Ticino, 22 febbraio 2020

Coronavirus, per il medico cantonale "nessun rischio di contagio incontrollato"

Con l'arrivo del coronavirus in Italia (vedi articoli correlati), oltretutto in Lombardia quindi non lontano dai confini svizzeri, cresce la preoccupazione per una possibile diffusione anche alle nostre latitudini.

Ma per il medico cantonale Giorgio Merlani non vi è un rischio di un contagio incontrollato, in quanto finora le autorità mediche sono sempre riuscite "a tracciare una catena del contagio" e quindi ""non vedremo
manifestarsi casi di contagi qua e là, non siamo a questo punto", spiega il funzionario interpellato da Ticinonews.

La Cina, sottolinea Merlani, "è l'unico paese in cui la trasmissione del virus è incontrollata tra la popolazione". Per ora, tutti i paesi in cui si sono verificati casi di contagio da coronavirus le autorità mediche sono sempre riuscite a risalire ai casi di contagio.


Guarda anche 

Dopo quasi due mesi, a Shanghai si comincia ad allentare il lockdown

Martedì le autorità di Shanghai hanno dichiarato di aver "sconfitto" il coronavirus e che non sono stati trovati nuovi casi positivi (escluse le s...
26.05.2022
Mondo

Shangai: Dopo le proteste della popolazione il governo allegerisce le misure

Shanghai è sotto stretta sorveglianza dal primo aprile a causa di una recrudescenza dei casi di Covid-19, rendendo difficile per i suoi 25 milioni di abitanti l...
07.04.2022
Mondo

Dal primo aprile fine delle misure anti-Covid

La decisione era nell'aria e poco fa è arrivata la conferma dal Consiglio federale: a partire da venerdì primo aprile cadono le ultimi restrizioni an...
30.03.2022
Svizzera

"I Parlamentari rinuncino a 5'000 franchi di indennità quale gesto di solidarietà"

I deputati che siedono a Berna dovrebbero rinunciare al 20% delle indennità quale gesto di solidarietà verso i cittadini colpiti dalla crisi di Coronavir...
01.02.2022
Svizzera