Mondo, 13 ottobre 2019

Oikofobia, l'odio dell'Occidente per se stesso

"The Return" di Thomas Cole (olio su tela, 1838)
Era una serata italiana verso la fine dell'estate alla fine del decennio precedente e stavo cenando fuori all'ombra del Colosseo romano, l'emblema di un impero decadente le cui rovine si potevano vedere ovunque. Uno dei miei commensali, una giovane studentessa laureata in Storia antica, improvvisamente fece l'osservazione inquietante che non avrebbe mai potuto parlare male di un'altra cultura. Non solo non sarebbe in grado di farlo, ma ha pure precisato che sentiva di non aver nemmeno il diritto di farlo. Quando le ho chiesto, alludendo alle sue stesse radici austriache, cosa avrebbe potuto dire di una cultura che ha prodotto, ad esempio, Adolf Hitler, lei ha risposto che lei come austriaca europea potrebbe criticare la cultura europea e austriaca, e di conseguenza quel brutale dittatore.

Le ho quindi chiesto, se con il suo ragionamento un non austriaco o non europeo non dovrebbe essere autorizzato a criticare il nazismo, e a questa domanda non ho ricevuto una risposta chiara. Ma il mio commensale ha continuato a insistere sul fatto che dovremmo criticare solo le nostre culture, mai altre. E questo è stato solo uno dei miei frequenti incontri con la posizione intellettualmente fallita dell'oikofobia, l'odio o l'antipatia per la propria patria culturale.

Significativamente, il mio interlocutore era una parte, o almeno una parte futura, della nostra élite sociale: un dottorato di ricerca quasi concluso, generalmente intelligente, e con una padronanza di diverse lingue, sia moderne che antiche. Ho alzato lo sguardo verso il Colosseo, la cui oscura e spalancata rovina ci ricorda che tutte le cose periranno: la nostra stessa civiltà sta andando verso di te.

Questo scambio è stato simile a molti che ho avuto in paesi in tutto il mondo occidentale. Rivelano una civiltà che ha smesso di credere in se stessa, che odia se stessa e che quindi non è disposta a difendere i valori di libertà individuale, democrazia e scetticismo scientifico e accademico che ci sono stati tramandati fin dall'antichità. Conosciamo tutti questo fenomeno e ogni singolo giorno porta notizie in cui è coinvolta l'oikofobia. Per citare solo una coppia tra migliaia di incidenti chiaramente oikofobi degli ultimi tempi: lo scorso luglio il Consiglio scolastico di San Francisco ha votato per rimuovere un murale di George Washington da una delle sue scuole pubbliche a causa del suo presunto razzismo; il capogruppo di insegnanti volontari americani in Africa alcuni anni fa ha informato i volontari che risiedere in una cultura straniera le aveva insegnato che gli Stati Uniti meritavano gli attacchi terroristici dell'11 settembre a causa della politica estera degli Stati Uniti (lo so perché ero uno dei volontari). Azioni e dichiarazioni di questo tipo sono ormai perfettamente all'ordine del giorno e tutti ne siamo a conoscenza, ma la maggior parte delle persone non può spiegare perché le cose siano così. Come può essere arrivato a tale odio culturale di sé? La risposta sta in un processo storico spesso ripetuto che porta una società dal mettere al principio i propri interessi per passare all'auto-disprezzo e al declino.

Il modo più semplice di definire oikofobia è come estremo opposto della xenofobia. Poiché la xenofobia significa la paura o l'odio di estranei o stranieri, così l'oikofobia significa la paura o l'odio di casa o della propria società o civiltà, oikos essendo l'antica parola greca che sta per casa, abitazione, famiglia. Il termine è stato coniato in questo senso dal filosofo britannico Roger Scruton nel 2004, nel suo libro England and the Need for Nations ("L'Inghilterra e la necessità delle nazioni"). Definisce oikofobia come "l'esigenza sentita di denigrare i costumi, la cultura e le istituzioni che sono identificabili come proprie. Come suggerisce il titolo del suo libro, Scruton si occupa principalmente dell'Inghilterra, e quindi in questo contesto pone l'ascesa dell'ikofobia dopo la Seconda guerra mondiale. C'è molta verità in questo, ma è anche vero, per andare oltre Scruton, che l'oikofobo si presenta e ricorre nel corso della storia. L'oikofobia che si è sviluppata dopo la seconda guerra mondiale è quindi solo l'ultima manifestazione del fenomeno e nulla di veramente nuovo. Il motivo per cui stiamo vivendo oikofobia negli Stati Uniti oggi è che siamo nella stessa fase di sviluppo storico ora che l'Inghilterra ha vissuto dopo la seconda guerra mondiale, o anche un po' prima: una grande potenza, ma in declino.

