Svizzera, 13 febbraio 2020

La Svizzera finanzierà un centro per richiedenti l'asilo in Grecia

Il 10 e 11 febbraio, il segretario di Stato Mario Gattiker (nella foto) era in visita ufficiale in Grecia, accompagnato da Manuel Bessler, capo del Corpo svizzero di aiuti umanitari. La visita è stata incentrata intorno al tema della migrazione, una questione maggiore per la Grecia diventata primo paese di arrivo per i migranti che cercano di raggiungere l'Europa. Dalla sua recente elezione il primo ministro di centrodestra Kyriakos Mitsotakis ha inasprito notevolmente la politica migratoria rispetto al suo predecessore Alexis Tsipras (Syriza, a sinistra). Il nuovo governo conservatore intende, fra le altre cose, costruire un "muro galleggiante" per contrastare gli arrivi sulle isole greche del mar Egeo. Il governo greco ha inoltre deciso di trasformare i cosidetti "hotspot", i luoghi di registrazione e smistamento dei migranti installati sulle isole, in centri chiusi e in futuro intende anche rendere più restrittivo il diritto di asilo e aumentare i ritorni nei paesi di origine per i migranti considerati economici, che non possono ottenere lo status di rifugiato in Europa.

"La Svizzera è coinvolta perché è membro di Schengen - ha dichiarato Mario Gattiker a margine della visita - se la Grecia ha un problema di migrazione, l'area Schengen ne subisce le conseguenze e anche la Svizzera ha un problema." Gattiker ha quindi spiegato l'intenzione, da parte della Svizzera, di" sviluppare aiuti umanitari, incoraggiare i rimpatri volontari nei paesi di origine e proteggere i richiedenti asilo vulnerabili"e ha annunciato che ll Segretariato di Stato per la migrazione (SEM) finanzierà un secondo centro di accoglienza per minori non accompagnati. Senza precisare altri dettagli quali i tempi di costruzione e il costo della struttura, o delle altre misure paventate durante la visita.

Attualmente in Grecia si stima siano oltre 110'000 i migranti presenti, migranti che spesso alloggiano in condizioni sanitarie pessime. Sulle isole, la popolazione locale si sente sempre più abbandonata di fronte alla ripresa del flusso migratorio. In risposta, il governo ha cominciato a trasferire migranti sul continente, ma la popolazione metropolitana non vede di buon occhio questi trasferimenti, con il risultato che nelle scorse settimane diverse manifestazioni di protesta sono scoppiate nel paese.

Guarda anche 

La crisi afghana si fa già sentire, aumento del 60% delle domande d'asilo in agosto

Nel mese di agosto, la Segreteria di Stato per la Migrazione (SEM) ha registrato 1556 domande di asilo. Il maggior numero di domande, 330, proveniva dall'Afghanistan ...
16.09.2021
Svizzera

Clamoroso: in FIFA 22 non ci sarà la Svizzera!

BERNA – C’è sgomento anche in seno alla Federazione svizzera di calcio: la Nazionale rossocrociata, infatti, sarà una delle squadre che non sara...
14.09.2021
Sport

Ci sarebbero anche degli aerei svizzeri nell'arsenale finito tra le mani dei talebani

Tra il considerevole arsenale finito tra le mani dei talebani dopo la loro riconquista lampo dell'Afghanistan (vedi articoli correlati) ci sarebbero anche aerei svizz...
12.09.2021
Svizzera

Seferovic spreca, la Svizzera si riscopre “piccola”. Vantaggio sull’Italia già bruciato

BELFAST (Irlanda del Nord) – Partiamo da un presupposto: andare a vincere a Belfast, nel temibile catino del Windsor Park, non è mai facile per nessuno. Figu...
09.09.2021
Sport