Mondo, 27 dicembre 2019

"Greta Thunberg ci ricorda l'importanza della gratitudine"

La dichiarazione più significativa dell'anno viene dall'attivista climatica Greta Thunberg in un discorso pronunciato con voce tremante al vertice sul clima delle Nazioni Unite a New York lo scorso 23 settembre. La sedicenne svedese, che ribolliva di rabbia, lesse queste frasi che segnarono rapidamente per sempre la coscienza collettiva di un pubblico globale: "Come osate? [. . .] Avete rubato i miei sogni e la mia infanzia con le vostre parole vuote ”. Questo discorso infiammatorio è stato indirizzato agli adulti presenti. A causa della loro inazione sulla politica climatica, sarebbero sul punto di distruggere il pianeta. La giovane icona Greta ha denunciato la generazione dei suoi genitori per conto di tutti. Fu il grido primitivo, violento e inquietante di un adolescente che di fatto incolpava i suoi genitori per avergli rubato la vita.

Padre di quattro figli, il discorso di Greta non mi ha infastidito perché rifiuto le premesse politiche e le conclusioni dell'Apocalisse verde. Mi oppongo, ma non è questo il motivo della mia irritazione. Ciò che inizialmente mi ha infastidito è stata l'ingratitudine egocentrica e egoista di questa ragazza che ha rimproverato la generazione dei suoi anziani senza misura. Greta non sembra aver pensato per un secondo che il mondo in cui aveva avuto la possibilità di crescere in condizioni che erano peraltro privilegiate era il lavoro di queste generazioni e delle generazioni precedenti contro le quali ora liberava così tanto odio. Certo, Greta è solo un'adolescente e una delle peculiarità degli adolescenti è il loro egocentrismo e il loro egoismo. Tuttavia, la virulenza e l'ostilità del suo intervento non erano affatto straordinarie. Piuttosto in sintonia con i tempi. Viviamo in un tempo ingrato e Greta è l'icona di quella ingratitudine.

Il fatto che questo discorso sull'odio sia stato universalmente acclamato è preoccupante. Le persone che Greta aveva appena offeso erano felici, affascinate di essere state vittime dell'accusa feroce di questa ragazza. Come i masochisti che gemono di piacere sotto la frusta, sembrano, per così dire, soddisfatti da queste dolorose frustate. Per cominciare, non ho nulla contro la protezione dell'ambiente o la protesta dei giovani. Posso persino, in una certa misura, comprendere le lamentele di Greta. Colpito dal declino delle foreste, sono andato nell'Europa orientale per scoprire dove si trovava la fine del mondo osservando il candore degli alberi morti. Posso capire tutto questo, ma ciò che mi sembra strano, decisamente preoccupante per me, è l'idolatria collettiva nei confronti di questa ragazza che rende le sue preoccupazioni per l'ambiente una dichiarazione di guerra alla generazione dei suoi genitori.

L'esempio dell'ingratitudine Greta è un promemoria di quanto sia importante e rapidamente dimenticata la virtù della gratitudine. Non sto solo parlando qui di come dire gentilmente grazie per un regalo o un servizio reso. Né è il tipo di gratitudine che si prova dopo il felice esito di una transazione o di un acquisto che risulta essere redditizio per entrambe le parti. La gratitudine è qualcosa di più profondo, più essenziale, è un atteggiamento, una filosofia di vita senza la quale una società non può sopravvivere. Il sociologo tedesco Georg Simmel ha espresso gratitudine in una bella frase come "la memoria morale dell'umanità". Con ciò intendeva dire che tutta la "socializzazione" si basava sulla "sopravvivenza delle relazioni oltre il tempo in cui sono nate". Simmel scrisse che la gratitudine era un "effetto lirico". "Circolazione continua nella società", la gratitudine diventa uno dei suoi "leganti più potenti".

La gratitudine, specialmente per le generazioni precedenti, per i nostri genitori, i nostri nonni, i nostri antenati e tutti coloro grazie ai quali i nostri antenati sono stati in grado di guadagnarsi da vivere, è per Simmel il "terreno fertile dei sentimenti" senza il quale non può esserci avere società, vivere insieme, solidarietà. La gratitudine crea un legame, una relazione, è "connessa" a ciò che era, a ciò che è, ma anche a ciò che accadrà. Siamo grati ai nostri genitori per essere vivi ma siamo anche grati per tutti i risultati e le conquiste delle generazioni precedenti perchè senza i loro sacrifici, i risultati e la conoscenza che ci hanno tramandato la nostra vita sarebbe ancora più difficile, persino sfavorevole nonostante tutte le sofferenze e i problemi irrisolti. La gratitudine è lo stato d'animo fondamentale delle persone che sono riuscite a proiettare se stesse.

In segno di gratitudine si intende rispetto e umiltà per ciò che è diventato. Gratitudine significa essere consapevoli che la vita è un dono e anche un obbligo di sfruttarla al meglio. Logicamente, la gratitudine è necessariamente il rifiuto di un pensiero sovversivo e rivoluzionario, diciamolo chiaramente, di una mentalità da tabula rasa che vuole livellare tutto ciò che ostacola l' autorealizzazione . I fan di Greta rendono omaggio a questo aggressività, a questo culto giovanile che dice che vuole evitare l'apocalisse, che sta anche per modificare i rapporti al Palazzo Federale di Berna. "La gratitudine", come diceva Cicerone, "non è solo la più grande di tutte le virtù, ma anche la madre di tutte le virtù". Chi è grato fugge dalla prigione di se stesso. La gratitudine, non l'interesse personale, è il cemento della coesione sociale.

Roger Köppel / weltwoche (articolo tradotto)

Guarda anche 

"La Svizzera deve difendersi dall'Islam"

Cosa sta succedendo alla Svizzera? Prima delle vacanze estive, un giovane siriano di una famiglia di rifugiati, ricevendo una protezione speciale e tutta l'assistenza...
09.12.2019
Svizzera

"Greta è un'idiota, ha ucciso gli show delle automobili!"

Il conduttore Jeremy Clarkson, noto fra le altre cose per aver recitato nello show televisivo "Top Gear" insieme a Richard Hammond e James May, è convint...
02.12.2019
Mondo

Attivisti di sinistra attaccano Mörgeli e Köppel lanciandogli delle bibite

Attivisti di sinistra, membri della "Revolutionäre Jugend Zürich" ("gioventù rivoluzionaria") hanno attaccato il Consigliere nazional...
02.12.2019
Svizzera

Michele Moor: per un ambientalismo realizzabile

Mentre i mass media ci rendevano edotti sulle imprese di Greta e, in nome dell’ambiente, i ragazzi svizzeri sfilavano nelle principali città del nostro Pa...
10.10.2019
Opinioni