Mondo, 19 febbraio 2020

Il Regno Unito rifiuta le imposizioni dell'UE, "vogliamo essere trattati da pari a pari"

La Gran Bretagna intende negoziare un accordo di libero scambio "libero per tutti" con Bruxelles e non consentirà all'Unione europea di violare la libertà di stabilire le proprie regole, ha avvertito lunedì il negoziatore britannico incaricato della Brexit, David Frost (nella foto).

"È essenziale per noi essere in grado di stabilire leggi adatte a noi, rivendicare il diritto che ha qualsiasi altro paese fuori dall'UE nel mondo", ha dichiarato David Frost durante un discorso lunedì sera all'Universitè libre di Bruxelles (ULB).

"Non è una semplice posizione negoziale che potrebbe cambiare sotto pressione. È l'obiettivo stesso dell'intero progetto", ha insistito il negoziatore britannico.

Il Regno Unito, dalla sua uscita dall'UE lo scorso 31 gennaio, è entrato in un periodo di transizione in cui continuerà ad applicare le norme europee fino alla fine dell'anno. In questi le due parti dovranno quindi negoziare la propria relazione futura.

Il discorso tanto atteso di David Frost è arrivato in un momento in cui gli Stati membri dell'UE stanno redigendo un mandato per il loro negoziatore, Michel Barnier, stabilendo i loro obiettivi e le loro linee rosse nei negoziati con Londra.

L'UE vorrebbe che il Regno Unito si impegni in futuro a rispettare le stesse norme dell'UE o a riprenderle "nel tempo", in diversi settori (ambiente, concorrenza, fiscalità, diritto del lavoro...) al fine di evitare distorsioni della concorrenza. Questo in cambio di un accesso privilegiato al mercato europeo.

L'UE auspica inoltre che la Corte di giustizia dell'Unione europea (CGUE) mantenga l'ultima parola per interpretare il diritto dell'Unione in caso di controversie tra Londra e Bruxelles.

"Pensare che potremmo accettare la supervisione dell'UE sulla concorrenza non significa comprendere il valore di ciò che facciamo", ha commentato David Frost.

"Come reagireste se il Regno Unito chiedesse che, al fine di proteggersi, l'UE dovrebbe armonizzarsi in modo dinamico con le nostre leggi nazionali decise a Westminster e le decisioni dei nostri regolatori e tribunali?" ha continuato il britannico.

David Frost ritiene che "sia perfettamente possibile avere standard elevati e persino standard simili o migliori di quelli prevalenti nell'UE". Per quanto riguarda le discussioni in corso con l'UE, "l'unico modo per far progredire i negoziati è avere un approccio tra pari e pari".

Guarda anche 

L'UE implode, la Cina avanza, l'America resiste. È scoppiata la "guerra del virus"

Il coronavirus sta cambiando radicalmente il nostro mondo. Ha cambiato la quotidianità di centinaia di milioni di persone, ma sta cambiando (e forse è meno ...
30.03.2020
Mondo

Macron denuncia "un'Unione europea egoista e divisa"

"Non voglio un'Europa egoista e divisa", dice il presidente francese, Emmanuel Macron, in un'intervista rilasciata a testate italiane sul...
29.03.2020
Mondo

Materiale sanitario destinato alla Svizzera sempre bloccato in Francia e Germania (nonostante l'intervento dell'UE)

Del materiale sanitario di protezione destinati alla Svizzera sono sempre bloccate in Francia e Germania e questo nonostante l'istruzione impartita dall'UE di non...
26.03.2020
Svizzera

L'UE da il via libera alle trattative di adesione con Albania e Macedonia del Nord

L'Unione europea ha dato il via libera ai negoziati per l'adesione di Albania e Macedonia del Nord. La decisione è stata annunciata martedì, dopo un...
25.03.2020
Mondo