Legge sulla caccia il prossimo 27 settembre!
 
 
Sem Genini, segretario agricolo cantonale
 

Guarda anche 

Al Casinò di Lugano si cercano professionisti

Lugano- Il Casinò Lugano sta per sbarcare nel mondo del gioco online. Ormai mancano davvero poche settimane al lancio del nuovo brand della piattaforma...
25.09.2020
Ticino

Legge sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici: non dimentichiamo di votare Sì

Le modifiche alla Legge federale sulla caccia del 1986 approvate dal Parlamento federale nel settembre 2019 avrebbero dovuto entrare in vigore quest'anno. Alcune cerc...
22.09.2020
Svizzera

Laura kampf: Il pacchetto dell'inganno

Lo ammetto non sono un’esperta di aerei, sono solo una donna e cittadina Svizzera che ha capito che il referendum contro l'acquisto di nuovi aerei da com...
16.09.2020
Opinioni

Il mondo del metallo brilla nuovamente a SwissSkills 2020: arriva un’altra medaglia per il Ticino.

Jason Solari porta a casa la seconda medaglia per AM Suisse Ticino questa volta nella saldatura. Il giovane, che ha svolto il suo apprendistato come metalcostruttore pres...
16.09.2020
Ticino