Opinioni, 12 novembre 2019

Via la convenzione e via anche la libera circolazione

Secondo il presidente della Regione Lombardia Alessandro Fermi, la Convenzione tra Svizzera ed Italia che regola i ristorni dei frontalieri sarebbe perfettamente attuale.

Evidentemente, il signor Fermi è in vena di battute.

Tale Convenzione sarà forse attuale per i vicini a sud, che se ne avvantaggiano “alla grande” a spese del Ticino. Tanto più che in Consiglio di Stato, incomprensibilmente, non si trova una maggioranza disposta a bloccare i ristorni appoggiando la proposta leghista in tal senso. Ma di certo non è attuale per noi.

La Convenzione del 1974 è infatti stata sottoscritta quando:

- Non c’era la libera circolazione delle persone

- Era in vigore il segreto bancario

- Il Belpaese non aveva inserito la Svizzera su liste nere, grigie o zebrate. Questi presupposti non sono più dati da anni, sicché la Convenzione
deve saltare. E’ evidente che su questo chiodo si continuerà a battere ad oltranza. Tanto più che:

- L’Italia rifiuta di sottoscrivere il nuovo accordo sulla fiscalità dei frontalieri

- L’accordo sottoscritto con l’Austria (post-libera circolazione) prevede ristorni assai inferiori: il 12.5%, contro il 38.8% graziosamente concesso alla Penisola

- Il Lussemburgo, per i suoi frontalieri, non versa assolutamente nulla!

Quindi, via la convenzione del 1974 e via anche la devastante libera circolazione delle persone voluta dalla partitocrazia, che ha provocato l’invasione del Ticino con 70mila frontalieri. In qualsiasi altro posto al mondo – ed in particolare in Italia! - con una situazione del genere, la gente sarebbe già scesa in piazza con i forconi.

Lorenzo Quadri

Consigliere nazionale

Lega dei Ticinesi

Guarda anche 

In gioco non ci sono solo gli aerei, bensì l'esercito

Il 27 settembre, su cinque oggetti in votazione, due sono determinanti per il futuro della Svizzera: l’iniziativa per la limitazione (dell’immigrazione) ed i ...
24.09.2020
Opinioni

"Ditte straniere decidono a quali medici vanno indirizzati i pazienti svizzeri?"

In futuro saranno aziende straniere a decidere a quali medici specialisti saranno mandati i pazienti svizzeri? È ciò che teme il Consigliere nazionale Loren...
21.09.2020
Svizzera

"Accogliere i migranti di Moria significa incoraggiare la distruzione di altri centri profughi"

Il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri in un'interpellanza al Consiglio federale chiede che la Svizzera non accolga migranti dall'isola di Lesbo per "non in...
16.09.2020
Svizzera

Baranzini: "La libera circolazione non ha favorito i cantoni di frontiera"

Il prossimo 27 settembre saremo chiamati a esprimerci sulla libera circolazione delle persone con l'Unione europea, un accordo in vigore da ormai 13 anni e che ha avu...
15.09.2020
Svizzera