Mondo, 14 aprile 2020

Globalizzazione addio? Sempre più aziende stanno lasciando la Cina per insediarsi altrove

Sempre più aziende, in primis quelle statunitensi, stanno lasciando la Cina per altri lidi. Una tendenza già in atto grazie alla guerra commerciale messa in atto dal presidente americano Donald Trump e che l'attuale pandemia non farà altro che accelerare.

Lo afferma la società di consulenza manifatturiera globale Kearney, la quale ha pubblicato martedì il suo settimo indice annuale di Reshoring (reinsediamento), indice che mostra ciò che ha definito una "inversione drammatica" di una tendenza quinquennale in quanto la produzione interna degli Stati Uniti nel 2019 ha imposto tariffe significativamente maggiori ai 14 esportatori asiatici monitorati nello studio. Le importazioni dalla Cina sono state le più colpite.

L'anno scorso le aziende hanno ripensato attivamente alla loro catena di approvvigionamento, sia per convincere i loro partner cinesi a trasferirsi nel sud-est asiatico per evitare le tariffe, sia per rinunciare del tutto alla Cina.

"Tre decenni fa, i produttori statunitensi hanno iniziato la produzione e l'approvvigionamento in Cina per una ragione: i costi. La guerra commerciale ha portato una seconda dimensione più pienamente nell'equazione ― rischio ― poiché le tariffe e la minaccia di interruzioni delle importazioni cinesi hanno spinto le aziende a valutare l'affidabilità dell'offerta più pienamente a fianco dei costi. Il COVID-19 porta una terza dimensione nel mix, e probabilmente in primo piano: la resilienza, ossia la capacità di prevedere e adattarsi a shock sistemici imprevisti", afferma Patrick Van den Bossche, partner e coautore di Kearney nel rapporto di 19 pagine.

I principali beneficiari di questa tendenza in atto sono le nazioni più piccole del sud-est asiatico, guidate dal Vietnam. E grazie alla conclusione dell'Accordo tra USA, Messico e Canada, il Messico è diventato il luogo preferito per l'approvvigionamento.

"La piena dimensione del trauma sociale ed economico che la pandemia di coronavirus può causare è ancora sconosciuta" scrivono gli autori del rapporto Kearney. "Ma qualunque sia il risultato, è improbabile un ritorno allo status quo della pre-pandemia per il commercio cinese".

"Ciò non significa un abbandono completo della Cina. Significa che i giorni della Cina quale principale polo produttivo del mondo occidentale sono finiti".

Guarda anche 

Indiscrezioni confermate: l‘hockey ripartirà l’1 ottobre con mascherine, senza ospiti e col tracciamento

BERNA – Come ci avevano accennato negli scorsi giorni sia l’HCAP che l’HCL, nel corso della riunione straordinaria di Lega che si è tenuta oggi a...
14.08.2020
Sport

Oltre 1000 persone alla Cornér Arena da ottobre, tra regole e Cantone: “Siamo stati ascoltati, da noi 4225 posti a sedere: studieremo il da farsi”

LUGANO – Forse è ancora presto per parlare di ghiaccio bollente, di lame affilate, di check e di reti, ma intanto – con le amichevoli che iniziano ...
12.08.2020
Sport

Impazza il COVID in Spagna: anche il Barcellona colpito

BARCELLONA (Spagna) – Inizia a farsi caotica la situazione in Spagna per quanto concerne il coronavirus e anche il calcio non ne è immune: se qualche giorno ...
12.08.2020
Sport

“Il campionato potrebbe iniziare a ottobre. Ambrì, una Valascia da meno di 4'000 posti”

AMBRÌ – C’è voglia di hockey, c’è voglia di ripartire, c’è voglia di tornare ad assaporare quelle emozioni che il COVI...
13.08.2020
Sport