Svizzera, 05 aprile 2020

Il Consiglio federale valuta le strategie per uscire dalla crisi

La pressione per rilanciare l'economia svizzera sta diventando sempre più forte sul Consiglio federale. L'UDC, il PLR e le associazioni padronali chiedono la riapertura di negozi e aziende dopo il 19 aprile. I sindacati e i Verdi chiedono almeno una strategia di uscita, mentre il PS mette in guardia contro la tentazione di una rapida ripresa.

Isolamento delle persone contagiate, mascherine e severi controlli ai confini: l'UDC ha chiesto al Consiglio federale qualche giorno fa di modificare la sua strategia di lotta contro il coronavirus a metà aprile. Altrimenti, sostengono i democentristi, sarà difficile riparare il danno all'economia.

Nel domenicale "NZZ am Sonntag", il presidente del PLR Petra Gössi chiede la riapertura di tutti i negozi in grado di rispettare le misure di sicurezza dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), vale a dire la distanza di due metri per tutte le persone nel negozio. "Se non lo facciamo, rischiamo di compromettere inutilmente la comprensione delle misure adottate dal Consiglio federale", ha affermato Gössi.

"Il Consiglio federale deve ora sviluppare una strategia in cui anche i rischi economici e sociali abbiano un ruolo", ha dichiarato da parte sua il presidente dell'Unione sindacale svizzera (USS) Pierre-Yves Maillard nel "SonntagsZeitung". I sindacati hanno discusso negli ultimi giorni una soluzionei.

Il Consiglio federale, nel frattempo, ha ricevuto diverse proposte. Mercoledì prossimo dovrebbe decidere se prolungare le attuali restrizioni o se cominciare ad allentarle. Pierre-Yves Maillard e il presidente dell'Unione svizzera degli imprenditori (USI) erano, secondo quanto riferisce l'agenzia ATS-Keystone, apparentemente vicini a una soluzione mercoledì scorso, ma la Seco avrebbe posto il veto sul piano concordato dalle due associazioni.

Il presidente di Swissmem (associazione che rappresenta l’industria metalmeccanica ed elettrica) Hans Hess ha spiegato come potrebbe essere una riapertura in un'intervista al "Sonntagszeitung": l'industria, i negozi di alimentari, le farmacie e gli uffici postali hanno imparato come attuare le raccomandazioni del BAG. Molti altri negozi e aziende potrebbero lavorare secondo le stesse disposizioni, sostiene Hess.

"La decisione di mantenere o allentare le restrizioni appartiene solo al Consiglio federale", ha detto Valentin Vogt alla radio tedesca SRF. L'economia deve semplicemente prepararsi. Il sindacato svizzero dei datori di lavoro sta lavorando a una strategia di uscita: un "piano coerente" sarà pronto entro una settimana. Il riavvio non è una questione di salute o di economia, ma di salute ed economia. "Nessuno vuole una seconda ondata di infezione."

Se il Consiglio federale alleggerisse le misure il 19 aprile, ciò alimenterebbe false speranze. "I politici non dovrebbero iniziare a giocare a epidemiologi dilettanti", ha dichiarato da parte sua il presidente del Partito socialista Christian Levrat.

Per il presidente dei Verdi Regula Rytz, sono gli operatori sanitari a dover stabilire il ritmo. Se riterranno ragionevole iniziare ad allentare le restrizioni il 19 aprile, ciò sarebbe il benvenuto. Altrimenti, "dovremo aspettare più a lungo". Per la bernese, tuttavia, è il momento giusto che il Consiglio federale proponga scenari per uscire dall'attuale situazione di semi-contenimento.

Guarda anche 

Fine dei test gratuiti dal primo ottobre, compromesso in vista?

I test Covid gratuiti saranno estesi oltre il primo ottobre? È ciò che si chiedono in molti, poiché c'è una forte pressione da parte dell&...
22.09.2021
Svizzera

Leader dei no-vax: muore a 57 anni!

HOLON (Israele) – “Non arrendetevi, lo Stato usa metodi coercitivi criminali con noi. Vogliono spazzarmi via”. Sono state praticamente le ultime parole ...
16.09.2021
Magazine

Svizzera, ci mancava anche Xhaka…

BASILEA – Dici Svizzera-Italia e ripensi alle sfide del passato, alla rete di Hottiger, a quelle di Ohrel e di Chapuisat, alla sfida dei recenti Europei (deludentis...
02.09.2021
Sport

Era il leader dei “no mask”: morto in Texas

È morto per covid, Caleb Wallace, il leader “no mask” texan diventato famoso per aver organizzato un “Rally della libertà”, invitand...
30.08.2021
Magazine