Mondo, 14 aprile 2020

Globalizzazione addio? Sempre più aziende stanno lasciando la Cina per insediarsi altrove

Sempre più aziende, in primis quelle statunitensi, stanno lasciando la Cina per altri lidi. Una tendenza già in atto grazie alla guerra commerciale messa in atto dal presidente americano Donald Trump e che l'attuale pandemia non farà altro che accelerare.

Lo afferma la società di consulenza manifatturiera globale Kearney, la quale ha pubblicato martedì il suo settimo indice annuale di Reshoring (reinsediamento), indice che mostra ciò che ha definito una "inversione drammatica" di una tendenza quinquennale in quanto la produzione interna degli Stati Uniti nel 2019 ha imposto tariffe significativamente maggiori ai 14 esportatori asiatici monitorati nello studio. Le importazioni dalla Cina sono state le più colpite.

L'anno scorso le aziende hanno ripensato attivamente alla loro catena di approvvigionamento, sia per convincere i loro partner cinesi a trasferirsi nel sud-est asiatico per evitare le tariffe, sia per rinunciare del tutto alla Cina.

"Tre decenni fa, i produttori statunitensi hanno iniziato la produzione e l'approvvigionamento in Cina per una ragione: i costi. La guerra commerciale ha portato una seconda dimensione più pienamente nell'equazione

― rischio ― poiché le tariffe e la minaccia di interruzioni delle importazioni cinesi hanno spinto le aziende a valutare l'affidabilità dell'offerta più pienamente a fianco dei costi. Il COVID-19 porta una terza dimensione nel mix, e probabilmente in primo piano: la resilienza, ossia la capacità di prevedere e adattarsi a shock sistemici imprevisti", afferma Patrick Van den Bossche, partner e coautore di Kearney nel rapporto di 19 pagine.

I principali beneficiari di questa tendenza in atto sono le nazioni più piccole del sud-est asiatico, guidate dal Vietnam. E grazie alla conclusione dell'Accordo tra USA, Messico e Canada, il Messico è diventato il luogo preferito per l'approvvigionamento.

"La piena dimensione del trauma sociale ed economico che la pandemia di coronavirus può causare è ancora sconosciuta" scrivono gli autori del rapporto Kearney. "Ma qualunque sia il risultato, è improbabile un ritorno allo status quo della pre-pandemia per il commercio cinese".

"Ciò non significa un abbandono completo della Cina. Significa che i giorni della Cina quale principale polo produttivo del mondo occidentale sono finiti".

Guarda anche 

Ha il Covid ma prende i trasporti pubblici e va al lavoro: 1'600 franchi di multa

Sono 77 i decreti d’accusa finora emessi nel canton Argovia per violazione delle norme anti-Covid. Tra di essi, come riporta oggi la Aargauer Zeitung, ce ne sono al...
15.05.2021
Svizzera

Mascherine, tamponi e distanze sociali? L’Inter è campione e a Milano succede di tutto…

MILANO (Italia) – Era solo questione di giorni o di ore e ieri pomeriggio, col pareggio maturato a Reggio Emilia tra Sassuolo e Atalanta è diventato realt&ag...
03.05.2021
Sport

In migliaia protestano a Rapperswil contro le restrizioni anti-covid

Una manifestazione non autorizzata ha riunito sabato diverse migliaia di persone a Rapperswil per protestare contro le restrizioni anti-coronavirus. I manifestanti hanno ...
25.04.2021
Svizzera

Effetti del Covid-19, i sindacati chiedono un Osservatorio sul frontalierato

Convocare l’Osservatorio sul frontalierato per verificare dimensioni e numeri del fenomeno nell’anno del Covid-19. Ad avanzare la richiesta, come riferisce il...
17.04.2021
Ticino