Mondo, 14 ottobre 2019

La Turchia tiene in scacco l'Europa

“Se tentate di presentare la nostra operazione come un’invasione, apriremo le porte e vi invieremo 3,6 milioni di migranti”. Questo è lo squallido ricatto nei confronti dell’Europa pronunciato nei giorni scorsi dal despota e presidente turco Recip Tayyp Erdogan, il quale ha proceduto, senza troppi patemi d’animo da parte dei cosiddetti paesi democratici, ad invadere una fetta di Siria, colpendo duramente la popolazione curda del nord della Siria impegnata in prima linea a combattere con successo i tagliagole dell’Isis.

Quanto sta succedendo in queste martoriate aree è a dir poco gravissimo e drammatico, anzitutto per le conseguenze sui civili e anche per le ripercussioni nei delicati equilibri di un’area senza pace. Le analisi su questa invasione si sono succedute a raffica in questi giorni, ma pochi osservatori hanno sottolineato i retroscena e gli inqualificabili supporti che il despota turco ha purtroppo ottenuto in passato dall’Unione europea (UE).

“La storia è maestra di vita”, diceva Cicerone, ma questa grande verità sembra essere stata volutamente negletta da troppi uomini di potere europei che con il despota turco hanno trattato, pensando, nel 2016, di aver raggiunto chissà quale accordo sui flussi migratori. Tanti secoli di storia sulle conquiste dell’impero ottomano – da cui è sorta la Turchia- nel Vecchio continente dovrebbero insegnare qualcosa (andate a chiederlo ancora oggi a greci e ungheresi, solo per fare un esempio), invece tutto sembra essere stato dimenticato. E per meri interessi economici e commerciali il paese asiatico (che ha solo una infima parte, il 3%, di territorio in Europa e che promuove una diffusa e preoccupante islamizzazione) è riuscito a farsi sponsorizzare per entrare nell’Unione europea alla fine degli anni ’80 del secolo scorso. Un’autentica follia! 

Solo nel marzo di quest’anno il Parlamento europeo ha chiesto agli organi direttivi sovranazionalidi “sospendere i negoziati di adesione della Turchia”. Troppo poco e troppo tardi; di sicuro, inoltre, qualcuno ritornerà alla caricaper far rientrare il paese islamico fra i candidati a membri dell’UE, appena la crisi sarà rientrata. Comunque sia, forte della sua influenza e potenza militare, il governo turco tiene in scacco l’Ue, la quale, a parte certi ridicoli annunci declamatori, non farà assolutamente nulla per contrastare l’invasione turca contro la popolazione curda a nord della Siria. E queste sarebbero la politica estera e le reazioni dell’Unione europea? Da piangere…  

Iris Canonica / MDD

Guarda anche 

"In Europa i musulmani trattati come gli ebrei negli anni 30", continua la rissa verbale tra Erdogan e Macron

Continua la “rissa verbale” tra il presidente turco Recep Erdogan e i capi di stato europei, in primis Emmanuel Macron, in un contesto sempre più teso ...
27.10.2020
Mondo

Tutti in curva senza mascherina e senza distanze: la Uefa pronta a intervenire

RENNES (Francia) – Ne avevamo parlato anche noi in settimana, chiedendoci qual è il giusto comportamento da adottare negli stadi: se chiudere le porte agli s...
25.10.2020
Sport

Ci risiamo: il Covid ferma i campionati, ma in Europa si va avanti

PRAGA (Rep. Ceca) – Nella giornata di ieri la FTC ha deciso di sospendere fino al 12 novembre ogni competizione, campionato o coppa che sia: una decisione che era o...
22.10.2020
Sport

Dai 16'000 spettatori di San Pietroburgo, ai 5'000 di Rennes ai 1'000 di Berna: ma chi ha ragione?

BERNA – Nella giornata di ieri si sono disputate le prime partite della prima giornata della fase a gironi di Champions League e, oltre a risultati sorprendenti e a...
21.10.2020
Sport