Svizzera, 13 gennaio 2020

A Zurigo la nazionalità dei criminali dovrà essere comunicata (ma non l'origine)

Il parlamento del canton Zurigo ha approvato lunedì il controprogetto del governo a un'iniziativa dell'UDC che chiede che venga comunicata la nazionalità e l'origine degli autori presunti di delitte nelle dichiarazioni di polizia.

L'iniziativa democentrista chiede che la polizia specifichi sistematicamente, nei comunicati e nelle conferenze stampa, la nazionalità dei presunti autori e vittime, nonché la loro età e sesso. Inoltre, se richiesto da terzi, la polizia zurighese dovrà anche indicare l'eventuale passato migratorio delle persone coinvolte in atti criminali.

Il controprogetto del governo cantonale prevede che la polizia specifichi l'età, il sesso e la nazionalità dell'accusato e della vittima se queste informazioni non ledono alla protezione della personalità e se non esiste non vi è alcun rischio che le persone possano essere identificate. Oltre a queste ultime eccezioni, rispetto all'iniziativa dell'UDC il controprogetto non prevede che sia menzionata l'origine dei criminali.

L'UDC del canton Zurigo aveva lanciato la sua iniziativa dopo la decisione della città sulla Limmat di non fornire più la nazionalità di presunti autori e vittime di atti criminali. Il partito ha raccolto oltre 9'500 firme, quando ne servivano 6'000.


/> Per i democentristi, non fornire la nazionalità degli autori e delle vittime di atti criminali equivale a "censura" e "disinformazione". Esiste un reale interesse pubblico a conoscere la nazionalità delle persone interessate.

Gli iniziativisti non hanno ancora deciso se ritireranno la loro iniziativa. Una decisione verrà presa dopo la seconda lettura del controprogetto del governo. Se l'iniziativa viene ritirata, non vi sarà alcun voto popolare. Se viene invece mantenuto, i cittadini del cantone dovranno decidere tra l'iniziativa, il controprogetto o mantenere la situazione attuale.

La decisione della città di Zurigo va contro la tendenza in Svizzera. Sempre più polizie cantonali specificano la nazionalità degli autori. La Conferenza dei comandanti di polizia cantonali (CCPCS) aveva inoltre deciso di raccomandare di fornire la nazionalità dei criminali dopo un lungo dibattito.

Nel cantone di Soletta, nel 2012 i cittadini avevano accettato un'iniziativa analoga, sempre dell'UDC, che imponeva alla polizia e al sistema giudiziario di specificare la nazionalità dei criminali nei loro comunicati stampa. Nel cantone di San Gallo, nel 2016 il parlamento ha accettato un'iniziativa analoga da parte dei giovani UDC e ha quindi approvato un emendamento alla legge di polizia.

Guarda anche 

Con la tessera del padre facevano finta di essere invalidi per parcheggiare gratis

Probabilmente pensavano di aver trovato il trucco perfetto per risparmiare sui costi di parcheggio e assicurarsi di poter trovare facilmente parcheggi liberi e ben posizi...
22.02.2024
Svizzera

Una fila di 150 metri per visitare degli appartamenti in affitto

1'488 candidature e una fila di visitatori lunga 150 metri. L'annuncio di 24 appartamenti in affitto nelle vicinanze di Zurigo, e l'incredibile numero di inte...
09.02.2024
Svizzera

Rischia 320 franchi di multa per aver gettato una scatola di cartone in un cestino

Un cittadino americano che abita nel canton Zurigo rischia di dover pagare caro l'aver gettato una scatola di cartone in un cestino sulla strada. Come riporta il sito...
07.02.2024
Svizzera

Pronta un'iniziativa per limitare le domande di asilo e ripristinare i controlli ai confini

L'UDC sta per lanciare un'iniziativa per ripristinare controlli sistematici ai confini svizzeri e limitare le domande di asilo. Secondo quanto riferiscono le test...
06.02.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto