Svizzera, 05 giugno 2020

Condannato a 12 anni di carcere per tentato omicidio, non verrà espulso

Sono stati condannati per lo stesso crimine, ma uno di loro potrà rimanere in Svizzera mentre l'altro verrà espulso. Due cittadini kosovari erano stati giudicati colpevoli di tentato omicidio per aver assoldato nel 2012 degli assasini per assunto uccidere la moglie di un banchiere locale (anch'egli condannato). La vittima era miracolosamente sopravvissuta al suo strangolamento nella sua casa di Chêne-Bougeries, nel canton Ginevra. Condannato a 11 anni e 6 mesi di carcere, l'uomo che aveva assunto due connazionali per uccidere la donna verrà espulso al suo rilascio. In una sentenza pubblicata il 15 maggio, il Tribunale federale aveva confermato la decisione delle autorità di Ginevra, che avevano revocato il permesso di stabilimento. Uno dei due uomini assoldati, che aveva accompagnato l'assassino e lo aveva portato sulla scena del crimine, era stato condannato a 12 anni di prigione. Anche a lui era stato revocato il permesso di soggiorno. Dopo che quest'ultimo ha tuttavia presentato ricorso, la giustizia ginevrina ha appena annullato questa decisione.

I giudici della Camera amministrativa della Corte di giustizia di Ginevra hanno pronunciato la loro sentenza il 30 aprile. Hanno sottolineato che i fatti che hanno portato alla sua condanna erano "di estrema gravità", ma hanno anche ricordato che la revoca di un permesso di soggiorno dovrebbe essere "proporzionata alle circostanze". "Nel contesto di questa ponderazione degli interessi, è necessario prendere in considerazione in particolare la durata
del soggiorno in Svizzera, l'età di arrivo in questo paese, le relazioni sociali, familiari e professionali, il livello di integrazione e le conseguenze dell'espulsione della persona interessata ". Anche il rischio di recidiva gioca un ruolo importante nell'equazione, spiegano i giudici.

Pertanto, anche considerando l'evoluzione dell'uomo in prigione e "la condanna acquisita" dalla camera amministrativa durante la sua udienza, "si manterrà l'interesse privato del ricorrente, e quello della sua famiglia, che l'interessato può continuare a vivere con la sua famiglia in Svizzera, a sviluppare la sua attività professionale, a supervisionare le sue figlie e a risarcire la sua vittima, interesse che è maggiore all'interesse pubblico del suo allontanamento dal territorio svizzero. " Questa decisione, che non è stata impugnata, è diventata definitiva lo scorso venerdì 5 giugno.

Nel caso della persona condannata che verrà espulsa dalla Svizzera al momento del suo rilascio dal carcere, il Tribunale federale ha confermato le decisioni delle autorità ginevrine. I giudici di Ginevra avevano stimato che il forte indebitamento dell'uomo aumenta consideevolmente il rischio di recidiva. Hanno anche ritenuto che i legami con moglie e figlia nati nel 2016 non fossero abbastanza forti da giustificare la sua permanenza in Svizzera. Infine, il Tribunale federale aveva notato la sua tendenza a minimizzare i fatti di cui era stato ritenuto colpevole.

Guarda anche 

Tre persone aggredite con il coltello a una fiera a Ginevra

Almeno tre persone sono rimaste ferite in una serie di aggressioni avvenuta a una fiera a Ginevra. Secondo quanto riferisce la Tribune de Geneve, "diversi accoltella...
25.07.2021
Svizzera

Chiamano la polizia per una rapina in un negozio, ma stanno girando un video

Nell'agosto 2020 a Losanna, un passante aveva segnalato alla polizia di una rapina in corso in un negozio di alimentari. Poco dopo, quattro pattuglie di polizia e due...
22.07.2021
Svizzera

Causa un incidente con un ferito, dovrà lasciare la Svizzera per 5 anni

Un automobilista kosovaro dovrà lasciare la Svizzera per almeno 5 anni per aver causato un incidente in cui era rimasta ferita la persona con cui viaggiava e c'...
21.07.2021
Svizzera

Aveva causato un incidente in cui morì un passeggero, condannato a 5 anni di carcere

Un automobilista residente nel canton Zurigo dovrà scontare più di 5 anni di carcere per aver causato un incidente in cui morì uno dei passeggeri con...
20.07.2021
Svizzera