Svizzera, 07 maggio 2020

A processo per un incendio causato dal suo gatto in cui morì una donna

Un trentenne italiano residente a Payerne, nel canton Vaud, è finito a processo con l'accusa di aver causato un incendio che ha ucciso una 22enne brasiliana. I fatti risalgono a aprile 2017 quando l'uomo, a beneficio dell'AI, era uscito durante il pomeriggio per fare jogging. Quando fa ritorno, vede un denso fumo proveniente dal suo appartamento. Il pronto intervento dei pompieri permise di trarre in salvo quasi tutti gli abitanti della palazzina, ad eccezione di una donna brasiliana di 22 anni, morta asfissiata nel suo bagno dove si era rifugiata per sfuggire dalle fiamme.

A denunciare il trentenne fu la madre della giovane, devastata dalla perdita. "Esiste un dolore più lancinante della perdita di un figlio?" ha proclamato la sua avvocato Liza Sant’Ana Lima, prima di chiedere una condanna per omicidio colposo e 40'000 franchi di risarcimento per danno morale, nonché il rimborso di varie spese legali e di sepoltura.

Ma come è stato appiccato l'incendio, se il proprietario era fuori a correre? Secondo il procuratore l'ipotesi più plausibile è che il “colpevole” dell'incidente sia stato il gatto del trentenne, gatto che avrebbe premuto il pulsante in ceramica che accende la piastrella. Inoltre, l'uomo ha ammesso di aver lasciato macchine da caffè in plastica sul fornello, creando così un rischio aggravante come ha indicato il presidente della Corte. "Una famiglia su tre possiede un gatto in Svizzera", osserva il rappresentante del pubblico ministero. E quando possiedi un gatto come un cane, ne sei responsabile e devi assicurarti che il tuo animale domestico non danneggi gli altri." Scoprendo che l'imputato non sembra essersi ancora reso conto della sua responsabilità, ha chiesto la revoca della sospensione di cui godeva l'uomo in un altro caso legale, in connessione con una condanna per negligenza nei confronti di sua figlia, e rivendica contro di lui 120 giorni aliquote giornaliere.

La difesa da parte sua sottolinea che gli esperti incaricati dai tribunali hanno anche sollevato la pista di un "improbabile malfunzionamento di un apparecchio elettrico" come causa dell'incidente nell'appartamento. "Improbabile non significa impossibile", ha detto l'avvocato Albert Habib, che ricorda che non si condanna una persona quando rimane un dubbio. Ha anche detto di essersi rammaricato per il fatto che qualcuno sia stato denunciato dopo una tragedia. "Non è condannando il mio cliente che il dolore della madre della vittima sarà rimosso." Habib ha quindi chiesto l'assoluzione del suo cliente e rifiuta le pretese di rimborso del denunciante. Il verdetto verrà rilasciato tra una settimana.  

Fonte

Guarda anche 

Voleva uccidere il marito dell'ex-moglie, dopo tre anni di carcere dovrà lasciare la Svizzera

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un cittadino originario dei balcani per atti preparatori ad atti criminali. L'uomo aveva minacciato un rivale, avev...
20.10.2020
Svizzera

Frontaliera uccide il datore di lavoro prima di fuggire oltre confine

Martedì scorso un uomo di sessant'anni è stato trovato morto sul pavimento della sua abitazione di Montreux, nel canton Vaud. Secondo le prime indagini,...
15.10.2020
Svizzera

Milionari nel loro paese ma indigenti e in assistenza in Svizzera, condannati

Sono in possesso di un patrimonio milionario in immobili e conti correnti detenuti in Tunisia o intestati in Svizzera a nome dei propri figli ma nonostante questo sono a ...
07.10.2020
Svizzera

Condannati gli attivisti pro clima che avevano occupato una filiale del Credit Suisse

I dodici attivisti pro clima che avevano occupato una succursale del Credit Suisse nel 2018 e che erano stati assolti nel processo di primo grado lo scorso gennaio sono f...
25.09.2020
Svizzera