Svizzera, 16 maggio 2020

5G, una commissione del nazionale chiede misure

L'introduzione della tecnologia 5G devono essere accompagnata da misure di monitoraggio, che verifichi gli effetti sullas salute. È quanto ha deciso la Commissione della sicurezza sociale e della sanità (CSSS) del Consiglio nazionale, la quale ha approvato una mozione che chiede che misure di accompagnamento relative agli effetti della tecnologia 5G siano introdotte rapidamente.

Le misure includono il monitoraggio dell'esposizione alle radiazioni, la creazione di un servizio di consulenza in medicina ambientale e l'intensificazione della ricerca sugli effetti della telefonia mobile sulla salute.

La mozione è stata accettata di misura con 11 voti favorevoli, 10 contrari e 3 astensioni, indicano venerdì i servizi del Parlamento, con i deputati UDC e PLR che si sono opposti.

La Commissione ricorda che permangono incertezze in merito agli effetti sulla salute. Il gruppo di lavoro "Telefonia mobile e radiazioni" non è riuscito a concordare alcun adattamento ai valori limite dell'installazione preventiva in vigore, né su una strategia sullo sviluppo di reti di telefonia mobile.

La metà dei membri del gruppo presentava un legame di interessi con l'industria delle telecomunicazioni e, al confronto, solo due membri della professione medica rappresentavano un interesse preponderante della salute pubblica, critica la commissione.

Negli scorsi mesi sono state installate molte nuove antenne 5G e allo stesso tempo le richieste di moratoria stanno aumentando, ricorda la commissione.

Secondo il CSSS, sono necessarie ulteriori ricerche sul ruolo svolto dalle radiazioni in campi altamente sensibili come il cancro, la riproduzione, i deficit cognitivi e altri disturbi non specifici. Il tempo sta per scadere per attuare le misure proposte.

Anche il Consiglio federale ha scelto di essere prudenti. Ad aprile, ha confermato di non voler allentare i valori limite per proteggere le persone dalle radiazioni non ionizzanti in questo momento. Preferiva incaricare il Dipartimento di Comunicazione di testare l'esposizione effettiva della popolazione a causa di antenne adattive e ha annunciato la sua intenzione di attuare le misure di sostegno raccomandate dal gruppo di lavoro.

Guarda anche 

5G, il Consiglio federale va avanti ma con cautela

Il Consiglio federale continua a voler sviluppare la rete 5G in Svizzera, ma aziona il freno a mano visto lo scetticismo espresso da parte della popolazione e da alcuni c...
23.04.2020
Svizzera

"5G e cattivo giornalismo"

Riportiamo di seguito il comunicato stampa del gruppo "Stop 5G Ticino". L'aspetto interessante di questo testo, a nostro avviso, non attiene tanto alla ques...
06.12.2019
Svizzera

Le moratorie contro le antenne 5G sono illegali

Diversi cantoni hanno messo in discussione il nuovo standard di telefonia mobile 5G, in particolare fissando delle moratorie (vedi articoli correlati). Agendo in tal modo...
05.05.2019
Svizzera

Cresce l'opposizione alla tecnologia 5G: Dopo Vaud, anche Ginevra approva la moratoria

Un giorno dopo i loro colleghi di Vaud, i parlamentari di Ginevra hanno approvato una moratoria sull'implementazione del 5G sul territorio del cantone. La mozione app...
11.04.2019
Svizzera