Svizzera, 13 maggio 2020

Il Consiglio federale lancia la fase di test per l'applicazione di tracciamento dei contatti

L'applicazione di monitoraggio dei contatti Covid-19 entrerà presto nella fase di test. Quest'ultimo sarà regolato da un'ordinanza e la sua validità è limitata al 30 giugno, ha deciso mercoledì il Consiglio federale.

L'ordinanza si basa sulla legge sulla protezione dei dati. Regola l'organizzazione, il funzionamento e l'uso dell'applicazione, nonché l'elaborazione dei dati durante la fase di test, specifica il governo.

L'app dovrebbe essere testata la prossima settimana da dipendenti dell'Istituto Federale Svizzero di Tecnologia di Losanna e Zurigo, soldati e impiegati di ospedali, Confederazione e amministrazioni cantonali. Sarà inoltre reso disponibile ad altre persone e organizzazioni al fine di identificare eventuali guasti tecnici e altri problemi di utilizzo.

Il funzionario federale per la protezione e la trasparenza dei dati ritiene che la fase di test prevista sia conforme alla legislazione sulla protezione dei dati. Il Parlamento aveva chiesto durante la sessione straordinaria una base giuridica prima di rilasciare l'applicazione al pubblico. Il Consiglio federale intende proporlo il 20 maggio.

L'applicazione svizzera, denonimata "DP-3T", dovrebbe consentire di rintracciare le persone che sono venute in contatto con una persona ritenuta positiva per il virus e di avvertirli del rischio a cui sono state esposte. Il sistema di tracciamento della prossimità nel suo insieme si basa su metodi crittografici e sull'elaborazione dei dati altamente decentralizzata.

Per quanto possibile, non contiene dati che consentano l'identificazione delle persone. I dati sulla posizione non vengono affatto registrati, assicura il governo. E questi verranno eliminati dopo 21 giorni.

Solo il medico curante e i contatti di rintracciamento del centro cantonale, già esistenti, conoscono l'identità della persona infetta. Solo loro possono autorizzare una persona infetta a segnalare l'infezione al sistema in modo anonimo inviando loro un codice di autorizzazione.

Guarda anche 

Greta Gysin attacca Gobbi ma fa un buco nell'acqua, "in Ticino solo espulsioni regolari"

La consigliera nazionale Greta Gysin (Verdi) è rimasta con il cerino in mano. La sua interpellanza sulle revoche di permessi per stranieri in Ticino, da lei ritenu...
20.11.2020
Ticino

115 milioni dal Governo, ma senza imitare gli altri sarà una stagione falsata

LUGANO – Il primo passo, ovvio e che si sarebbe dovuto fare già prima, è stato fatto: mercoledì Viola Amherd ha regalato una vera e propria boc...
20.11.2020
Sport

Ucraina in quarantena: niente match per la Svizzera

LUCERNA – Tre nuovi casi di positività al Covid e il medico cantonale di Lucerna ha deciso di mettere in quarantena l’Ucraina: la decisione tanto attes...
17.11.2020
Sport

Vita di coppia e covid: riduce la libido!

ROMA (Italia) – La paura di ammalarsi c’è, così come l’ansia per un futuro che a volte si fa davvero incerto, viene meno la vita sociale &...
16.11.2020
Magazine