Quindi l'oikofobia è una crescita naturale del modo in cui si sviluppano le culture, e certamente le culture occidentali. È accaduto nell'antica Grecia, a Roma, nel impero francese e britannico, e ora negli Stati Uniti. Per dare una breve panoramica di questo sviluppo, possiamo dire che all'inizio, un popolo relativamente incivile e incolto, ma dotato di grande mobilità e forza non testata, si risveglia e, per così dire, va in guerra al servizio delle sue divinità. I primi successi contro i popoli circostanti portano a una maggiore ricchezza e prestigio, e viene forgiata un'identità nazionale, accompagnata da epopee letterarie e altri accorgimenti della cultura. Alla fine, la popolazione raggiunge l'apice del successo e della prosperità, con così tanta ricchezza che può essere istituita una classe che si può dedicare a se stessa, e questa era di maggior potere politico coinciderà generalmente, più o meno, con l'apice dei risultati culturali e scientifici della nazione . C'è finalmente abbastanza ricchezza e potere per la classe libera citata sopra, e in molti casi anche per le persone più basse nella scala sociale, per essere più occupati a raggiungere stati di ricchezza e prestigio più elevati rispetto ai loro connazionali di quanto non lo debbano essere con la salute della comunità intera.

È qui che nasce l'oikofobia. Vengono creati diversi interessi che si considerano nemici più grandi di quanto non lo siano minacce straniere. Dal momento che il comune nemico della civiltà è stato respinto con successo, non può più servire come obiettivo efficace e sfogo del senso di superiorità della popolazione, e la psicologia umana richiede generalmente un avversario ai fini dell'identificazione personale, e quindi viene creato un nuovo avversario: altre persone che appartengono alla propria civiltà. Poiché questa condizione di svago e autopromozione, nonché una percezione che non vi siano minacce esterne, sono i risultati del successo di una società, il successo è, ironicamente, un prerequisito per l'odio di sé di una società. Quello che Freud ha definito il "narcisismo delle piccole differenze" (in Il disagio della civiltà) - l'impulso di competere contro gli altri anche attraverso distinzioni minori come un'azione virtuosa o il nuovo gadget - diventa una motivazione attraverso la quale un particolare interesse esprime la sua superiorità sugli altri.

Questa competizione "domestica" significa che definendo la propria cultura come arretrata, ci si pone automaticamente sopra tutti gli altri interessi che fanno parte di quella cultura. In precedenza nello sviluppo della civiltà, la cooperazione di una proporzione più ampia di persone è essenziale per la sopravvivenza in un momento in cui lo stato è più povero e gli individui più dipendenti l'uno dall'altro per la sicurezza della comunità. Ma una volta che la società è decollata e si è arricchita, ci sono maggiori opportunità di eccellere e più spazio, quindi, per le persone che iniziano a criticare la propria cultura nel tentativo di promuoversi personalmente a scapito di altri che appartengono alla propria comunità. Le persone sono sempre egoiste, ovviamente, ma l'abisso tra l'interesse personale immediato e l'interesse dello stato è più piccolo quando lo stato stesso è più piccolo e più debole.

Come è avvenuto in altre civiltà, nella misura in cui i termini politici di "sinistra" e "destra" potrebbero essere stati applicabili a loro ("progressivo" e "conservatore" sono spesso più appropriati per le antiche civiltà), gli oikofobi dominano nell'area di sinistra, mentre i non-oikofobi e, in alcuni casi, gli xenofobi e i reazionari anti-oikofobi dominano nelle aree di destra. La maggiore ostilità tra queste due parti negli Stati Uniti arriva al momento previsto, poiché il paese è già scivolato dal suo picco e sta lentamente scendendo dall'altra parte. Lo sviluppo storico dell'oikofobia ha avuto un effetto debilitante su molti aspetti della nostra società, sulla sua cultura, politica e capacità militare. È una nazione così fissata da battibecchi interni che non è più in grado di proiettare efficacemente una forza esterna e unificata.

