Svizzera, 10 settembre 2020

"No alla libera circolazione incontrollata della manodopera estera"

L’Organizzazione per il Lavoro in Ticino (TiSin) con un comunicato trasmesso ai media prende posizione sull'iniziativa detta “di limitazione” dicendosi favorevole a disdire e rimettere in discussione l'accordo di libera circolazione in votazione il prossimo 27 settembre. Questo perchè, stando all'organizzazione sindacale, “la libera circolazione indiscriminata delle persone – si legge nel comunicato – ha generato effetti marcatamente negativi per il tessuto lavorativo locale, in seguito alle politiche salariali al ribasso, di sfruttamento e in particolare di esclusione della manodopera più anziana (indigena e domiciliata) adottata da certa imprenditoria, in prevalenza di provenienza estera”.

Effetti negativi causati dall'”immissione indiscriminata di manodopera estera nel mercato del lavoro” agevolando, secondo TiSin, “dumping sociale a salariale, a danno della manodopera locale che ha dovuto subire la concorrenza di manodopera reperita all’estero facilmente assoggettabile a contratti precari, con salari al ribasso e privi di contenuti sociali”.

Questo induce TiSin a esprimere “contrarierà” alla “libera circolazione incontrollata della manodopera estera” nel mercato del lavoro svizzero, e invita quindi a disdire e rimettere in discussione l’accordo “al fine di ridefinire regole e misure più concrete che tutelino il tessuto lavorativo locale, che impediscano la deregolamentazione del mercato del lavoro, il dumping sociale e salariale che sta relegando in uno stato di precariato e di povertà una fascia sempre più ampia di lavoratori e lavoratrici esclusi dal mondo del lavoro”.

Di seguito il comunicato integrale di TISin:

No alla libera circolazione incontrollata

L’Organizzazione per il Lavoro in Ticino (TiSin) è del parere che l’accordo sulla libera circolazione indiscriminata delle persone abbia generato effetti marcatamente negativi per il tessuto lavorativo locale,
in seguito alle politiche salariali al ribasso, di sfruttamento e in particolare di esclusione della manodopera più anziana (indigena e domiciliata) adottata da certa imprenditoria, in prevalenza di provenienza estera.

È indubbio che l’immissione indiscriminata (incontrollata e incontrollabile) di manodopera estera nel mercato del lavoro locale abbia agevolato l’evoluzione del dumping sociale a salariale, a danno della manodopera locale che ha dovuto subire la concorrenza di manodopera reperita all’estero facilmente assoggettabile a contratti precari, con salari al ribasso e privi di contenuti sociali.

Non a caso i lavoratori e le lavoratrici con più anni di servizio (gli over 50/55) che fanno parte del tessuto lavorativo locale, a prescindere dalla nazionalità ma  comunque bene inseriti nel tessuto sociale e lavorativo del Paese, vengono emarginati in modo disinvolto dal mondo del lavoro, per essere sostituiti da manodopera estera facilmente assoggettabile a contratti lavorativi da fame, inaccettabili per i lavoratori e le lavoratrici che devono far fronte alle esigenze economiche e famigliari determinate dal costo della vita locale.

Tali ragioni inducono TiSin ad aprire un dibattito aperto sul tema, esprimendo la sua contrarietà sulla libera circolazione incontrollata della manodopera estera nel mondo del lavoro locale, chiedendo, dunque, di disdire e rimettere in discussione l’accordo al fine di ridefinire regole e misure più concrete che tutelino il tessuto lavorativo locale, che impediscano la deregolamentazione del mercato del lavoro, il dumping sociale e salariale che sta relegando in uno stato di precariato e di povertà una fascia sempre più ampia di lavoratori e lavoratrici esclusi dal mondo del lavoro.

Sosterrà, dunque, ogni iniziativa tesa a regolare e limitare i flussi incontrollati di manodopera di provenienza estera che hanno finito per scardinare le regole sociali, contrattuali e lavorative vigenti a livello cantonale e nazionale.

TiSin


Guarda anche 

28 anni di paure di fronte all'Unione europea

E' trascorso quasi un trentennio da quella famosa votazione per l'entrata nello Spazio economico europeo (SEE) ed è da un trentennio che sentiamo sempre la...
19.09.2020
Opinioni

Baranzini: "La libera circolazione non ha favorito i cantoni di frontiera"

Il prossimo 27 settembre saremo chiamati a esprimerci sulla libera circolazione delle persone con l'Unione europea, un accordo in vigore da ormai 13 anni e che ha avu...
15.09.2020
Svizzera

"Il governo conti i danni provocati dalla libera circolazione"

Quantificare i danni provocati dalla libera circolazione in Ticino. È quello che chiede il gruppo parlamentare della Lega dei ticinesi in un'interrogazione di ...
08.09.2020
Ticino

I bulli dell'UE

Da molti anni ci indigniamo, giustamente, quando sentiamo parlare di bullismo o del più moderno cyber-bullismo. Se però è l’UE a comportarsi co...
08.09.2020
Opinioni