Svizzera, 07 maggio 2020

A processo per un incendio causato dal suo gatto in cui morì una donna

Un trentenne italiano residente a Payerne, nel canton Vaud, è finito a processo con l'accusa di aver causato un incendio che ha ucciso una 22enne brasiliana. I fatti risalgono a aprile 2017 quando l'uomo, a beneficio dell'AI, era uscito durante il pomeriggio per fare jogging. Quando fa ritorno, vede un denso fumo proveniente dal suo appartamento. Il pronto intervento dei pompieri permise di trarre in salvo quasi tutti gli abitanti della palazzina, ad eccezione di una donna brasiliana di 22 anni, morta asfissiata nel suo bagno dove si era rifugiata per sfuggire dalle fiamme.

A denunciare il trentenne fu la madre della giovane, devastata dalla perdita. "Esiste un dolore più lancinante della perdita di un figlio?" ha proclamato la sua avvocato Liza Sant’Ana Lima, prima di chiedere una condanna per omicidio colposo e 40'000 franchi di risarcimento per danno morale, nonché il rimborso di varie spese legali e di sepoltura.

Ma come è stato appiccato l'incendio, se il proprietario era fuori a correre? Secondo il procuratore l'ipotesi più plausibile è che il “colpevole” dell'incidente sia stato il gatto del trentenne, gatto che avrebbe premuto il pulsante in ceramica che accende la piastrella. Inoltre, l'uomo ha ammesso di aver lasciato macchine da caffè in plastica sul fornello, creando così un rischio aggravante come ha indicato il presidente della Corte. "Una famiglia su tre possiede un gatto in Svizzera", osserva il rappresentante del pubblico ministero. E quando possiedi un gatto come un cane, ne sei responsabile e devi assicurarti che il tuo animale domestico non danneggi gli altri." Scoprendo che l'imputato non sembra essersi ancora reso conto della sua responsabilità, ha chiesto la revoca della sospensione di cui godeva l'uomo in un altro caso legale, in connessione con una condanna per negligenza nei confronti di sua figlia, e rivendica contro di lui 120 giorni aliquote giornaliere.

La difesa da parte sua sottolinea che gli esperti incaricati dai tribunali hanno anche sollevato la pista di un "improbabile malfunzionamento di un apparecchio elettrico" come causa dell'incidente nell'appartamento. "Improbabile non significa impossibile", ha detto l'avvocato Albert Habib, che ricorda che non si condanna una persona quando rimane un dubbio. Ha anche detto di essersi rammaricato per il fatto che qualcuno sia stato denunciato dopo una tragedia. "Non è condannando il mio cliente che il dolore della madre della vittima sarà rimosso." Habib ha quindi chiesto l'assoluzione del suo cliente e rifiuta le pretese di rimborso del denunciante. Il verdetto verrà rilasciato tra una settimana.  

Fonte

Guarda anche 

Derubava i clienti FFS mettendo un fazzoletto nel distributore di biglietti

Un cittadino francese residente a Ginevra è riuscito a sottrarre circa 2'000 franchi a clienti delle FFS bloccando l'erogatore del resto dei distributori d...
13.09.2021
Svizzera

Condannati per una partita di calcio in violazione delle regole covid

Un partecipante ad una partita di calcio, tenutasi il 21 maggio 2020 a Losanna, è stato appena condannato per aver violato le regole anti-covid. In precedenza, alt...
12.09.2021
Svizzera

Docente dà uno schiaffo a un alunno che teneva la porta dell'aula chiusa, i genitori sporgono denuncia

Un alunno di 14 anni di una scuola media di Grenoble (VD) ha preso una sschiaffo dal suo insegnante giovedì scorso per aver impedito a un compagno di classe di las...
11.09.2021
Svizzera

Macedonia del Nord, incendio in ospedale causa 14 morti

Almeno 14 persone sono morte mercoledì sera dopo che un violento incendio è scoppiato in un ospedale della Macedonia del Nord. "Un'enorme traged...
10.09.2021
Mondo