Che ciò sarebbe accaduto era stato previsto centinaia di anni fa attraverso le traiettorie delle civiltà precedenti - in effetti, era stato previsto migliaia di anni fa, prima ancora che gli europei conoscessero l'emisfero americano. Nel libro 8 della sua Repubblica, Platone spiega che più libertà e uguaglianza si trovano in una società, più i suoi membri si riterranno al di sopra dello stato. Non abbiamo bisogno di concordare con il vecchio scontroso fascismo e il proto-comunismo di Platone per comprendere, tuttavia, la saggezza della sua descrizione del declino delle società. Il conservatorismo e il progressismo sono entrambi necessari, ma a dosi diverse e in momenti diversi. Una prospettiva più progressiva è importante per una società primitiva che deve adottare nuove idee e assorbire la forza di potenze straniere nel tentativo di andare avanti, mentre una prospettiva più conservatrice è necessaria nella società tardiva affinché non perda le sue basi e le sue capacità di difendersi. Il destino perenne delle società occidentali è che all'inizio molte persone tendono ad essere più conservatrici e, in seguito, molte persone tendono ad essere più progressiste, l'esatto contrario di ciò che è necessario.

È un peccato che siamo in preda all'oikofobia, ed è indicativo di come abbiamo lasciato che altre culture si facessero spazio nella nostra; è un peccato perché dovrebbe essere possibile esprimere interesse e imparare da altre tradizioni, pur rimanendo riconoscenti del proprio patrimonio. Ma molte persone non sono in grado di gestire tale equilibrio, e più diventiamo oikofobi e più abbracciamo l'idea della diversità culturale, più ci allontaniamo dalle fonti e quindi dalla comprensione della nostra cultura. Dal momento che non capiamo questa cultura, spesso si sente che gli occidentali oikofobi si riferiscono con disprezzo ai "valori occidentali" o di coloro che affermano di fare tesoro dei "valori occidentali", ma in realtà quelle stesse persone sdegnose adorano i valori occidentali; semplicemente non lo sanno. Vale a dire, non sanno di essere occidentali.

È perché l'orgoglio nella nostra civiltà è del tutto giustificato - il che non nega la consapevolezza delle sue carenze e dei crimini passati - che dobbiamo comprendere il fenomeno dell'oikofobia, poiché comprendendolo possiamo finalmente sperare di combatterlo. Quando ci rendiamo conto che l'oikofobia è una sorta di patologia che si sviluppa in distinte circostanze socio-storiche e non comporta alcun pensiero indipendente particolarmente interessante, ma piuttosto è più una reazione istintiva, siamo meglio attrezzati per affrontarlo nella nostra vita quotidiana.

Benedict Beckeld / Quillette.com (articolo tradotto, il testo originale, in inglese, è disponibile qui)

Guarda anche 

Il professore olandese: "Nessun paese occidentale è mai riuscito a integrare i musulmani"

Sulla base dei suoi 20 anni di studi sull'integrazione e l'assimilazione, il professore di sociologia Ruud Koopmans è giunto alla conclusione che i musulma...
10.03.2019
Mondo

"La mia Europa: europei e tedeschi dell'est con gli occidentali realistici"

Le persone dell'ex blocco orientale sono diverse da quelle occidentali: sono più realistiche. Questo vale sia per gli europei dell'Est che per i tedeschi d...
08.09.2018
Mondo

"L'Islam è un pericolo per l'Occidente"

Thilo Sarrazin (73 anni, nella foto) è ritenuto uno degli autori più controversi e allo stesso tempo uno degli intellettuali più importanti in German...
31.08.2018
Mondo

"L'Islam è la cultura dominante, noi ne abbiamo paura perchè l'Occidente è in crisi di identità"

Lauren Southern è una giornalista indipendente canadese, conosciuta per i suoi seguitissimi reportage "sul campo". Negli scorsi anni, giusto per citarne ...
31.07.2018
Mondo