Svizzera, 30 gennaio 2020

Avevano ucciso un uomo scelto a caso a Zurigo, chiesto l'ergastolo

Ergastolo e internamento: questa è la pena richiesta mercoledì dall'accusa nel processo contro uno svizzero di 27 anni e un lituano di 40 anni per l'assassinio di un uomo scelto “a caso” in pieno giorno a Zurigo nel 2016.

I due avevano messo a punto un "piano malvagio" in carcere, ha affermato il procuratore nella sua arringa conclusiva dinanzi al tribunale distrettuale di Zurigo. Lo svizzero stava scontando una pena per detenzione forzata, tentativi di coercizione e rapina, fra le altre cose, mentre il lituano si trovava in carcere per aver minacciato una famiglia di industriali e la città di Zurigo con l'obiettivo di ottenere 150 milioni di franchi.

L'obiettivo del duo era di riconquistare la libertà il più rapidamente possibile. Il giovane svizzero ha approfittato del suo primo congedo per far perdere le sue tracce. Ha quindi inviato una lettera alle autorità, lettera in cui chiedeva il rilascio del suo compagno, pena l'uccisione di persone scelte a caso, per conto di presunti boss della malavita lituani. Senza sorpresa, il suo ricatto non venne ascoltato e il suo complice rimase in carcere.

Dopo la scadenza del suo ultimatum, il 27enne mette subito in pratica quanto minacciato. Il 30 giugno 2016, si scaglia su uno sconosciuto 41enne seduto su un muretto in un vicolo nell'elegante quartiere di Seefeld e lo accoltella ferocemente prima di fuggire. Un vero "massacro", sottolinea il pubblico ministero.

Ricercato attivamente dalla polizia, non fu arrestato fino a gennaio 2017, quando stava cercando di acquisire armi e munizioni online su Internet.

In tribunale, il giovane svizzero ha confessato i fatti senza mostrare veri rimpianti per quanto commesso mentre il suo complice si è rifiutato di rispondere alle domande.


Per il pubblico ministero, il lituano sarebbe la mente e l'istigatore di questo crimine sanguinoso. Durante gli interrogatori, il suo giovane complice si sarebbe reso conto che il detenuto baltico gli aveva mentito sulle ragioni della sua prigionia per condurlo a commettere il suo atto omicida. Il 41enne sarebbeun "bugiardo patologico" con una "personalità manipolatrice a livello psicopatologico", stima l'accusa sulla base di una competenza psichiatrica.

L'accusa richiede quindi l'ergastolo e l'internamento per i due accusati. Chiede inoltre l'espulsione del lituano dal territorio svizzero per un periodo di 15 anni - il massimo previsto dalla legge - al momento della sua liberazione dal carcere.

Nel campo di difesa, l'avvocato del giovane svizzero ha chiesto che la pena detentiva del suo cliente fosse limitata a 12 anni per omicidio, senza internamento. Nel suo argomento, ha sottolineato che quest'ultimo era stato ampiamente manipolato dal suo compagno di detenzione e che aveva finalmente commesso il suo atto per paura di rappresaglie se non avesse rispettato. Per quanto riguarda le armi che stava per acquistare, la difesa sostiene che gli servivano per difendersi, non uccidere altre persone innocenti.

L'avvocato del lituano respinge ogni colpa in questo caso. Descrive come "fantasiosa" la storia raccontata dall'autore del crimine e dal pubblico ministero e accusa il giovane svizzero di essere persino all'origine della lettera minacciosa inviata alle autorità e di aver manipolato lui stesso il suo anziano.

Di fronte agli inquierenti, il lituano sostiene di non aver mai progettato un omicidio. Per quanto riguarda i piani di fuga, sarebbero state “semplici chiacchiere” tra i prigionieri, secondo la difesa, che quindi richiede l'assoluzione del suo cliente su tutta la linea. La sentenza è prevista per giovedì sera. Ergastolo e internamento: questa è la pena richiesta mercoledì dall'accusa nel processo contro uno svizzero di 27 anni e un lituano di 40 anni per l'assassinio di un uomo scelto “a caso” in pieno giorno a Zurigo nel 2016.

I due avevano messo a punto un "piano malvagio" in carcere, ha affermato il procuratore nella sua arringa conclusiva dinanzi al tribunale distrettuale di Zurigo. Lo svizzero stava scontando una pena per detenzione forzata, tentativi di coercizione e rapina, fra le altre cose, mentre il lituano si trovava in carcere per aver minacciato una famiglia di industriali e la città di Zurigo con l'obiettivo di ottenere 150 milioni di franchi.

