Mondo, 22 aprile 2020

Causa miliardaria contro la Cina per il Coronavirus, "ha scatenato l'inferno sul pianeta"

Negli Stati Uniti è stata avviata una causa legale contro il governo cinese per la sua gestione della pandemia di coronavirus. Questa denuncia, presentata a marzo, riporta la stampa australiana, è stata sottoscritta finora da circa 10'000 persone, fra cui diversi parenti delle vittime dell'epidemia e gli operatori sanitari che soffrivano della mancanza di dispositivi di protezione.

Questa "class action" viene condotta dallo studio legale Berman Law Group, in Florida, e chiede al governo cinese oltre 6 miliardi di dollari (più o meno l'equivalente in franchi) di risarcimento. La causa accusa i leader cinesi di abbandono, bugie e insabbiamenti nella loro gestione dell'epidemia.

"Siamo ora al centro di questa crisi economica e umana che avrebbe potuto essere ampiamente evitata, se non totalmente evitata", ha dichiarato Jeremy Alters del Berman Law Group al programma televisivo "60 minutes".

"Questa azione si basa sul fatto che la Cina era a conoscenza di questo virus. Non sono riusciti a contenerlo. Non sono riusciti a informarci tempestivamente e hanno scatenato l'inferno sulle nostre comunità, i nostri paesi, gli Stati Uniti, l'Australia e ovunque", ha affermato.

"60 minutes" ha poi dato la parola alla newyorkese Lorraine Caggiano, una delle denuncianti la cui famiglia è stata duramente colpita dalla pandemia, con dieci membri colpiti, inclusa se stessa. Due di loro sono deceduti, una zia e il padre del denunciante.

Lorraine Caggiano afferma di non aver aderito alla causa per i soldi. Ma per "la verità per mio padre, per mia zia, per la mia amica Helen. Solo per la verità. E in seguito in modo che vengano messe in atto misure che ciò possa mai più accadere. "

Critiche sono state sollevate, tuttavia, per sottolineare che le possibilità che una simile azione vada in porto sono molto ridotte. Ma Jeremy Alters è comunque fiducioso. “Le probabilità non sono zero. Siamo molto bravi, possiamo portare la causa in tribunale e poi la decisione sarà nelle mani dei nostri giudici. E ad un certo punto, bisogna fare in modo che la Cina paghi per quello che ha fatto."

Guarda anche 

1'000 spettatori sulle tribune: siamo alla resa dei conti?

BERNA – In un clima sempre più del terrore, fatto di numeri (a volte non esattamente chiari), di futuro incerto e di un presente non limpido, la decisione pr...
19.10.2020
Svizzera

Da domani mascherina in tutti gli spazi chiusi accessibili al pubblico, assembramenti ancora più limitati e raccomandato il telelavoro

Indossare una maschera sarà obbligatorio in tutti gli spazi pubblici chiusi della Svizzera a partire da lunedì per contrastare la diffusione del coronavirus...
18.10.2020
Svizzera

Covid e calcio regionale: c'è chi chiede di fermare tutto

MAROGGIA - Forse c’è qualcuno a cui è rimasto un po’ di sale in zucca! Il Maroggia, per “voce” del suo vice-presidente Rub...
19.10.2020
Sport

Ueli Maurer critica l'allarmismo causato dall'aumento dei casi, "non bisogna cedere all'isteria"

Di fronte al rapido aumento del numero di casi di Covid-19, Ueli Maurer invita a non cedere all'isteria. Ciò che serve è piuttosto un'analisi basata...
18.10.2020
Svizzera