L'obiettivo del duo era di riconquistare la libertà il più rapidamente possibile. Il giovane svizzero ha approfittato del suo primo congedo per far perdere le sue tracce. Ha quindi inviato una lettera alle autorità, lettera in cui chiedeva il rilascio del suo compagno, pena l'uccisione di persone scelte a caso, per conto di presunti boss della malavita lituani. Senza sorpresa, il suo ricatto non venne ascoltato e il suo complice rimase in carcere.

Dopo la scadenza del suo ultimatum, il 27enne mette subito in pratica quanto minacciato. Il 30 giugno 2016, si scaglia su uno sconosciuto 41enne seduto su un muretto in un vicolo nell'elegante quartiere di Seefeld e lo accoltella ferocemente prima di fuggire. Un vero "massacro", sottolinea il pubblico ministero.

Ricercato attivamente dalla polizia, non fu arrestato fino a gennaio 2017, quando stava cercando di acquisire armi e munizioni online su Internet.

In tribunale, il giovane svizzero ha confessato i fatti senza mostrare veri rimpianti per quanto commesso mentre il suo complice si è rifiutato di rispondere alle domande.

Per il pubblico ministero, il lituano sarebbe la mente e l'istigatore di questo crimine sanguinoso. Durante gli interrogatori, il suo giovane complice si sarebbe reso conto che il detenuto baltico gli aveva mentito sulle ragioni della sua prigionia per condurlo a commettere il suo atto omicida. Il 41enne sarebbeun "bugiardo patologico" con una "personalità manipolatrice a livello psicopatologico", stima l'accusa sulla base di una competenza psichiatrica.

L'accusa richiede quindi l'ergastolo e l'internamento per i due accusati. Chiede inoltre l'espulsione del lituano dal territorio svizzero per un periodo di 15 anni - il massimo previsto dalla legge - al momento della sua liberazione dal carcere.

Nel campo di difesa, l'avvocato del giovane svizzero ha chiesto che la pena detentiva del suo cliente fosse limitata a 12 anni per omicidio, senza internamento. Nel suo argomento, ha sottolineato che quest'ultimo era stato ampiamente manipolato dal suo compagno di detenzione e che aveva finalmente commesso il suo atto per paura di rappresaglie se non avesse rispettato. Per quanto riguarda le armi che stava per acquistare, la difesa sostiene che gli servivano per difendersi, non uccidere altre persone innocenti.

L'avvocato del lituano respinge ogni colpa in questo caso. Descrive come "fantasiosa" la storia raccontata dall'autore del crimine e dal pubblico ministero e accusa il giovane svizzero di essere persino all'origine della lettera minacciosa inviata alle autorità e di aver manipolato lui stesso il suo anziano.

Di fronte agli inquirenti, il lituano sostiene di non aver mai progettato un omicidio. Per quanto riguarda i piani di fuga, sarebbero state “semplici chiacchiere” tra i prigionieri, secondo la difesa, che quindi richiede l'assoluzione del suo cliente su tutta la linea. La sentenza è prevista per giovedì sera.

Guarda anche 

A 21 anni già due tentativi di omicidio, condannata a 9 anni di carcere e espulsa per 10 anni

A 21 anni ha già alle spalle due tentativi di omicidio e per questo dovrà passare 9 anni in carcere e poi espulsa verso il suo paese d'origine. Una cond...
17.10.2020
Svizzera

Frontaliera uccide il datore di lavoro prima di fuggire oltre confine

Martedì scorso un uomo di sessant'anni è stato trovato morto sul pavimento della sua abitazione di Montreux, nel canton Vaud. Secondo le prime indagini,...
15.10.2020
Svizzera

Un'adolescente ritrovata senza vita a casa di un quarantenne con cui aveva una relazione

Un'adolescente è stata ritrovata senza vita il 12 settembre scorso nell'appartamento di un uomo di 40 anni a Le Landeron, nel canton Neuchâtel. La vi...
12.10.2020
Svizzera

Richiedente l'asilo si masturbava davanti a ragazze sul treno, condannato (con la condizionale)

Si masturbava davanti a donne, anche minorenni, ma nonostante sia reo confesso non dovrà passare un giorno in carcere, né verrà espulso. Tra febbr...
12.10.2020
Svizzera